Il metodo Kominsky (serie tv) // Chuck Lorre

metodo kominsky

Prima di temere la morte, molti temono la vecchiaia. Alcune persone hanno più difficoltà ad accettare il decadimento fisico che la fine della propria esistenza. Eppure, la vecchiaia non è un privilegio di cui tutti possono godere…

Perché allora non sdrammatizzare il terrore delle rughe e degli acciacchi con qualcosa di estremamente spassoso? Voglio quindi attirare la vostra attenzione su una serie targata Netflix del 2018 e arrivata alla seconda stagione.

Il metodo Kominsky nasce dalla creatività di Chuck Lorre e vede nel cast due mostri sacri della recitazione come Michael Douglas e Alan Arkin. Se non fossero sufficienti questi due nomi a convincervi, allora sappiate che il “reparto geriatrico” della televisione non è mai stato così deliziosamente divertente!

Sandy Kominsky (Michael Douglas) è un attore di Los Angeles ormai attempato che compensa con l’insegnamento la sua scadente carriera cinematografica. Il suo migliore amico è Norman (Alan Arkin), che al contrario è un agente cinico e burbero che ha saputo costruirsi una solida posizione di potere. Il mondo dorato del cinema è alle loro spalle, come la luce di un tramonto imminente. Sandy e Norman sono ombre che si allungano sulla strada, ma non ancora disposte a svanire nell’oscurità.

La serie tocca temi difficili come la malattia, il lutto, la difficoltà d’invecchiare accettando i mutamenti del corpo. Entrambi cadono a pezzi, ma lo mascherano con grande eleganza! Il tutto è condito da una sceneggiatura vivace, intelligente e frizzante e i dialoghi tra Sandy e Norman sono esilaranti e geniali.

Il metodo Kominsky è una di quelle serie che reputo doveroso vedere, perché intrise di un guizzo luminoso difficile da trovare. Nonostante Douglas e Arkin fagocitino gli altri componenti del cast (sono monumentali in questa serie!), i comprimari sono talmente brillanti da ritagliarsi un posto nello show.

Sandy e Norman entrano nel cuore degli spettatori facendoli sorridere e commuovere con un delicatezza inusuale. Non aspettatevi due vecchietti dalle lacrime facili, ma due personaggi virili e solidi nella loro decadenza.

Buona Visione

Serena Aronica

Condividi:
  • 78
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

© 2012-2019 virgoletteblog.it ideato e realizzato da Filippo Piccini

Log in with your credentials

Forgot your details?