Il profumo – Patrick Suskind

Questa è la storia di una creatura disgraziata. Di un neonato che vede la luce nel fetore di una Parigi del ‘700, tra gli scarti di un banco di pesce, condannato alla morte dalla sua stessa madre. Lo muove una forza ancestrale, un odio atavico nei confronti del genere umano.

Jean Baptiste Grenouille è condannato a percepire tutti gli odori del mondo tranne che il proprio. E per un motivo spaventosamente semplice: lui non possiede alcun odore.
È un essere agghiacciante, privo di emozioni, Jean Baptiste, e il mondo lo ripaga con la stessa abominevole indifferenza.
Il suo unico scopo è attirare su di sè l’attenzione degli uomini, uscire dall’anonimato al quale sembra essere condannato, e lo persegue nel modo più sconvolgente.

Anzichè costruire, distrugge.

Non cerca il rapporto umano, Grenouille. Nella sua logica malata usa gli altri per rubarne l’odore ed indossarne la fragranza, per uscire finalmente dal suo incubo, per essere amato. Ma il suo odio nei confronti del genere umano ha radici troppo profonde.

Francesca Nanni

© 2012-2019 virgoletteblog.it ideato da Filippo Piccini sito web realizzato da Riccardo Spadaro

Log in with your credentials

Forgot your details?