La manifestante “ispiratrice” diventa simbolo di resistenza per le donne sudanesi

L’immagine è sorprendente: una giovane donna, sola, in piedi sopra la folla, la incita con canti di rivoluzione. Scattata lunedì sera nel centro di Khartoum, mentre decine di migliaia di persone affollavano le strade di fronte al complesso fortemente sorvegliato che ospitava il quartier generale dell’esercito e ai temuti servizi segreti, l’immagine della donna in bianco con gli orecchini circolari in oro è diventata un’icona di una protesta.

Lana Haroun che aveva scattato la foto ha dichiarato alla CNN: “Stava cercando di dare a tutti la speranza e l’energia positiva e lo ha fatto”, ha detto. “Stava rappresentando tutte le donne e ragazze sudanesi e ha ispirato ogni donna e ragazza al sit-in. Stava raccontando la storia delle donne sudanesi … era perfetta.” Ha aggiunto: “Abbiamo una voce. Possiamo dire quello che vogliamo. Abbiamo bisogno di una vita migliore e di stare in un posto migliore.” – ha detto quando ha visto la foto sul suo telefono – ” Ho subito pensato: questa è la mia rivoluzione e noi siamo il futuro. “

Che la donna in bianco sia diventata un tale simbolo in un paese che ha da tempo conosciuto la sistematica repressione delle donne da parte dello stato ha sorpreso alcuni osservatori. Ma le donne hanno svolto un ruolo centrale nelle manifestazioni in Sudan negli ultimi mesi, con uomini spesso in minoranza tra la folla che chiede al presidente Omar al-Bashir di dimettersi.

Molte note attiviste in favore della causa delle donne sono state detenute dalla prima ondata di proteste alla fine dell’anno scorso. “Questo regime non può reprimere la capacità delle donne di lottare per il cambiamento e la libertà … La resistenza e la resilienza delle donne sudanesi superano questa repressione”, ha detto la dott.ssa Sara Abdelgalil, capo della sezione britannica del Sudan Doctors’ Union, che si è trasferita in Gran Bretagna nel 2001, ma è in contatto con i leader della protesta.

Un rapporto di Human Rights Watch descrive come i servizi di sicurezza nazionali hanno preso di mira le attiviste donne durante le repressioni. La “polizia dell’ordine pubblico” arresta donne e ragazze per la scelta dell’abito, come indossare i pantaloni o esporre i capelli, o semplicemente guidare un’auto con membri del sesso opposto. Punizioni corporali come la fustigazione e la lapidazione per “crimini di moralità” – compreso l’adulterio – sono state usate in modo sproporzionato su donne e ragazze, ha detto il gruppo.

C’è una lunga tradizione di donne che guidano la protesta durante le ondate di disordine in Sudan. Un osservatore del paese ha detto che la giovane donna non identificata, la cui immagine è diventata virale, indossava “gli abiti indossati dalle nostre madri e nonne negli anni ’60, ’70 e ’80 … mentre marciavano per le strade manifestando contro le precedenti dittature militari”.

Il Sudan ha adottato la legge della sharia nel 1983, ma l’ha applicata sempre a casaccio. Sotto Bashir, che salì al potere con l’aiuto degli islamisti nel 1989, alcune regole sono state rafforzate. Secondo i gruppi non governativi sudanesi, nel 2016 circa 15.000 donne sono state condannate alla fustigazione.

Le proteste sono iniziate a dicembre, quando il governo ha triplicato il prezzo del pane e si sono rapidamente diffuse.

Jehanne Henry, che lavora in Sudan per l’ONG internazionale Human Rights Watch, ha affermato che le donne hanno avuto un ruolo significativo storicamente nell’attivismo politico nel paese, aggiungendo che è difficile dire se fossero più prominenti nelle attuali proteste rispetto ai disordini precedenti . “Per molte donne questo regime è sinonimo di tutti i tipi di repressione … Non è sorprendente che vedano questa come un’opportunità per cambiare le cose che sono importanti per loro”, ha detto.

Una differenza con i disordini precedenti è il ruolo dei social media nell’organizzazione e nella diffusione delle immagini delle proteste. Questo ha spesso evidenziato il ruolo delle donne, che sono state picchiate, maltrattate e aggredite. Così anche il lavoro dell’illustratrice Alaa Satir, che ha ritratto gruppi di donne manifestanti con lo slogan “siamo la rivoluzione”.

Nemat Malik, un’infermiera di 80 anni e una professoressa universitaria a Khartoum, ha detto di essere felice di vedere così tante donne – in particolare studentesse – partecipare. “Questo regime è un insieme di molestie e di oppressione per le donne in particolare. Le donne hanno sofferto molto. Guardano come ti vesti e possono crearti problemi. Ecco perché dovremmo essere molto interessate a rovesciare questo regime “, ha detto.

tradotto da Filippo Piccini

link all’articolo originale: TheGuardian.com

Condividi:
  • 6
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

© 2012-2019 virgoletteblog.it ideato da Filippo Piccini sito web realizzato da Riccardo Spadaro

Log in with your credentials

Forgot your details?