Panna cotta alla lavanda

Una mia amica ha un cespuglio di lavanda e ogni anno a fine estate ne raccoglie i fiori, li secca e prepara dei sacchettini per profumare la biancheria. Quest’anno la raccolta è stata particolarmente abbondante e me ne sono fatta dare un po’ per usarla in cucina.

La pianta della lavanda ha proprietà rilassanti e calmanti. L’olio essenziale viene usato per alleviare il bruciore causato dalle scottature della pelle. Qualche volta ho bevuto l’infuso ma in cucina non avevo mai provato ad utilizzarla perchè il sapore, al contrario dell’odore, non mi risulta gradevole.

Ma dopo questa ricetta mi sono ricreduta.

Ingredienti per 4 persone:

200 ml di latte vaccino, oppure latte di soia non zuccherato
2 fialette di essenza di vaniglia
2 cucchiai rasi di fiori essiccati di lavanda, non trattati
500 ml di panna da montare per dolci (anche vegetale va bene)
3 bustine di agar agar
60 g di zucchero di canna
miele

Prima di cominciare ricordo che la quantità di agar agar, un addensante naturale, va calcolata in base alle istruzioni della confezione di acquisto. Quello usato da me prevede l’utilizzo di una bustina ogni 250 ml di liquido. Nella ricetta la quantità totale di liquido è di 700 ml quindi ne ho usate tre.

Per prima cosa setaccia con un colino a maglie strette la lavanda perchè deve perdere tutta la “polverina” del fiore secco. Nella mia prima prova la panna cotta è venuta un po’ granulosa.

Lavala bene e strizzala per togliere l’acqua in eccesso.

Metti la lavanda in 200 ml di latte, aggiungi l’essenza di vaniglia e scalda qualche minuto sul fuoco. Appena accenna a bollire spegni, copri con un coperchio e tieni in infusione un’oretta. Attenzione perchè più a lungo dura l’infusione più è forte il sapore della lavanda, un tantino amara. Trascorso il tempo necessario, filtra il latte e lascialo da parte.

Sempre evitando che il liquido arrivi ad ebollizione, fai scaldare a fiamma bassa per 5 minuti metà della panna liquida, lo zucchero e l’agar agar, mescolando con una forchetta costantemente, come se sbattessi le uova ma un po’ più lentamente. Poi unisci la parte restante della panna e il latte che avevi lasciato da parte.

Aggiungi miele a piacere per dolcificare, se occorre. Continua a mescolare per 2 o 3 minuti e togli dal fuoco. Versa il liquido in uno stampo, fai intiepidire e mettilo in frigo fino a quando non si è completamente solidificato (3 ore circa)..

Per chi desidera leggere la ricetta originale la trova qui.

Bon appétit !

Francesca Cipriani

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
1 Commento
  1. sara pixel 1 anno ago

    Grazie di cuore per la citazione!

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

©2017 virgoletteblog.it ideato da Filippo Piccini sito web realizzato da Riccardo Spadaro

Log in with your credentials

Forgot your details?