18 giugno 1946: la Repubblica Italiana è ufficialmente proclamata

Con l’integrazione definitiva delle sezioni mancanti la Corte Suprema di Cassazione respinge i ricorsi dei monarchici decretando la “maggioranza dei voti validi” come la maggioranza dei consensi senza contare il numero delle schede bianche e delle nulle, che furono considerati voti non validi.

Si procede quindi alla pubblicazione dei risultati definitivi della consultazione referendaria: hanno votato 24.946.942 italiani. 1.509.735 voti sono stati annullati, 12.717.923 hanno votato a favore della repubblica e 10.719.284 per la monarchia.

Analizzando i dati regione per regione si nota come l’Italia si fosse praticamente divisa in due: il nord, dove la repubblica aveva vinto con il 66,2%, e il sud, dove la monarchia aveva vinto con il 63,8%.

Anche tenendo conto delle schede bianche o nulle, pertanto, la Repubblica aveva conseguito la maggioranza assoluta dei votanti, rendendo ininfluente ogni discussione sotto il profilo giuridico interpretativo. La proclamazione della Repubblica Italiana viene cosí dichiarata in modo ufficiale.

Condividi:
  • 49
  •  
  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

© 2012-2019 virgoletteblog.it ideato e realizzato da Filippo Piccini

Log in with your credentials

Forgot your details?