Tutto è in frantumi e danza. L’ingranaggio celeste // Guido Maria Brera, Edoardo Nesi

Le date più importanti individuate dai due autori, che hanno scritto a quattro mani questo libro passandosi il testimone di capitolo in capitolo, sono l’11 dicembre del 2001 quando la Cina entrò nel Wto e il 1° gennaio 2002 quando l’euro entrò in circolazione. Un’altra data storica è stata il fallimento della Lehman Brothers, quando insieme ad una delle principali banche mondiali fallivano anche le basi del capitalismo e veniva meno il concetto di protezione della proprietà privata; infine l’autunno del 2009 quando il primo ministro greco dichiarò che il suo Paese versava in profonda difficoltà, mettendo così in discussione il dogma secondo cui uno Stato non può fallire e rendendo, da quel momento in avanti, tutto profondamente diverso.

Da lì in poi ciò che era considerato il migliore dei mondi possibili è andato inesorabilmente modificandosi, nonostante ci si ritenesse convinti che il futuro sarebbe stato migliore del presente, avremmo lavorato tutti di meno e guadagnato di più, le guerre sarebbero state soltanto un retaggio del passato e il concetto di immigrazione sarebbe stato superato perchè si stava andando verso un mondo senza barriere e unipolare.

Da qui il titolo del libro, che però non vuole avere un significato unicamente disfattista, anzi, con il “danzare” si intende anche che può esserci qualcosa di positivo nel caos e che se ne può tirare fuori una stella, come diceva il buon vecchio Nietzsche che di nichilismo ne sapeva qualcosa. L’immagine scelta per la copertina, che ritrae uno scatto ripreso durante una manifestazione a Vancouver nel 2011, racchiude un po’ il concetto di armonia del caos, l’idea del non ci resta che danzare mentre tutto intorno va in frantumi. Mentre le nostre azioni più vere vengono fuori a dispetto del benessere e della conformità.

Filippo Piccini

Condividi:
  • 8
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

© 2012-2019 virgoletteblog.it ideato da Filippo Piccini sito web realizzato da Riccardo Spadaro

Log in with your credentials

Forgot your details?