Caos in Aula, salta l’intesa Pd-M5S. Fiano: “La legge elettorale è morta”. Il Colle “preoccupato”

«La Camera approva». Sono le 11.20 del mattino quando l’incidente temuto, evocato, quasi atteso sulla legge elettorale si concretizza nell’aula della Camera. Si vota un emendamento sul Trentino Alto Adige presentato da Forza Italia, che però annuncia di non votarlo per non compromettere il patto sulla legge elettorale. Il voto è segreto, ma per errore, per un attimo, compare il tabellone con le luci verdi e rosse. La presidente Boldrini se ne accorge, fa correggere il tabellone, via, si vota. Franchi tiratori all’opera: l’emendamento passa.

Scattano le urla, le grida «Buffoni!» del Pd all’indirizzo dei Cinque stelle: il deputato dem Emanule Fiano twitta la foto del tabellone erroneamente svelato: «Sono stati in Cinque stelle a far fallire la legge elettorale: hanno votato a favore, questa è la prova», aggiunge. «Oggi il M5S ha dimostrato che la sua parola non vale nulla», urla il capogruppo Pd Rosato, tra le grida da stadio dell’emiciclo. Prende la parola il responsabile delle riforme pentastellato, Danilo Toninelli, «Pd e maggioranza non pensino neanche lontanamente di dare la responsabilità al M5S, hanno oltre 300 deputati, se c’è qualcuno responsabile sono loro. E quest’emendamento è un emendamento di giustizia».

Urla nell’aula. Brusii. Capannelli preoccupati. Nei banchi del governo la sottosegretaria Boschi si attacca al telefono con la mano davanti alla bocca. Molti interventi dei deputati che chiedono la parola si concentrano su quel tabellone segreto svelato. La presidente Boldrini espelle dall’aula il deputato Saverio Romano. Il clima è teso al punto che il relatore del Pd Emanuele Fiano sentenzia: «Gli accordi politici senza coerenza non possono andare avanti». Il deputato Dem rammenta che in Comitato dei 9 «ho espresso parere contrario su questo emendamento, in coerenza con gli impegni presi. Coerenza significa che se il M5s non si è opposto in Commissione torna in quest’Aula e vota nello stesso modo in cui ha votato in Comitato dei 9». «Lo avreste dovuto dire in commissione, non cambiare il voto nel segreto dell’Aula», è la stoccata di Fiano.

«Sta ora alle forze politiche dalle quali quell’accordo era nato, prima di tutto il Pd, continuare sulla sola strada che consente elezioni rapide con una legge elettorale adeguata. Se il partito di Renzi non lo facesse, prendendo a pretesto un incidente d’aula, si assumerebbe una grave responsabilità. Mi auguro che il senso di responsabilità verso gli italiani prevalga anche nel M5S, che se davvero è interessato ad andare presto al voto, e non agisce solo strumentalmente, dovrebbe favorire la rapida approvazione di una legge ampiamente condivisa», scrive Silvio Berlusconi in una nota.

Al Quirinale c’è «preoccupazione» per la situazione venutasi a creare tra le forze politiche rispetto al dialogo avviato su una legge elettorale condivisa. Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha seguito – si è appreso – con molta attenzione l’attività parlamentare odierna.

fonte: LASTAMPA.it

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

©2017 virgoletteblog.it ideato da Filippo Piccini sito web realizzato da Riccardo Spadaro

Log in with your credentials

Forgot your details?