Tito Boeri: “I voucher creano precarietà e non fanno emergere il lavoro nero”

“I voucher non stanno facendo emergere molto lavoro nero. In alcuni casi creano precarietà e sono controproducenti”. Lo ha detto il presidente dell’Inps, Tito Boeri in una intervista al Tg Zero di Radio Capital. “La cosa più importante, più degli ispettori, è la tracciabilità, cioè conoscere l’intenzione dei datori di lavoro di usare i voucher”, prosegue.

“I voucher sono nati per regolarizzare il lavoro accessorio, creare opportunità di lavoro e integrazione per le fasce più marginali del mercato del lavoro, ma hanno avuto uno sviluppo diverso: in alcuni casi abbiamo una precarizzazione evidente, con lavoratori a tempo indeterminato o determinato che adesso hanno i voucher, e in questo senso sono anche controproducenti”, spiega Boeri.

“L’altro grande obiettivo – prosegue – era quello dell’emersione del nero, e per il momento non sembra esserci grande evidenza: quello che viene fuori è che non sono tanti i lavoratori nelle fasce centrali d’età, si vedono poche persone che prima non lavoravano che di colpo prendono voucher. Il livello dei contributi che raccogliamo è basso, circa 150 milioni, lo 0.2% dei contributi totali dei lavoratori dipendenti, mentre i lavoratori che percepiscono voucher sono l’8%: è molto meno di quello che si potrebbe pensare alla luce del numero delle persone coinvolte.

Quanto agli abusi da parte delle aziende “sembrerebbe esserci un fenomeno di datori di lavoro che usano i voucher in maniera disonesta, per evitare un controllo o per pagare solo in parte le ore di lavoro. Ci sono solo 29 voucher in media per lavoratore, pochi. Gli abusi ci sono. La cosa più importante, più degli ispettori, è la tracciabilità, cioè conoscere l’intenzione dei datori di lavoro di usare i voucher”, conclude.

fonte: adnkronos.com

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

©2017 virgoletteblog.it ideato da Filippo Piccini sito web realizzato da Riccardo Spadaro

Log in with your credentials

Forgot your details?