Cesare Battisti arrestato in Bolivia, subito il rientro in Italia

Stava camminando per le strade di Santa Cruz de La Sierra, camuffato con barba e baffi, quando è stato fermato dalla polizia. Non ha tentato di fuggire e ha risposto in portoghese. È finita in Bolivia la fuga di Cesare Battisti. L’ex terrorista dei Pac aveva fatto perdere le sue tracce a dicembre dopo che era stato spiccato nei suoi confronti un ordine di cattura. Secondo gli investigatori si trovava lì da giorni. Ad eseguire l’arresto una squadra speciale dell’Interpol con agenti italiani. Battisti deve scontare l’ergastolo per quattro omicidi in concorso avvenuti alla fine degli anni Settanta in Italia, nel 1981 era evaso dal carcere di Frosinone e non era più tornato nel nostro Paese.

Aereo del governo italiano in volo verso la Bolivia: domani il rientro
Un aereo del governo italiano con a bordo anche uomini dell’Aise – l’Agenzia d’intelligence che si occupa dell’estero e il cui contributo è stato fondamentale per arrivare all’arresto di Battisti – e investigatori della Polizia è già decollato per la Bolivia. L’arrivo è previsto per oggi (alle 21 ora italiana). Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, attraverso un post su Facebook, ha annunciato che il ritorno in Italia di Battisti è partito già per domani: «Cesare Battisti rientrerà in Italia nelle prossime ore, con un volo in partenza da Santa Cruz e diretto a Roma. Poco fa ho sentito al telefono il Presidente del Brasile, Jair Bolsonaro, che ho voluto ringraziare a nome di tutto il governo italiano per l’efficace collaborazione che ha portato alla cattura di Battisti. E allo stesso modo ringrazio le autorità boliviane. È un grazie con il quale sento di interpretare anche il sentimento delle famiglie delle vittime e di tutti coloro che chiedevano fosse fatta giustizia.Siamo soddisfatti di questo risultato che il nostro Paese sta aspettando da troppi anni».

L’accordo: niente ergastolo
«In Brasile non c’è l’ergastolo, è vietato dalla Costituzione: per questo l’Italia si è impegnata per garantire che non sarà applicato a Battisti. Questo è frutto dell’accordo, della cosiddetta “condizione accettata”, concluso il 5 e 6 ottobre del 2017. Per cui a Battisti, una volta estradato, sarà applicata la pena massima di 30 anni». È quanto spiega l’ex direttore degli Affari di Giustizia del ministero, Raffaele Piccirillo, che seguì direttamente il caso quando ministro era Andrea Orlando. «L’autorità che doveva concedere l’estradizione, ossia il Brasile, ha apposto la condizione legata all’ergastolo e il ministro della Giustizia l’ha accettata», afferma Piccirillo, spiegando che questo è legato all’asimmetria tra il sistema giudiziario brasiliano, che «non prevede l’ergastolo e anzi lo considera incostituzionale e quello italiano, dove invece l’ergastolo è formalmente ancora previsto», anche se di fatto non trova più concreta applicazione. Senza questa intesa, il via libera all’estradizione, il cui iter era già stato espletato, si sarebbe arenato. «Trent’anni – aggiunge Piccirillo – sono il tetto sanzionatorio accettato dal Brasile e su cui c’è l’impegno». Un tetto che potrebbe essere rivisto al ribasso? «Sul piano tecnico – spiega il magistrato – si potrà valutare se Battisti può usufruire dei benefici penitenziari, come la liberazione anticipata prevista dall’articolo 4 bis dell’ordinamento penitenziario. Quest’articolo, però, è entrato in vigore dopo la condanna di Battisti, che in ogni caso potrà beneficiarne dopo aver scontato metà della pena, quindi ritengo non ci sia nulla di immediato, si parla di almeno 15 anni di tempo».

Le indagini
Sarebbero state le indagini disposte e coordinate dalla Procura Generale di Milano a portare a individuare Cesare Battisti. A contribuire alla sua cattura ci sarebbero stati sistema di intercettazioni sofisticati e la collaborazione della polizia boliviana. Sulle sue tracce un team di poliziotti di Criminalpol, Antiterrorismo e Digos Milano che, con la collaborazione dell’intelligence italiana, lo ha pedinato fino all’arresto da parte della polizia boliviana. Pochi giorni fa, dopo un breve ritorno in Italia, gli investigatori hanno avuto le conferme che attendevano: con i colleghi brasiliani e boliviani è stata circoscritta l’area e ieri si è deciso di intervenire. In un video diffuso dal profilo twitter della Polizia di Stato, si vede l’ex leader dei Proletari armati per il comunismo, maglietta nera e jeans, camminare spedito tra i negozi pochi istanti prima che lo prendessero.

La richiesta negata di asilo in Bolivia
Il sospetto da parte della polizia brasiliana che Cesare Battisti fosse fuggito in Bolivia è sorto da quando, tra la metà e la fine di novembre, si erano perse le sue tracce. Sospetto che è diventato una certezza quando, dopo la firma del decreto di estradizione, il suo legale ha presentato la richiesta di asilo politico poi negata da La Paz. È quel che spiegano fonti investigative che hanno seguito il caso dell’ex terrorista dei Pac arrestato ieri a Santa Cruz de la Sierra, cittadina boliviana. In un primo momento, nella ridda di informazioni che si sono susseguite nell’immediatezza della sua cattura, è stato riferito che Battisti fosse in possesso di documenti falsi. In realtà in un secondo momento è stato appurato che i documenti che aveva in tasca erano autentici e rilasciati dalle autorità brasiliane.

Il tweet del figlio del presidente brasiliano Bolsonaro a Salvini
Il deputato e figlio del presidente brasiliano Bolsonaro ha lanciato un messaggio su Twitter direttamente al ministro dell’ Interno italiano: «Il Brasile non è più terra di banditi. Matteo Salvini “il piccolo regalo” è in arrivo». «Il terrorista italiano Cesare Battisti è stato arrestato in Bolivia questa sera (tra sabato e domenica) e sarà presto riportato in Brasile, da dove sarà probabilmente inviato in Italia per scontare la pena a tempo indeterminato, in conformità con la decisione della giustizia italiana», ha poi twittato Filipe G. Martins, consigliere speciale del nuovo presidente brasiliano Jair Bolsonaro per gli affari esteri.

Le reazioni politiche

Mattarella: “Sia consegnato presto alla giustizia italiana”
In un comunicato dell’Ufficio stampa del Quirinale il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha espresso la sua soddisfazione per l’arresto in Bolivia del latitante Cesare Battisti. Mattarella «si augura che Battisti venga prontamente consegnato alla giustizia italiana, affinché sconti la pena per i gravi crimini di cui si è macchiato in Italia e che lo stesso avvenga per tutti i latitanti fuggiti all’estero».

Conte: “Giustizia per le vittime. Ora lo attendono le nostre carceri”
Il premier Giuseppe Conte si affida a Facebook per esprimere la propria soddisfazione: «Le famiglie Santoro, Torregiani, Sabbadin, Campagna potranno finalmente ottenere giustizia. La cattura e l’espulsione di Cesare Battisti sono un risultato atteso da oltre quarant’anni, che dovevamo soprattutto a loro, come pure alle altre vittime delle sue azioni criminali». «Ad attenderlo qui da noi ci saranno le nostre carceri affinché possa espiare le condanne all’ergastolo che i tribunali italiani gli hanno inflitto a suo tempo con sentenze passate in giudicato, non certo a causa delle sue idee politiche, bensì per i quattro delitti commessi e per i vari reati connessi alla lotta armata e al terrorismo».

Salvini: “Deve marcire in galera fino all’ultimo dei suoi giorni”
Cesare Battisti è un «delinquente che non merita una comoda vita in spiaggia ma di finire i suoi giorni in galera» ha affermato il vicepremier e ministro dell’Interno Matteo Salvini, postando sui social una foto di Battisti sovrastata dalla scritta «la pacchia è finita». Poi i ringraziamenti alle Forze dell’Ordine italiane e straniere per il lavoro svolto, e al presidente brasiliano Jair Bolsonaro e al nuovo governo brasiliano. L’auspicio del ministro è che Battisti sconti tutta la sua pena dietro le sbarre: «Non deve uscire vivo di galera perché quando toglieva la vita agli innocenti non si è posto il problema se l’ergastolo fosse umano e disumano. Il mio impegno è che questo maledetto delinquente sconti la sua pena. Ovviamente dovrà marcire in galera fino all’ultimo dei suoi giorni. Non deve uscire vivo dalla galera». Poi, «andremo a chiedere conto, a nome dei morti e dei feriti, a tutti quei pollici, intellettuali, registi e cantanti che hanno firmato gli appelli per un assassino comunista. Perché loro hanno la coscienza sporca come quell’assassino».

Il ministro della Giustizia: “Ci stiamo muovendo perchè arrivi presto in Italia”
Il governo italiano lavora affinché Battisti «arrivi in Italia per scontare la sua pena nel più breve tempo possibile. Ci stiamo muovendo ma per ora non posso anticipare nulla. Oggi possiamo dire che giustizia è fatta»». Lo ha affermato il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede. Sempre sui social, anche dall’ambasciatore italiano Bernardini: «È stato preso! La democrazia è più forte del terrorismo» ha postato.

Il caso Battisti è stato anche al centro della politica brasiliana. Fuggito dalla Francia, Battisti venne graziato dalll’ex presidente Lula nel suo ultimo giorno di mandato. Il nuovo presidente brasiliano Bolsonaro, entrato in carica a gennaio, già in campagna elettorale aveva manifestato la sua intenzione di estradare Battisti in Italia in uno scambio di battute con il leader della Lega e vicepremier Salvini.

Torregiani: “È fatta. Credo sia la volta buona”
«È fatta. Credo sia la volta buona» questo il commento all’arresto di Cesare Battisti, fatto da Alberto Torregiani, figlio del gioielliere ucciso nel 1979 dai Pac in una sparatoria in cui lui stesso rimase ferito e perse l’uso delle gambe. «Forse davvero è una buona giornata» ha detto parlando con l’Ansa. «Non oso pensare che ora possa trovare un escamotage. Sarebbe da scriverci un libro».

fonte: LASTAMPA.it

© 2012-2019 virgoletteblog.it ideato da Filippo Piccini sito web realizzato da Riccardo Spadaro

Log in with your credentials

Forgot your details?