fbpx

Battaglia nella notte a Barcellona: assedio alle prefetture spagnole. La Liga: “Spostate il Clasico a Madrid”

proteste barcellona

È stata una notte complicata a Barcellona e anche la mattina non si presenta semplice. Le sedi delle prefetture spagnole di tutta la Catalogna sono finite sotto assedio. Mentre già dalle prime ore dell’alba è stata sabotata l’alta velocità ferroviaria. Il governo spagnolo non nasconde la sua preoccupazione, anche se stavolta le forze di sicurezza dello Stato (polizia nazionale e Guardia Civil) sembrano agire di pari passo con quelle catalane (i Mossos d’Esquadra). Il premier Pedro Sanchez ha convocato d’urgenza i leader degli altri partiti al palazzo della Moncloa, Pablo Casado (Popolari), Albert Rivera (Ciudadanos) e Pablo Iglesias (Podemos). Il premier ha detto di «non escludere alcuna misura», quindi nemmeno l’applicazione dello Stato d’eccezione, che la destra chiede a gran voce, «se serve agiremo».

Come se non bastasse, è intervenuta anche La Liga, chiedendo alla Federazione che il “clasico”, la partita tra il Barça e il Real Madrid, in programma al Camp Nou il 26 ottobre, venga spostata nella capitale spagnola per ragioni di ordine pubblico.

La città in fiamme
Ieri le manifestazioni di protesta per la condanna ai leader indipendentisti hanno avuto una coda violenta: attacchi alla polizia, cassonetti in fiamme, barricate e pesanti cariche degli agenti. La guerriglia è proseguita per tutta la zona del Passeig de Gràcia, una delle vie più frequentate dai turisti. Il governo spagnolo parla di «157 roghi», anche se non di grande entità.

Scontri anche in altre città catalane, Tarragona, Lleida, Sabadell e Girona. Il bilancio parziale è di 114 feriti (tra cui 54 mossos, gli agenti catalani) e 41 di arresti. Nella notte è intervenuto il governo spagnolo che in una nota a denunciato «la violenza diffusa in tutte le proteste. È chiaro che non stiamo affrontando un movimento cittadino pacifico, ma coordinato da gruppi che usano la violenza nelle strade per distruggere la convivenza in Catalogna». Il governo catalano teme che queste scene «favoriscano chi vuole una nuova sospensione dell’autonomia».

Le proteste non sono finite. Nella mattinata di oggi nuove azioni hanno creato disagi nei trasporti: l’alta velocità tra Barcellona e Figueres è stata interrotta a causa di un sabotaggio della linea, mentre molte strade e autostrade restano bloccate. L’aumento della tensione è sfociato in una notte di guerriglia urbana, scene inedite nelle proteste indipendentiste fino a oggi rimaste per lo più pacifiche. La svolta violenta è arrivata quando una minoranza di manifestanti, spesso giovanissimi e incappucciati, hanno cominciato a prendere di mira la polizia, quella spagnola e quella catalana.

fonte: LASTAMPA.it

Condividi:
  • 4
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

© 2012-2020 virgoletteblog.it creato da Filippo Piccini

Log in with your credentials

Forgot your details?