Diminuisce la disoccupazione, Italia fa da traino all’Europa

Il numero degli occupati aumenta, quello dei disoccupati diminuisce, e l’Italia fa da traino alla ripresa in Europa. In un anno, tra dicembre 2016 e dicembre 2017, il numero di senza lavoro si è ridotto di due milioni, e più della metà della diminuzione vista nell’Ue è stata possibile «grazie alla flessione in quattro Paesi: Spagna (460mila), Italia (270mila), Francia (200mila) e Polonia (190)». L’ultima analisi trimestrale dell’occupazione prodotta dalla Commissione europea mostra continui miglioramenti, e mette in luce i progressi compiuti dall’Italia. Nella penisola i maggiori progressi in termini di taglio alla disoccupazione giovanile, che resta però la terza più elevata così come alta è la quota di quanti pur idonei al lavoro non lo cercano.

Miglioramenti generali
L’esecutivo comunitario sottolinea i cambiamenti positivi registrati a livello generale. Attualmente la popolazione attiva europea (15-64 anni) è di 240,3 milioni di persone, vale a dire 4,3 milioni in più rispetto ai livello del 2008, l’anno in cui è scoppiata la crisi. In un anno l’occupazione è crescita dell’1,7%, che nella pratica vuol dire quattro milioni di lavoratori in più (di questi, 2,7 milioni sono nella zona euro), e ancor più in generale il tasso occupazionale dell’Ue per la fascia d’età compresa tra i 20 e i 64 anni «è aumentato costantemente nel corso degli ultimi tre anni», attestandosi al 72,3% nel terzo trimestre del 2017. E’ questo «il livello più alto mai registrato», sottolinea il commissario per l’Occupazione e gli affari sociali, Marianne Thyssen, secondo cui è questo il momento di spingere per più ampie riforme del mercato del lavoro. «Dovremmo sfruttare al massimo questa dinamica economica positiva e offrire ai cittadini diritti nuovi e più efficaci», vale a dire «condizioni di lavoro eque, accesso paritario al mercato del lavoro e protezione sociale dignitosa».

Italia, ancora tanto da fare
La buona notizia è che ci sono progressi anche «forti», la cattiva notizia è che non bastano. Mettendo a confronto le cifre di dicembre 2016 con quelle di dicembre 2017, il tasso di disoccupazione giovanile è diminuito di 6,9 punti percentuali. Nessuno ha fatto meglio dell’Italia, che rimane però ai primi posti per numero di under25 senza lavoro (terza, con il 32,2% del totale della fascia di popolazione), dietro a Grecia (40,8%) e Spagna (36,8%). Ciò non toglie che vengono riconosciuti i meriti del caso: «Il tasso di disoccupazione giovanile è diminuito in modo considerevole in Italia», riconoscono a Bruxelles.

Si mette inoltre in risalto il contributo nazionale alla generale diminuzione della disoccupazione nell’Ue e nell’Eurozona. In termini assoluti il taglio dei senza lavoro in Italia è il secondo (-270mila), ma il Belpaese viene preso a modello, con tanto di citazione, anche per motivi meno positivi. Nonostante i miglioramenti, il mercato del lavoro italiano è uno di quelli dove si fa più fatica a rientrare una volta usciti. L’Italia è il terzo Paese dell’Ue per tasso di disoccupazione di lunga durata, quella che dura dai 12 ai 24 mesi, dietro Grecia e Spagna. E poi ancora l’Italia è quella che più di tutti fa fatica a intercettare il potenziale lavorativo esistente. L’11,4% della popolazione in età attiva sarebbe abile al lavoro, ma non oltre a non svolgerlo neppure lo cerca. E’ questo il dato più elevato d’Europa. Impliciti suggerimenti per riforme o misure da prendere.

fonte: LASTAMPA.it

  • 8
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    9
    Shares

© 2012-2018 virgoletteblog.it ideato da Filippo Piccini sito web realizzato da Riccardo Spadaro

Privacy Preference Center

Strictly Necessary

These cookies are essential for websites built on Wordpress to perform their basic functions. These include those required to allow registered users to authenticate and perform account related functions.

wordpress_test_cookie, wordpress_{hash}, wordpress_logged_in_{hash}, wp-settings-{user_id}, wp_sharing_{id}

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?

Log in with your credentials

Forgot your details?