Undici milioni di italiani indebitati per pagare pillole, analisi e visite mediche

Per pillole, visite e analisi gli italiani spendono sempre più di tasca propria, al punto che 11 milioni di assistiti si sono dovuti indebitare per pagarsi le cure. Addirittura tre milioni sono stati costretti a vendere casa per fronteggiare spese sanitarie che gli economisti definiscono “catastrofiche”. Del resto i numeri parlano chiaro: la spesa sanitaria privata quest’anno lambirà il muro dei 40 miliardi, proseguendo una corsa che dal 2013 al 2017 l’ha vista crescere del 9,6%. Mentre quella pubblica pro-capite reale in sei anni, dal 2010 al 2016, si contraeva dell’8,8%. Dato in controtendenza rispetto a Germania (+ 11,4%) e Francia (+6,2%). A descrivere l’altalena della spesa sanitaria italiana e i suoi deleteri effetti su chi ha redditi più modesti è l’8° Rapporto Censis-Rbm Assicurazione salute presentato oggi a Roma.

La spesa sanitaria privata infatti crea più diseguaglianze, pesando maggiormente sulle famiglie meno agiate. Fatta cento l’incidenza degli esborsi per le cure, sulla spesa per i consumi di un operaio questi incidono per 106, di un imprenditore solo per 74. Anche nella graduatoria regionale dell’incidenza della spesa sanitaria privata sul reddito delle famiglie nella parte alta della classifica, affianco a regioni del nord come Valle d’Aosta e Friuli, compaiono Basilicata, Calabria, Sardegna e Puglia a smentire il luogo comune che vuole più alte le uscite di tasca propria dove maggiore è il benessere economico.

Del resto basta vedere per quali prestazioni hanno speso maggiormente gli italiani: 7 su 10 hanno acquistato farmaci per 17 miliardi di euro, 6 su 10 visite specialistiche (7,5 miliardi), 4 su 10 cure odontoiatriche ( oltre 8 miliardi), 5 su 10 accertamenti diagnostici e analisi di laboratorio ( 3,8 miliardi). In pratica oltre un quarto della spesa privata è generato dall’acquisto di prestazioni dove l’accesso è ostacolato dalle liste d’attesa troppo lunghe. Una fetta consistente delle uscite alla voce salute non sarebbero dunque dovute a una libera scelta ma dalla necessità di ottenere la prestazione prima che sia troppo tardi.

E il problema è che di questi 40 miliardi oltre il 90% è spesa privata “out of pocket”, ossia non mediata da fondi integrativi o mutue. Il che significa che se l’esborso medio per cittadino è oggi di 655 euro, chi deve affrontare vere emergenze sanitarie poco garantite dal pubblico, come assistenza domiciliare o riabilitazione dopo una malattia invalidante, va incontro a spese insostenibili senza il salvagente di una polizza o di un fondo. E le cose andranno peggio in futuro se sono vere le previsioni degli autori del rapporto, che nel 2025 valutano sopra la soglia dei mille euro pro-capite i costi sostenuti privatamente dagli italiani per la salute. “In questo contesto -commenta l’Ad di Rbm, Marco Vecchietti- l’assenza di una sanità integrativa strutturata come secondo pilastro non preserva affatto l’universalismo e l’eguaglianza, anzi mette i cittadini nella condizione di poter accedere alla cure solo in ragione della propria capacità reddituale”.

Il problema sarà capire la natura di questo secondo pilastro della nostra sanità. Fino ad oggi si è assistito ad un proliferare di fondi aziendali di natura contrattuale, che vista l’esiguità delle risorse sul piatto hanno offerto a sempre più lavoratori una copertura ridotta però ai minimi termini. Incassando vantaggi fiscali sulla cui efficacia la neo-ministra della salute, Giulia Grillo, ha dichiarato di voler vederci chiaro. Se a favore di una sanità integrativa più strutturata o di un pubblico meglio finanziato si vedrà.

fonte: LASTAMPA.it

  • 5
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    6
    Shares

© 2012-2018 virgoletteblog.it ideato da Filippo Piccini sito web realizzato da Riccardo Spadaro

Log in with your credentials

Forgot your details?