Partita l”Ora della Terra’ dei record, luci spente in oltre 7.000 città

E’ partita dalla Nuova Zelanda la ola di buio, l’Ora della Terra 2016: maratona di luci spente per un’ora che fa il giro del pianeta alle 20.30 di ogni fuso orario. Dopo 24 ore, dunque, terminerà domenica nel Pacifico (8.30 ora italiana) nelle Isole Cook, già colpite dai cambiamenti climatici per l’innalzamento del livello del mare che minaccia ecosistemi e comunità.

Dall’Opera House di Sydney all’edificio più alto del mondo, il Burj Kalifah, dalla Torre Eiffel a Parigi all’Empire State Building di New York fino alla Porta di Brandeburgo a Berlino, i monumenti più famosi del Pianeta si stanno unendo all’Earth Hour, che quest’anno ha toccato il record di spegnimenti e di adesioni con oltre 7000 città, 366 luoghi o monumenti simbolo in 178 Paesi. Record anche per l’Italia con oltre 400 spegnimenti, l’adesione del mondo dello sport, testimonial di eccezione come Piero Angela, Marco Mengoni, Fedez, Niccolò Fabi e Neri Marcorè /Foto.

“L’Ora della Terra è molto più di un evento simbolico: è un movimento di cittadini di tutto il Pianeta che insieme manifestano la volontà di agire contro i cambiamenti climatici e fare la propria parte. Quest’anno l’Ora della Terra si tiene anche sulla scia positiva dell’accordo globale sul clima. L’accordo di Parigi deve ora essere attuato e sarà importante agire da subito per non superare 1,5°C di aumento di temperatura globale e, quindi, per fare a meno dei combustibili fossili”, sottolinea Donatella Bianchi, presidente del WWF Italia.

fonte: adnkronos.com

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

©2017 virgoletteblog.it ideato da Filippo Piccini sito web realizzato da Riccardo Spadaro

Log in with your credentials

Forgot your details?