fbpx

Razzo su Tel Aviv, comincia l’attacco israeliano su Gaza

Le forze armate israeliane hanno cominciato poco prima del tramonto i raid di rappresaglia nella Striscia di Gaza, dopo che questa mattina un razzo ha colpito una casa a Nord di Tel Aviv e ferito sette persone, compresi due bambini. Il portavoce dell’Idf ha confermato che «le operazioni sono cominciate» e secondo fonti non ufficiali «potrebbero durare giorni». Fra le postazioni colpite c’è il comando delle «operazioni navali» di Hamas e altre postazione dei gruppi militanti palestinesi.

Riservisti in pre-allarme
L’esercito ha spostato due brigate di fanteria e reparti corazzati alla frontiera con la Striscia. Sono stati inviati messaggi a migliaia di riservisti con l’invito a «tenersi pronti» in caso di richiamo. I reparti coinvolti sono la Difesa aerea, l’Intelligence militare e il Comando centrale. E’ la prima volta che accade dal 2014, quando ci fu l’ultima operazione di terra a Gaza.

Netanyahu torna dagli Usa
Il premier Benjamin Netanyahu, in viaggio negli Stati Uniti, ha dovuto accorciare la visita e tornerà oggi stesso in Israele. Ha promesso una «risposta forte» all’attacco. La scorsa settimana due razzi erano stati intercettati sopra Tel Aviv dal sistema di difesa Iron Dome. Il razzo, con una portata di oltre 70 chilometri, è caduto nell’aerea di Kfar Saba, a Nord di Tel Aviv. Questa mattina la casa era «ancora in fiamme» e le immagini hanno scioccato l’opinione pubblica.

Opposizione all’attacco
Il capo dell’opposizione, Benny Gantz, ha implicitamente accusato il governo di non reagire con sufficiente forza. «Quelli che non rispondono con forza contro Hamas – ha scritto su Twitter – sottovalutano gli attacchi nel Sud, sminuiscono l’attacco su Tel Aviv, ora hanno ottenuto razzi anche nella regione di Hasharon», vale a dire che la reazione contenuta di Netanyahu sta spingendo i gruppi palestinesi a colpire sempre più in profondità nel territorio israeliano. «Ora ci dobbiamo concentrare sulla sicurezza dei nostri cittadini», ha concluso Gantz.

La Farnesina: evitare escalation
La Farnesina ha espresso «la ferma condanna per il lancio di razzi dalla Striscia di Gaza verso il territorio israeliano». Nel ribadire «il diritto di Israele all’auto-difesa», il Ministero degli Esteri e della Cooperazione Internazionale ha rinnovato l’appello a tutte le parti «affinché venga evitata un’escalation».

fonte: LASTAMPA.it

Condividi:
  • 2
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

© 2012-2020 virgoletteblog.it creato da Filippo Piccini

Log in with your credentials

Forgot your details?