Radiohead – Una storia di androidi paranoici

Ben tornati all’ascolto di una nuova puntata della rubrica di storia della musica, La Musica del Venerdì.

Ogni appassionato di musica ha le sue fonti per ricercare barlumi di qualità, anche li dove non arriva le luce irradiante del successo commerciale. Grazie a queste fonti ho potuto scoprire e apprezzare autori, bravi ed originali, anche se non destinati a cambiare la storia.

I componenti della band di cui vi parlerò oggi invece non avrei mai potuto mancarli, non solo per il devastante impatto commerciale di cui sono stati capaci, ma anche per il profondo rinnovamento di cui sono stati fautori, prima sulla scena inglese e poi su quella mondiale.

Si formano nel 1988 tra i banchi di un college maschile, nella regione ad est di Londra, denominata Oxfordshire, con il nome, neanche a farlo a posta, On A Friday.

foto Rh1

Nel 1991 con un demo di quattro canzoni, attirano l’attenzione della Emi, che li mette sotto contratto. Nel 1993 esce il primo album “Pablo Honey”, con il quale hanno un buon riscontro di pubblico e nel quale spicca il brano “Creep”. Ma è con il terzo album del 1997 “Ok Computer” che sfondano ovunque.

Il loro è un rock venato di atmosfere elettroniche e malinconiche, nel quale la voce del cantante Tom York rappresenta, con mirabile bravura, l’alienazione e il disagio esistenziale di molti giovani alla fine degli anni ’90.

Se volete vederli, dormienti in piedi..

foto Rh2

se invece volete vederli come i soliti sospetti..

Ed O'Brien, Jonny Greenwood, Colin Greenwood, Thom Yorke, Phil Selway

infine se volete vederli dietro una delle più potenti fonti di alienazione umana..

foto Rh4

 

Con la già citata “Creep”

con il loro brano meno radiofonico “Paranoid Android”

e con la malinconica “2+2= 5”

 

Signore e Signori,

i grandi Radiohead

Buon ascolto e buon venerdì.

 

Fabrizio Savelli

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

©2017 virgoletteblog.it ideato da Filippo Piccini sito web realizzato da Riccardo Spadaro

Log in with your credentials

Forgot your details?