Macron lancia il “reddito universale” per sconfiggere la povertà

Basta con l’assistenzialismo tradizionale, i sussidi sociali a pioggia e senza condizioni, il modello socialdemocratico di un tempo. Emmanuel Macron oggi, lanciando un ambizioso «piano povertà» per sconfiggere la miseria in Francia, ne ha approfittato per annunciare uno strumento nuovo nel suo Paese, il «reddito universale di attività», che decollerà con una legge ad hoc nel 2020.

La Francia già prevede un reddito minimo garantito destinato a tutti coloro che non lavorano e che non beneficiano più dei sussidi di disoccupazione. Creato sotto la gestione socialista, negli anni Ottanta, ai tempi di François Mitterrand, era l’Rmi, ritoccato e riconvertito da Nicolas Sarkozy in Rsa (Revenu de solidarité active), pari attualmente a 550 euro mensili. Il «reddito universale di attività», però, modificherà sostanzialmente il sistema, perché sarà accessibile anche a chi lavora e non guadagna sufficientemente per poter vivere in maniera decente. Come sottolineato oggi dal presidente francese, dovrà «garantire una soglia minima di dignità a tutti». E «sarà universale, perché ognuno potrà accedervi, dal momento in cui i suoi redditi passeranno sotto una certa soglia».

Non solo, il nuovo reddito sarà «semplice, equo e trasparente» rispetto all’Rsa, che comporta troppe variazioni e non è sempre di facile accesso, tanto che molti francesi che ne avrebbero diritto non arrivano neanche a usufruirne. «Vogliamo fondere il grosso delle nostre prestazioni sociali – ha spiegato Macron – così da apportare alla gente bisognosa una risposta unica». Rispetto alla situazione attuale, però, il presidente vuole inserire paletti e obblighi, per verificare che il beneficiario stia davvero cercando un lavoro. Il nuovo reddito universale d’attività «sarà sottoposto a diritti e doveri supplementari rispetto e solo così offrirà il diritto a essere aiutato e accompagnato ». In sostanza Macron ha spiegato che il beneficiario «dovrà seguire un percorso di inserimento professionale in cui sarà impossibile rifiutare più di due ofefrte di lavoro consecutive».

Più globalmente il «piano povertà» prevede investimenti per otto miliardi nei prossimi quattro anni. Uno degli obiettivi è combattere la miseria nei primi anni d’età, ad esempio dando la possibilità di fare la colazione a scuola ai bambini delle famiglie più povere. Si finanzieranno anche nuovi asili nido nei quartieri più problematici, per migliorare l’accesso delle madri al mondo del lavoro. Macron ha già proceduto in questa aree allo sdoppiamento delle classi di prima e seconda elementare, perché gli insegnanti abbiano più tempo per seguire i bambini più bisognosi.

In Francia 8,8 milioni di persone vivono sotto la soglia della povertà, il 14% della popolazione. Con quest’operazione Macron punta anche a recuperare consensi nelle classi sociali più disagiate, lui che nei media e dagli oppositori viene ripetutamente definito il «Presidente dei ricchi».

fonte: LASTAMPA.it

  • 2
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    3
    Shares

© 2012-2018 virgoletteblog.it ideato da Filippo Piccini sito web realizzato da Riccardo Spadaro

Log in with your credentials

Forgot your details?