Sorbetto al pomodoro

Tempo fa, durante un viaggio a Malta, ho assaggiato per la prima volta un sorbetto al pomodoro. Era molto diverso da quello che propongo nella ricetta anche perchè non era dolce ed era servito con i calamari alla griglia.
Nei giorni più caldi di agosto, ripensando al viaggio mi è venuta voglia di ricreare il sorbetto famigerato ma non ho trovato una ricetta che mi soddisfacesse o che non mi facesse impazzire perchè troppo complicata!
Alla fine ho trovato questa che è estremamente semplice e d’effetto.

Ingredienti per 4 persone:

400 g di pomodori ramati maturi
1 limone non trattato con la buccia spessa
100 g zucchero
1/2 bicchiere d’acqua
basilico
menta
tabasco
sale
pepe o zenzero in polvere

Pulisci i pomodori sbucciandoli e svuotandoli dei semini; poi capovolgili per farli scolare bene..

In un frullatore metti 4 o 5 foglie di menta, altrettante di basilico e lo zucchero.

Dopo aver lavato il limone, sbuccialo con il pelapatate e trita bene le zeste, facendo attenzione a non toccare la parte interna bianca, più amara.
Spremi quello che resta e filtrane il succo. Versa in un bicchiere il succo di limone e aggiungi un po’ di acqua fino a raggiungere una quantità totale pari a mezzo bicchiere.

Aggiungi il liquido al contenuto del frullatore e frulla il tutto. Regola con poco sale, pepe (o zenzero in polvere se preferisci) e due gocce di tabasco. Attenzione soprattutto a quest’ultimo, veramente piccante: un dosaggio eccessivo potrebbe rendere il sorbetto immangiabile, quindi le due gocce sono realmente due gocce !

Fai condensare il composto in freezer in un recipiente di metallo, frullalo una seconda volta e lascialo riposare ancora in freezer per qualche ora.

Per quel che riguarda in quantitativo di menta e basilico da usare tieni a mente che più ne usi, più il sorbetto risulterà scuro, quindi se ti piace bello rosso non eccedere.

Bon appétit !

Francesca Cipriani

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

©2017 virgoletteblog.it ideato da Filippo Piccini sito web realizzato da Riccardo Spadaro

Log in with your credentials

Forgot your details?