29 ottobre 1969: viene inviato il primo messaggio in rete

primo messaggio internet

Un computer dell’Università della California di Los Angeles invia con successo un messaggio telematico all’Istituto di ricerca di Stanford, a più di 650 km di distanza. È il debutto di Arpanet, l’antesignano del moderno Internet che cambierà il mondo per sempre.

“Alle 22 e 30 del 29 ottobre 1969 Internet pronunciò le sue prime parole. Seduti al terminale Ucla nella Boelter Hall 3420, io e lo studente programmatore Charley Kline dovevamo autenticarci dal nostro host a quello di Stanford, dove il ricercatore Bill Duvall aspettava di ricevere il messaggio. La procedura prevedeva che noi avremmo digitato la parola «log» e il sistema di Stanford, intelligente abbastanza da completare il resto della frase, avrebbe aggiunto la preposizione «in», creando così il comando login. Charley e Bill avevano entrambi una cuffia telefonica per comunicare via voce mentre il messaggio veniva trasmesso. Dall’Ucla Kline digitò la lettera «l» e chiese a Stanford conferma della sua ricezione. «È arrivata», gli rispose Duvall. Quindi digitammo la lettera «o» e chiedemmo di nuovo se era stata ricevuta. «Arrivata anche la o», ci assicurò. Poi prememmo la «g», ma a quel punto il sistema andò in tilt. Non male come inizio! In ogni caso, al secondo tentativo tutto funzionò alla perfezione. E un’ora dopo riuscimmo a scrivere «login».”

Trent’anni dopo, il 12 marzo 1989, un altro giovane informatico, il britannico Tim Berners Lee, realizza un software in grado di immagazzinare perfettamente informazioni: questa, la base concettuale per il World Wide Web. La ragnatela globale che poi, il 6 agosto 1991, diventa realtà con il primo sito.

Condividi:
  • 6
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

© 2012-2019 virgoletteblog.it ideato e realizzato da Filippo Piccini

Log in with your credentials

Forgot your details?