Aprire un blog può essere una buona vetrina professionale?

Perché in tanti decidono di aprire un blog? Molti lo fanno per condividere una passione, qualcuno per esprimere le proprie opinioni, altri sperano di farne una professione, oppure alcuni lo usano per darsi una possibilità in più se un lavoro già ce l’hanno, individuando nel blog lo strumento  per crescere professionalmente. Tra i tanti motivi che possono spingere una persona ad aprire un blog, c’è anche quello strettamente connesso alla ricerca di un impiego. Non ci credete? In alcuno casi il blog può aiutare a trovare lavoro.

Per esempio Alison Hitz, esperta di contenuti digitali che è riuscita a realizzarsi grazie al suo blog, “The Book Wheel”, in cui parla di libri e politica

Dominique Jackson ha usato il suo blog (Dominiquej.com) come “rampa di lancio” per costruire il suo prsonal brand e dare prova delle sue competenze professionali.

Clio makeup, una make up artist che pubblicando i suoi video su Cliomakeup e dispensando consigli è diventata una delle massime esperte di trucco seguita sia in Italia che all’estero

Le regole di base da seguire sono semplici ma efficaci, i risultati si vedranno nel tempo; quando il lettore avrà preso confidenza con il vostro modo di scrivere e avrà piacere di cercare cosa avete da comunicare.

1. Scegliere una nicchia precisa a cui rivolgersi, ovvero un gruppo specifico di persone che condividono interessi e bisogni simili.

Infatti anche se è scritto bene, si rischia di parlare a tutti, senza raggiungere efficacemente nessuno in particolare.

2. Citare la fonte degli argomenti.

L’originalità sarà premiata, certo alcuni argomenti hanno per forza di cose riferimenti scientifici o altro, l’importante è citare la fonte.

3. Quando si scrive si deve avere presente il lettore, si deve pensare a chi leggerà, che apre e legge il blog. Domande da porsi prima di pubblicare:

– Gli articoli sono di facile lettura?

– Sono scritti correttamente?

– Contengono informazioni utili?

– Catturano abbastanza l’attenzione del lettore?

4. All’inizio è preferibile aprire il blog su piattaforme gratuite, tipo:

  • wordpress.com (versione che ospita il sito sui suoi server), quindi in maniera gratuita. E’ abbastanza semplice da utilizzare. Tutto è impostato dalla piattaforma ospitante. Successivamente si avrà a disposizione un dominio di secondo livello, ovvero tuonome.wordpress.com.
  • wordpress.org (versione professionale) self hosted (self-hosted, in pratica si ha a disposizione uno spazio server tuo sul quale installare il proprio software wordpress, che amministrerà chi gestisce il blog)

Si tratta comunque di una versione gratuita, ma per utilizzarla e creare il proprio blog, si deve acquistare un dominio e uno spazio hosting (è un investimento di circa 50 € l’anno in totale) su cui poi installare la piattaforma.

Tenendo presente queste poche ma essenziali regole, si potrebbe pensare di sfruttare al meglio questa possibilità.

E’ una vera e propria vetrina, da utilizzare anche ad un colloquio di lavoro, o meglio la nostra reputazione sul web (web putation riferimento al link) viene influenzata anche dalle notizie che vogliamo trasmettere,  su un blog capace di testimoniare le nostre attitudini e capacità

Essere l’autore di un blog, di un vero e proprio diario digitale darà un valore aggiunto, che permetterà di distinguersi dalla massa e di essere notato nel mucchio. Ovviamente per convincere il selezionatore, bisognerà investire soprattutto sulla qualità.

Tra i visitatori abituali del nostro blog, potrebbe infatti esserci il nostro futuro datore di lavoro. Potrebbe essere che ne resti tanto colpito da convocarvi ad un colloquio. Allora perché non tentare anche questa possibilità.

Il lavoro dei sogni, o più in generale c’è, ma è molto selettivo, non c’è per tutti ahinoi, e allora sarà bene distinguersi e tentare l’incontro con il nostro futuro datore di lavoro.

Sabrina Mattia

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

©2017 virgoletteblog.it ideato da Filippo Piccini sito web realizzato da Riccardo Spadaro

Log in with your credentials

Forgot your details?