Rosa candida – A. Ava Ólafsdóttir

Cosa significa avere ventidue anni ?
Troppo presto per sapere cosa vuoi fare da grande, troppo grande per continuare a crogiolarti nella casa di papà.
Soprattutto se ti capita di diventare padre all’improvviso, dopo la storia di una sola notte, e dopo aver perso la tua adorata madre in un incidente stradale.
Ed è così che il nostro “caro Lobbi” lascia la sua terra e la sua casa, portando via con sé solo talee di rosa candida e poche certezze.
Viaggerà solo, parlando lingue diverse dalla sua, e attraverso questi linguaggi sconosciuti imparerà ogni giorno qualcosa in più su se stesso.
Ma una meta ce l’ha, ben chiara. Vuole raggiungere quello che un tempo è stato il giardino più bello del mondo, e riportarlo all’antico splendore.
Ingenuo, il nostro “caro Lobbi”, a credere che si esaurisca tutto qui, che tutto sia così semplice. Che sistemare un giardino voglia dire soltanto piantare delle rose.
Perché tutto, come da sempre gli ripete il padre, nasconde un significato che va oltre il singolo fatto, tutto accade per un motivo.
Ed è così che si parte per un viaggio che si è ancora ragazzi e si torna, sì forse si torna, uomini.

 

Francesca Nanni

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

© 2012-2019 virgoletteblog.it ideato da Filippo Piccini sito web realizzato da Riccardo Spadaro

Log in with your credentials

Forgot your details?