Procol Harum – A Whiter Shade of Pal e altri successi

Ben tornati all’ascolto di una nuova puntata della rubrica di storia della musica, La Musica del Venerdì.

Quando Gary Brooker e il paroliere Keith Reid, con l’aiuto di Johann Sebastian Bach,

foto PH1

scrissero il brano “A Whiter Shade of Pale”, certo non sapevano che con il loro organo Hammond avrebbero contribuito a fissare i caratteri costitutivi di un genere, ne che sarebbero diventati schifosamente ricchi.

In realtà, una band neonata sulle ceneri di un’altra, dopo aver preso, storpiandolo, il nome del gatto di alcuni amici

foto PH2

e partendo praticamente dal nulla, il 12 maggio del 1967 pubblicò come primo singolo,  il più grande successo di quell’anno, vendendo nel mese successivo più 2,5 milioni di copie in tutto il mondo.

Certo dopo un tale esordio i Nostri avrebbero potuto anche vacillare, invece riuscirono a piazzare altri successi, che sono diventati inni generazionali per i ragazzi di quegli anni.

Se volete vederli a colori con indosso i vestiti di scena..

foto PH3

se invece volete vedere la copertina del 45 giri su citato..

foto PH4

infine se volete vederli in una foto suggestiva..

foto PH5

Con il brano più famoso “A Whiter Shade of Pale”

con la comunque famosa “Homburg”

con la triste “A Salty Dog”

infine con il brano “Conquistador”

 

Signore e Signori

Ecco a voi

Procol Harum

Buon ascolto e buon Venerdì

 

Fabrizio Savelli

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

©2017 virgoletteblog.it ideato da Filippo Piccini sito web realizzato da Riccardo Spadaro

Log in with your credentials

Forgot your details?