Annuncio a sorpresa: il Qatar lascerà l’Opec

Il Qatar annuncia che da gennaio 2019 lascerà l’Opec, l’Organizzazione dei Paesi produttori di petrolio che dagli Anni Sessanta ha condizionato e cercato di regolare il mercato degli idrocarburi. L’annuncio è stato dato dal ministro dell’Energia Saad Sherida al-Kaabi. Il Qatar faceva pare dell’organizzazione fin dal 1961. La decisione fa parte del piano strategico per rafforzare l’economia dell’Emirato, sottoposto dal 5 giugno 2017 a un blocco commerciale da parte di Arabia Saudita, Egitto, Bahrein ed Emirati arabi uniti.

Al-Kaabi ha spiegato che con l’uscita dall’Opec il Qatar potrà sviluppare senza vincoli la sua industria del gas. L’Emirato ha riserve fra le più grandi del mondo, assieme a Iran e Russia, per valore stimato in 45 mila miliardi di dollari. E’ già il primo esportatore al mondo per quanto riguarda il metano liquefatto e ora vuole mettere a frutto questo tesoro a ritmi più serrati. La produzione di petrolio è invece limitata.

L’Opec si riunirà il 6 e 7 dicembre a Vienna per trovare un accordo sui tagli alla produzione necessari per sostenere in corso del greggio. Il prezzo del barile Brent è crollato da 80 a 60 dollari dopo che gli Stati Uniti hanno annunciato esenzioni per otto Paesi importatori di petrolio dall’Iran. Le sanzioni sono così risultate meno incisive e la temuta sottrazione di 2 milioni di barili dal mercato è stata rinviata di almeno sei mesi. Di qui la necessità di ridurre le estrazioni da parte degli altri Paesi produttori.

Il Qatar vede però ormai il suo futuro al di fuori dell’Opec, dominato dall’Arabia Saudita, il maggior produttore dell’organizzazione con oltre 11 milioni di barili al giorno. Riad punta sull’accordo con la Russia, altro grande esportatore ma al di fuori dell’Opec. Con soli 2,6 milioni di abitanti, di cui soltanto 300 mila con cittadinanza, l’Emirato conta sulle sue sterminate riserve di gas, da usare con la massima libertà, per superare la crisi ed emergere con nuova piccola potenza del Golfo.

fonte: LASTAMPA.it

  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share

© 2012-2018 virgoletteblog.it ideato da Filippo Piccini sito web realizzato da Riccardo Spadaro

Log in with your credentials

Forgot your details?