The Terror (serie tv) – David Kajganich

L’uomo non è fatto per avere confini. É una creatura affamata di gloria, curiosa e talvolta avventata. Eppure questo suo essere così complesso e, talvolta superbo, lo ha portato dove era impensabile arrivare.
Ci sono state imprese guidate da argonauti visionari che hanno spinto se stessi e gli uomini che li seguivano in luoghi inaccessibili e ostili, sfidando una natura sconosciuta e spesso impietosa.

The Terror, da poco approdata su Amazon Prime Video, è una serie imponente e monumentale basata sull’omonimo romanzo di Dan Simmons del 2007.
La grande sfida della serie è quella di portare sullo schermo l’epopea di due navi della Royal Navy britannica in viaggio verso i ghiacci dell’Artico alla ricerca del Passaggio a Nord-Ovest.

La rotta che la Erebus e la Terror seguono, porterà gli equipaggi a scontrarsi con una terra abbacinante e gelida, dove il ghiaccio regna indisturbato e intrappola tutto ciò che incautamente cerca di attraversarlo.
The Terror è una storia fatta di coraggio, scelte sbagliate, uomini ambiziosi e paura dell’ignoto. Senza rendercene conto ci ritroveremo a respirare l’odore delle stive piene di carne avariata, a camminare sui pontili lastricati di neve indurita e a cercare di fendere l’orizzonte con gli occhi, alla ricerca disperata di un passaggio verso la salvezza.

La messa in scena è superba, con una ricostruzione doviziosa e realistica delle scenografie, tanto che le navi sono tangibili nel loro scricchiolare sotto la pressione del ghiaccio. Splendida anche la fotografia che ci regala un mondo cupo seppur totalmente bianco. A rendere poi la serie un piccolo gioiello, è la scelta di un cast (Jared Harris, Tobias Menzies, Ciaràn Hinds e Paul Ready) perfettamente fuso con i propri personaggi.

The Terror sceglie una narrazione lenta, che amplifica la sensazione di isolamento che l’equipaggio vive giorno dopo giorno. É quasi possibile avvertire il profondo senso di smarrimento e paura quando le inquadrature mostrano l’impietoso scontro tra le due navi e la distesa di ghiaccio. Sboccia così nello spettatore una forma d’empatia verso gli uomini che sono costretti ad affrontare i rigori artici, la fame e la morte.

La serie è poi una medaglia con due facce. Se da un lato assistiamo alla cruda lotta per la sopravvivenza degli uomini della Terror e della Erebus, dall’altro avvertiamo la presenza inquietante di una creatura predatrice e dotata d’intelletto.
L’equipaggio si troverà così a dover contrastare l’attacco di due forze inarrestabili e primitive, la natura e la creatura misteriosa.

La mia curiosità verso The Terror è stata fisiologica poiché la serie mescola l’epicità di un viaggio verso l’ignoto, dove l’uomo si svela in tutte le sue sfaccettature, ai misteri legati al mare e ai suoi luoghi inaccessibili.

Se siete pronti ad avventurarvi in questa folle, e comunque necessaria, avventura allora salite a bordo della Terror o della Erebus. Ciò che vi aspetta è un viaggio tortuoso, quasi senza speranza, ma che vi svelerà la vostra vera natura.

Buon Viaggio

Serena Aronica

 

  • 6
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    7
    Shares

© 2012-2018 virgoletteblog.it ideato da Filippo Piccini sito web realizzato da Riccardo Spadaro

Log in with your credentials

Forgot your details?