L’Ue blinda l’accordo sul nucleare iraniano. Boris Johnson polemizza con Trump: “Nessuna alternativa”

L’accordo sul nucleare iraniano «funziona e va difeso»: l’Europa accoglie a Bruxelles il ministro degli Esteri di Teheran, Javad Zarif (tra sporadiche proteste di attivisti per i diritti umani che manifestano di fronte alle istituzioni) e “blinda” l’intesa con la Repubblica Islamica osteggiata dal presidente Usa, Donald Trump. L’Unione europea «resta impegnata per la piena attuazione dell’accordo sul nucleare iraniano, un accordo che funziona ed è cruciale per la sicurezza del mondo», ha ribadito l’Alto rappresentante dell’Ue per la politica estera, Federica Mogherini, al termine dei colloqui con Zarif e i ministri degli Esteri dei tre Paesi europei negoziatori per il nucleare iraniano, il francese Jean-Yves Le Drian, il tedesco Sigmar Gabriel e il britannico Boris Johnson.

«Non c’è alternativa all’implementazione dell’accordo sul nucleare iraniano», per questo è necessario «restare vigili» per verificare la sua applicazione, aggiunge il francese Le Drian sottolineando comunque che esistono dei «punti di disaccordo» con Teheran sullo sviluppo di missili balistici. «È importante che l’accordo sia rispettato e ad oggi non ci sono indicazioni che possano sollevare dubbi sul rispetto dell’accordo da parte degli iraniani», aggiunge Le Drian, «non ci sono ragioni particolari per una rottura».

Si spinge oltre il capo della diplomazia britannica, Boris Johnson, che con una punta polemica indirizzata all’altra parte dell’Atlantico sottolinea che «non ci sono alternative all’accordo sul nucleare» del luglio 2015 che riduce di due terzi la capacità di arricchimento dell’uranio di Teheran. «Chi è contrario dovrebbe proporre un’alternativa che fino a ora non è arrivata», avverte il titolare del Foreign Office Allo stesso tempo, prosegue Johnson, serve costruire un sostegno internazionale attorno all’intesa sul nucleare iraniano e invitare Teheran a contribuire alla soluzione delle crisi che riguardano la regione. «Diamo grande valore all’accordo sul nucleare – ha detto Johnson – è un risultato diplomatico considerevole, un modo di bloccare l’Iran dallo sviluppare armamenti nucleari. L’Europa difenderà l’accordo sul nucleare iraniano «contro ogni possibile decisione che lo indebolisca», ha confermato il ministro degli Esteri tedesco Sigmar Gabriel, perché «sarebbe un segnale molto pericoloso per il resto del mondo se l’unico accordo che impedisce la proliferazione delle armi nucleari fosse negativamente influenzato».

fonte: LASTAMPA.it

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

© 2012-2018 virgoletteblog.it ideato da Filippo Piccini sito web realizzato da Riccardo Spadaro

Log in with your credentials

Forgot your details?