fbpx

CASE A RISPARMIO ENERGETICO, UN INVESTIMENTO PER IL NOSTRO FUTURO

green house by jennifer harrisonAttualmente nel settore edile la caratteristica principale dei nuovi edifici che si costruiscono è la buona efficienza energetica: ovunque infatti, a partire dagli elettrodomestici piccoli e grandi, agli impianti di riscaldamento e alle automobili, la tendenza più diffusa è quella del risparmio energetico o dei combustibili, per la maggiore tutela dell’ambiente.

Una casa a risparmio energetico è il sogno di molte famiglie, che tentano quindi in primis di far in modo che il fabbisogno domestico di energia non vada a pesare troppo sull’ambiente, ma che cercano in questo modo di ottenere un obiettivo molto più concreto e tangibile nella vita quotidiana, ovvero il risparmio sulle bollette.

Sono moltissime infatti le famiglie che oggi- a differenza di un decennio fa- sono disposte ad investire risorse maggiori nella costruzione della casa, in vista però di un ritorno dell’investimento nel medio periodo, in termini di risparmio energetico.

Ma cosa si intende per casa a risparmio energetico? Le maggiori associazioni dei consumatori sono concordi nel dire che la spesa che pesa maggiormente sulla famiglie, è quella per il riscaldamento. E’ proprio sulla dispersione del calore che lavorano le aziende costruttrici di edifici a risparmio energetico: costruiscono edifici ad elevato risparmio energetico (Classe A, A+, Passivhaus), che sempre più spesso prestano attenzione anche all’isolamento acustico, che garantisce una migliore qualità della vita; il risparmio energetico arriva in questi casi all’80% rispetto ai sistemi costruttivi tradizionali.

In Europa, circa il 40% dell’energia totale utilizzata è dispersa dal settore residenziale e terziario, e proprio per questa ragione anche a livello normativo è stato regolamentata la certificazione energetica obbligatoria per tutti gli edifici in vendita/affitto.

Il fabbisogno energetico di un edificio è espresso in chilowattora e fa riferimento ad un anno solare. Le classi energetiche degli edifici sono calcolate sulla base del riscaldamento nei periodi invernali, a determinare la diversa classe energetica ci sono diversi fattori: prima di tutto i materiali di costruzione impiegati, gli isolanti, la tipologia di pareti e serramenti che creano l’involucro dell’edificio e naturalmente il tipo di impianto di riscaldamento che si utilizza.

di Serena Rigato

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

© 2012-2020 virgoletteblog.it creato da Filippo Piccini

Log in with your credentials

Forgot your details?