Di Maio cancella il dibattito tv con Renzi: “Mi confronterò solo con il nuovo leader del Pd”

Lo spoglio non è ancora finito, le speranze di Giancarlo Cancelleri sono ancora vive mentre scorrono le proiezioni delle elezioni siciliane, quando Luigi Di Maio decide di stracciare il confronto tv con Matteo Renzi, previsto per domani a diMartedì, il programma di Giovanni Floris su La7. «Il terremoto del voto in Sicilia ha completamente cambiato la prospettiva. Mi confronterò con la persona che sarà indicata come candidato premier da quel partito o quella coalizione». Di Maio fa sapere da Facebook di essere a Caltanissetta, accanto a Giancarlo Cancelleri, di credere ancora in una rimonta, e mostra le percentuali del successo del M5S, a Ostia e in Sicilia, una conferma da una parte e un grande risultato dall’altra, che tale rimarrebbe anche in caso di sconfitta certificata.

Sono numeri che permettono a Di Maio di farsi quasi beffe del suo principale avversario: «Il Pd è politicamente defunto e noi lo abbiamo quasi triplicato. A quello che leggo oggi sui giornali in interviste di esponenti Pd, non sappiamo neanche se Renzi sarà il candidato premier del centro sinistra. Anzi, secondo le ultime indiscrezioni riportate dai media, a breve ci sarà una direzione del Pd dove il suo ruolo sarà messo in discussione. Il nostro competitor non è più Renzi o il Pd». Di Maio ha i toni sprezzanti di chi sente la forza del consenso dalla sua parte, un vento favorevole che i vertici del M5S hanno paura possa dissiparsi in un confronto tv. Molto meglio tenersi alla larga, togliere legittimità al leader Pd e godersi il successo comunque da «vincitori morali» in Sicilia. Anche a rischio di apparire invece perdente sul fronte del coraggio televisivo. Al suo posto, seduto nel salotto di Floris, ci sarà Alessandro Di Battista, ma di fronte a sé avrà solo il conduttore, non Renzi.

Renzi: abbia un sussulto di dignità
«Evitiamo qualsiasi dichiarazione, facciamo domani [martedì 7 novembre n.d.r.] il confronto, o quello che sarà». Matteo Renzi risponde così ai cronisti che, fuori dalla sede fiorentina della Stanford University dove ogni lunedì l’ex premier tiene un corso per gli studenti americani, gli domandavano degli ultimi sviluppi sul dibattito tv con l’M5S. Un pensiero che ha poi condiviso in maniera più dettagliata sul suo profilo Facebook: «Da padre prima che da politico. Di Maio potrebbe essere il nuovo presidente del consiglio, se vinceranno loro. Mi spiace per i miei figli pensare che gli italiani rischino di essere guidati da un leader che è senza coraggio. Che ha paura di confrontarsi. Che inventa scuse ridicole […] se Di Maio ha un sussulto di dignità lo aspettiamo in studio. Altrimenti faremo con i giornalisti».

fonte: LASTAMPA.it

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

©2017 virgoletteblog.it ideato da Filippo Piccini sito web realizzato da Riccardo Spadaro

Log in with your credentials

Forgot your details?