Un progetto di impresa innovativa in tasca

Di recente nascono importanti iniziative, da Nord a Sud, oltre ai vari percorsi formativi e le ricerche di lavoro, che presentano possibilità anche per i giovani imprenditori o startupper con un’idea di business innovativa da sviluppare.

A Roma – scadenza 12 Giugno “IMMOBILI A DISPOSIZIONE”.

Roma Capitale ha messo a disposizione 20 immobili di sua proprietà:

  • 14 dei quali saranno destinati a progetti innovativi d’impresa proposti da giovani
  • 6 ad attività culturali.

Potrebbe rivelarsi una grande opportunità, per i giovani interessati a mettere in piedi un’impresa o attività culturali nel centro e nella periferia di Roma.

Gli immobili verranno dati ai vincitori in concessione per sei anni, rinnovabili per ulteriori sei.

La domanda di partecipazione dovrà essere inviata al Dipartimento Patrimonio, Sviluppo e Valorizzazione di Roma Capitale.

www.comune.roma.it

CHI PUO’ PARTECIPARE:

per l’assegnazione dei locali

  • micro e piccole imprese e cooperative
  • lavoratori autonomi che si propongano di sviluppare un’iniziativa economica e incrementare l’occupazione,
  • Sarà preferibile essere al di  sotto di 40 anni di età (ed eccoci di nuovo all’annoso limite dell’età, che solo da noi è così importante)

Per l’assegnazione degli immobili

  • enti morali
  • associazioni,
  • fondazioni,
  • organizzazioni di volontariato,
  • onlus o altre analoghe senza scopo di lucro,

sia già costituite che da costituire

CARATTERISTICHE DEL PROGETTO:

  • Dovrà essere un progetto in grado di interagire con il tessuto economico
  • realizzare attività culturali finalizzate a promuovere la produzione culturale diffusa e la rigenerazione del tessuto sociale della città

Da Roma Capitale, dichiarano la volontà di assegnare spazi con la massima trasparenza, attraverso percorsi chiari e secondo precisi criteri di valutazione

Una prassi che consente di “valorizzare le esperienze migliori e la qualità dei progetti, favorire la diffusione culturale e dare impulso all’economia cittadina”.

A Pavia –  scadenza 20 Maggio “CALL 2015”

Nasce il primo social co-working della zona, in collaborazione con il Polo Tecnologico di Pavia.

I cinque progetti selezionati, avranno garantite postazioni di lavoro all’interno dell’open space, avranno supporto amministrativo e, in collaborazione con Polo Tecnologico di Pavia, servizi di mentorship.

CHI PUO’ PARTECIPARE:

  • giovani imprenditori
  • start up,

( senza vincoli di settore)

Sono in palio 5 programmi di incubazione trimestrale, in collaborazione con il Polo Tecnologico di Pavia.

Dopo il percorso di incubazione, saranno assegnate due borse di studio del valore di Euro 2.500, che consentiranno l’accesso nella Silicon Valley all’ambita “Session” di “Mind the Bridge Start-up School” nell’area di San Francisco in California.

Il sito è www.opoentorrevecchiapia.it, basta compilare i campi e inviare 10 slides al massimo, in inglese.

Nell’oggetto va indicato  il nome della start up e specificare candidatura “CALL 2015”.

Per chi intende integrare la documentazione, tanto per dare spiegazioni aggiuntive, è possibile includere o segnalare anche link o caricare ulteriore documentazione foto e video.

Si occuperanno delle selezioni, grandi esponenti del settore, mentor d’eccezione, tra i quali, oltre al sindaco, il General Manager di Polo Tecnologico di Pavia, il Presidente del Piano di Zona dell’Alto Pavese e Marketing Director & Business Developer di Thales Group.

Sabrina Mattia

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

©2017 virgoletteblog.it ideato da Filippo Piccini sito web realizzato da Riccardo Spadaro

Log in with your credentials

Forgot your details?