Pollo alle noci e mango

Questa ricetta proviene direttamente dalle pagine di un libro che mi è stato regalato anni fa: l’autrice è Elena Shang e presenta una serie di patti del suo paese di origine ma rivisti in una chiave più semplice e affine al palato italiano.
Gli ingredienti si possono reperire tranquillamente, con un’avvertenza: il vino di riso ha un sapore molto diverso da quello del vino bianco, per cui chi volesse usare quest’ultimo deve ridurre le dosi. Per quel che riguarda il sapore, non sarà comunque lo stesso.

Ingredienti per 2 persone:

250 g di petto di pollo
1 cucchiaino di zucchero
Salsa di soia
Sale
Olio extravergine di oliva
Foglie di basilico
1 manciata di gherigli di noci
1/2 mango a fettine sottili
1/2 bicchiere di vino di riso
Peperone e pomodoro a pezzettini

Per la marinatura, taglia il petto di pollo a pezzi piccoli, copri con la soia, aggiungi lo zucchero e il sale.
Fa attenzione perché la salsa di soia è già salata in sè, a meno che tu non usi quella senza sale.
Lasciala a riposo per mezz’ora.

Soffriggi il basilico nell’olio (poco) e fai saltare qualche minuto la carne. Aggiungi le noci e il mango affettato.

Dopo circa 2 o 3 minuti aggiungi il vino (se di riso, mezzo bicchiere, se vino bianco, 1/4 di bicchiere).

Aspetta che il sughetto si addensi e spegni. Il pomodoro e il peperone vanno aggiunti all’ultimo, crudi.

Il piatto va servito caldo.

La ricetta originale prevede che venga usato il basilico thai, che non avevo e quindi ho usato quello italiano.
Mi sono documentata ed alcuni parlano di un odore agrumato, altri speziato. Ma sono tutti concordi sulla presenza di una nota di limone. La coltura non è diversa da quella del nostro basilico. Spero un giorno di riuscire a trovarlo. Nel frattempo..

Bon appétit !

Francesca Cipriani

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

©2017 virgoletteblog.it ideato da Filippo Piccini - Sito web realizzato da Riccardo Spadaro - Tema Wordpress: Kleo

Log in with your credentials

Forgot your details?