Eros e Thanatos / Autori Vari

Ben tornati a l’ascolto di una nuova puntata della rubrica di storia di musica, La Musica del Venerdì.

La puntata di oggi mi è stata suggerita da un amico, cantante, musicista e depositario di un sapere enciclopedico.

Vi ho già parlato dei Buckley, padre e figlio..

foto-et2

Dovete sapere che ci sono alcune canzoni collegate tra di loro, che ruotano intorno a questa sfortunata famiglia.

La prima è “Song to the Siren” di Tim Buckley in una versione acustica dal vivo. Il brano parla di un marinaio che ammaliato dal canto di una sirena se ne innamora perdutamente e poi muore. Quasi un infausto presagio della morte per annegamento del figlio Jeff.

Il secondo brano è la cover di “Song to the Siren” fatta dai  This mortal Coil, un super gruppo fondato nel 1983, che nel 1984 ebbe il merito di far riscoprire al mondo Tim Buckley, ormai da anni dimenticato sugli scaffali degli album a 5 dollari, come disse il figlio Jeff, prevedendo la stessa fine per se stesso.

La voce è quella di Elizabeth Fraser

foto-et3

A questo punto vi devo dire che Jeff Buckley adorava la Fraser, già cantante dei Cocteau Twins,  e dopo la pubblicazione della canzone, volle conoscerla. Dell’incontro fra i due non abbiamo notizie, ma deve essere stato amore a prima vista, infatti ebbero una intensa storia d’amore.

Con il brano “Morning Theft” nell’album “Sketches from my sweetheart the drunk” Jeff pentito ci racconta come la storia finisca a causa del suo attaccamento alla carriera, che lo ha portato a trascurare tutto quello che avevano in comune.

Esiste una sola canzone che attesta la collaborazione tra i due, “All the flowers in time bend towards the sun” purtroppo mai pubblicata in un disco ma presente da qualche anno su YouTube. A questo proposito, la Frazer in una intervista, si lamenta di questo fatto, non vuole che la gente ascolti il brano, che Lei ritiene non finito.

Ma è veramente una bella canzone ed è un peccato non ascoltarla


L’ultima canzone è “Teardrop” dei Massive Attack, canzone pensata per essere cantata proprio da Jeff, a cui prestò poi la voce Elizabeth, che scrisse anche il testo. A quel tempo si erano già allontanati, ma poiché Jeff morì proprio durante la registrazione del brano, la Frazer malinconicamente, glielo dedicò.

 

Signore e Signori

Buon ascolto e come sempre buon Venerdì

 

Fabrizio Savelli

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

© 2012-2019 virgoletteblog.it ideato da Filippo Piccini sito web realizzato da Riccardo Spadaro

Log in with your credentials

Forgot your details?