Massimo Bubola / Chitarrista Elettrico

E’ strano avere una parte importante e fattiva in una storia, e quasi non essere riconosciuti da quella storia. Ben tornati all’ascolto di una nuova puntata della rubrica di storia della musica, La Musica del Venerdì.

Oggi vi parlerò di un ragazzo (classe ’54), che si autodefinisce un chitarrista elettrico, che non ha però perso di vista la musica popolare. Egli afferma che un albero senza radici non ha fronde, è solo un cespuglio che rotola e in Italia c’è attualmente una musica senza radici, il Pop. Come vedete non fa giri di parole per dire quello che pensa.

Quando sentirete il suo nome, la maggior parte di Voi, lo collegherà a qualcosa di già sentito nel fondo del cervello, ma se enunciassi tutte le canzoni che ha scritto o alla cui stesura ha partecipato, vi rendereste conto di aver sempre apprezzato il suo lavoro.

Lega il suo nome, per amicizia e collaborazione, a quello di Fabrizio De Andrè..

foto MB1

..contribuendo agli album: Rimini (’78), l’Indiano (’81) e Le Nuvole (’90). E’ uno dei più bravi e sensibili esponenti della musica d’autore italiana e in assoluto il più sottovalutato, perché malgrado i successi scritti per gli altri, con i suoi dischi non ha mai sfondato, raccogliendo solo una seguito selezionato di appassionati.

Di lui Gianni Mura ha detto: “Per me, quando uno ha messo mano a Fiume Sand Creek e Don Raffaé, è in regola col mondo”.

Se volete vederlo con chitarra elettrica..

foto MB2

se volete vederlo in una vecchia immagine con il grandissimo Faber e Dori Ghezzi..

foto MB3

infine se volete vederlo in una immagine recente ma in bianco e nero..

foto MB4

 

Con la romantica “Tre rose”, alla cui registrazione hanno partecipato lo stesso De André e Mauro Pagani

e con il brano portato al successo da Fiorella Mannoia,  “Il cielo d’Irlanda”, che dedico a tutti coloro che stanno per partire per Dublino

 

Signore e Signori,

ecco Voi

il grande

Massimo Bubola

Buon ascolto e buon fine settimana

 

Fabrizio Savelli

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

© 2012-2020 virgoletteblog.it creato da Filippo Piccini

Log in with your credentials

Forgot your details?