Il Bosco verticale a Milano è il grattacielo più bello del pianeta

A consacrarlo nella notte il Council on Tall Buildings and Urban Habitat che ogni anno elegge il grattacielo più bello e innovativo del pianeta. Il Bosco verticale disegnato e progettato da Boeri Studio nel quartiere Porta Nuova isola a Milano, si è infatti aggiudicato i premio come migliore architettura del mondo 2015 consentendo all’architettura europea di battere tutti gli altri continenti. “Il Bosco verticale è un esempio unico nell’utilizzo del verde in altezza e in proporzione – si legge nella motivazione – la facciata vivente dell’edificio, che incorpora numerosi alberi e oltre 90 specie di piante, svolge il ruolo di interfaccia attiva per l’ambiente circostante. Ciò che rende l’idea eccezionale è l’azione delle piante che agiscono come estensione della copertura interna dell’edificio. La giuria ha definito innovativa l’esplorazione della vitalità del verde su tali altezze”. Il premio è stato assegnato a Chicago nella notte durante una cerimonia nella Clown hall. “Dopo il premio mondiale di Francoforte 2014 – ha commentato l’architetto Stefano Boeri – questo premio è la conferma che il Bosco verticale di Milano è diventato una icona dell’architettura internazionale contemporanea. Sono felice per Milano che nel Bosco verticale ha oggi un simbolo del suo rilancio e per la cultura e l’architettura italiana che confermano un momento di grande innovazione. Il premio al Bosco verticale è un premio al coraggio e al lavoro collettivo di un gruppo di creativi, tecnici, esperti, imprenditori e operai che hanno realizzato a Milano una architettura pioneristica e unica al mondo”. Il Bosco verticale, che è gestito da Coima Sgr di Manfredi Catella, ha come investitore unico Qatar Investment Authority

fonte: askanews.it

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

©2017 virgoletteblog.it ideato da Filippo Piccini sito web realizzato da Riccardo Spadaro

Log in with your credentials

Forgot your details?