The Prestige // Christopher Nolan

L’illusione crea sgomento, incredulità e un vago senso di smarrimento. Ci chiediamo dove sia il trucco, e pur sapendo che esiste e che da qualche parte si nasconde il segreto per svelarne il mistero, finiamo per lasciarci sedurre.

Una seduzione che può corrodere, trasformandosi in ossessione. La vita stessa diventa un’illusione e la realtà perde i suoi contorni.

Immaginate ora una dissolvenza in nero, un manto che oscura il vostro presente e vi svela una Londra decadente e malinconica. L’epoca Vittoriana si sta disfacendo e in questa cornice così precaria si agitano Alfred Borden (un inquieto e inquietante Christian Bale) e Robert Angier (un glaciale Hugh Jackman) due apprendisti illusionisti. Insieme lavorano e dividono il palco, eseguendo i numeri progettati da John Cutter (un sempre meraviglioso Michael Caine), mentore dei due. L’irrequietezza di Borden, troppo poco incline ad essere confinato in un numero di magia impigrito e vetusto, scatena un incidente mortale che lo porterà a dividersi drammaticamente da Angier. S’innesca così una tremenda rivalità che logorerà e ossessionerà entrambi. Solo uno dei due può essere il migliore. E per questo Prestigio sono disposti a tutto.

Christopher Nolan (MementoInsomniaBatman Begins solo per citarne alcuni!) ha lavorato 5 anni all’adattamento cinematografico e quindi alla sceneggiatura, scritta a quattro mani con il fratello minore Jonathan, di The Prestige (2006) tratto dal romanzo di Christopher Priest. Quello che ne è scaturito è un lavoro estremamente complesso, dove la linearità temporale non è contemplata. Come un abile prestigiatore, Nolan ci incanta e ci porta a seguire le proprie evoluzioni registiche sviando la nostra attenzione. Ci porta a chiederci: chi è il cattivo in questa storia? Da quale parte devo schierarmi? Questo è sicuramente un grande pregio… l’abilità di confondere lo spettatore a tal punto da farlo dubitare.

The Prestige è un film ossessivo, capace di infettare lo stesso spettatore. Il mondo della magia appare allo stesso tempo come qualcosa di magnifico e terribile, un limbo oscuro nel quale solo pochi possono avere l’ardire di aggirarsi. Nolan ci chiede: è magia quella che vedete? Illusione? Scienza o solo follia?

The Prestige è un film spettacolare, torbido e malsano. Un thriller che lentamente vira verso altri mondi narrativi. Magnifico e suggestivo è una pellicola che merita sicuramente una visione… e forse anche due! Il film vanta inoltre un cast letteralmente fuso con i propri personaggi, dove spicca un Christian Bale talmente inquieto da generare in chi lo guarda uno strano malessere. E per chi spera nel colpo di scena finale in questa recensione vi svelo che nel cast troverete anche un oscuro David Bowie.

Buona Visione

Serena Aronica

Condividi:
  • 60
  •  
  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

© 2012-2019 virgoletteblog.it ideato da Filippo Piccini sito web realizzato da Riccardo Spadaro

Log in with your credentials

Forgot your details?