5 novembre 1876: la Sinistra storica va al potere

de pretis vignetta

Le elezioni del 1876 portarono alla vittoria della sinistra storica guidata da Agostino Depretis e dunque alla fine della fase dei Governi della destra storica, che durava dal 1861. Depretis formò un governo che, oltre all’appoggio della Sinistra, schieramento di cui faceva parte, si reggeva anche sull’appoggio di una parte della Destra, quella che aveva contribuito alla caduta del governo Minghetti. Nella sua azione di governo, Depretis cercò sempre ampie convergenze su singoli temi con settori dell’opposizione, dando vita al fenomeno del trasformismo.

La Sinistra, detta in seguito storica per distinguerla dai partiti e movimenti di sinistra che si sarebbero affermati nel corso del XX secolo, è stata uno schieramento politico dell’Italia post-risorgimentale. Gli esponenti della Sinistra storica erano perlopiù esponenti della media borghesia, in maggior parte avvocati. Tentarono di riconciliare la politica col «paese reale» democratizzando e modernizzando lo stato e il paese. L’epoca della sinistra storica va dal 1876, anno della “rivoluzione parlamentare” che portò alla caduta della Destra storica, sino alla “crisi di fine secolo” (1896), che sfociò nell’età giolittiana.

Un’importante riforma per cui si batterono riguardava l’istruzione: la legge Coppino (1877) rese obbligatoria e gratuita l’istruzione elementare (dai 6 ai 9 anni d’età). La Sinistra si batté per l’allargamento del suffragio, tramite la legge elettorale del 1882 (legge Zanardelli) che concedeva diritto di voto a tutti i maschi, che avessero compiuto i 21 anni e rispettassero requisiti per il voto: il pagamento di un’imposta di almeno 19,8 lire (invece delle precedenti 40) o, in alternativa, il conseguimento dell’istruzione elementare appena allargata (era comunque sufficiente dimostrare di saper leggere e scrivere). Con la suddetta riforma il corpo elettorale salì al 6,9% della popolazione italiana, rispetto al 2,2% del 1880. La volontà della Sinistra storica era quella di ampliare il suffragio fino all’universalità basandosi non più tanto sul censo dei cittadini, quanto sulla loro istruzione.

La Sinistra storica prese provvedimenti anche in campo amministrativo, un decentramento dei poteri, e in campo sociale, con l’introduzione di prime misure a difesa dei lavoratori. Furono inoltre avviate numerose inchieste per esaminare le condizioni di vita della popolazione rurale: la più nota è senz’altro l’inchiesta Jacini, che rivelò una diffusa malnutrizione (pellagra), alta mortalità infantile (per difterite), grande povertà e scarse condizioni igieniche. Diffuso era il fenomeno dell’emigrazione. La Sinistra storica, in politica interna, ebbe come obiettivo l’abolizione dell’impopolare tassa sul macinato e in generale una politica di sgravi fiscali e di investimenti nello sviluppo industriale del paese.

La fase della Sinistra storica si concluse nel 1896 a seguito delle elezioni politiche. Il governo Depretis, infatti, si era spostato verso l’ala conservatrice del parlamento, incontrando i moderati più progressisti, che erano stati inglobati all’interno di una più grande coalizione. Lentamente furono estromessi gli esponenti più progressisti della Sinistra, dando vita ad un Grande Centro, che monopolizzava la vita politica del Paese, lasciando a pochi partiti minori il ruolo di opposizione di estrema sinistra.

Condividi:
  • 7
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

© 2012-2019 virgoletteblog.it ideato e realizzato da Filippo Piccini

Log in with your credentials

Forgot your details?