Perché in così tanti paesi si assiste a delle proteste di massa?

protesta pakistan

Per chiunque, cercare di seguire i movimenti di protesta in tutto il mondo è difficile. Grandi manifestazioni antigovernative, alcune pacifiche e altre no, hanno avuto luogo nelle ultime settimane in tutti i continenti: Algeria, Bolivia, Gran Bretagna, Catalogna, Cile, Ecuador, Francia, Guinea, Haiti, Honduras, Hong Kong, Iraq, Kazakistan, Libano e altro ancora. Il 1 ° novembre il Pakistan si è unito alla lista mentre decine di migliaia di manifestanti convergevano sulla capitale, Islamabad, per chiedere che il primo ministro, Imran Khan, si dimettesse entro 48 ore.

Probabilmente soltanto quando l’ondata dei movimenti di “potere popolare” ha spazzato via i paesi asiatici e dell’Europa orientale tra la fine degli anni ’80 e l’inizio degli anni ’90, il mondo ha sperimentato un tale scoppio simultaneo di rabbia popolare nelle strade. Prima di ciò, solo i disordini globali della fine degli anni ’60 hanno un confronto in termini di numero di paesi travolti e di persone mobilitate.

Anche a quel tempo, tuttavia, quelle due ondate di disordini globali sembravano più unite rispetto all’attuale ondata di movimenti apparentemente sconnessi e spontanei. I manifestanti in molti paesi diversi avevano lamentele e obiettivi simili. Questa volta, alcuni temi inevitabilmente affiorano in un paese dopo l’altro. Il Pakistan infatti ne illustra tre: malcontento economico (aumento dell’inflazione e dell’austerità imposte in combutta con l’FMI); percepita corruzione ufficiale; e accuse di frode elettorale (nel voto dell’anno scorso che ha installato il governo di Khan).

Ma questa sembra più una coincidenza che una prova. Le cause iniziali delle proteste non potrebbero essere più varie: in Libano una tassa sulle telefonate tramite servizi come WhatsApp; a Hong Kong una legislazione che consente l’estradizione di sospetti criminali in Cina; in Catalogna lunghe pene detentive per i sostenitori dell’indipendenza; in Gran Bretagna, la richiesta di un secondo referendum sulla Brexit. Lungi dal rappresentare un movimento globale che si fonde attorno a richieste comuni, lo slogan condiviso dei manifestanti, se ne avessero uno, verrebbe preso in prestito dal personaggio di Marlon Brando nel film del 1953 “The Wild One”. Alla domanda per cosa si ribella, risponde: “Che cosa hai?”

La difficoltà nel discernere un modello non ha ovviamente impedito agli esperti di provarci. In linea di massima le spiegazioni si dividono in tre categorie: economica, demografica e cospiratoria.

Le spiegazioni economiche spiegano in gran parte il modo in cui i colpi apparentemente minori agli standard di vita (un aumento del 4% delle tariffe della metropolitana in Cile, ad esempio) hanno rappresentato la goccia finale per le persone che lottano per cavarsela in delle società sempre più disuguali. Per la sinistra, questo è solo l’ultimo parossismo di un capitalismo disfunzionale e condannato alla fine. Come osserva “Bandiera Rossa”, una rivista socialista australiana, “per più di quattro decenni, paese dopo paese è stato devastato da politiche neoliberiste progettate per far pagare allla massa di lavoratori e poveri quella che è una crisi crescente nel sistema”.

Perfino i fan dei mercati liberi vedono la crescente disuguaglianza in un certo numero di paesi come causa della scontentezza dilagante. Il Cile, sottolineano, visto da tempo come un’oasi di stabilità in America Latina, eppure così turbolento ora che ha dovuto cancellare due vertici internazionali che si sarebbero dovuti tenere a Santiago, è in qualche misura il paese più disuguale dell’OCSE, un club dei paesi principalmente ricchi.

L’analisi demografica osserva che la protesta è in generale un’attività dei giovani e l’intera umanità è ancora relativamente giovane, con un’età media di poco meno di 30 anni e un terzo delle persone di età inferiore ai 20 anni. La generazione che raggiunge i picchi di protesta appartiene agli ultimi anni dell’adolescenza e ai primi ventenni, entrambi diventati maggiorenni dalla crisi finanziaria globale del 2007-08. In termini demografici, questo potrebbe essere visto come la resa dei conti per la grande recessione che ne è derivata. Nel Times di Londra, Niall Ferguson, uno storico, porta avanti questa discussione ad un ulteriore passo, facendo un parallelo con gli anni ’60, e sottolineando che in entrambi i periodi vi fu un “eccesso di giovani istruiti”, a causa di un boom nell’educazione terziaria, producendo più laureati di quanti ne servissero.

Per quanto riguarda le cospirazioni, i governi ovviamente vogliono suggerire che le proteste vengono scatenate e manipolate da sinistre forze esterne. A Hong Kong, il ministero degli Esteri cinese ha suggerito a luglio che le proteste erano “in qualche modo opera degli Stati Uniti”. In America Latina, si sono diffuse teorie secondo cui i regimi socialisti di Cuba e Venezuela stavano fomentando disordini in tutto il continente per distogliere l’attenzione dai loro stessi problemi.

Fattori economici e demografici e persino ingerenze esterne potrebbero aver avuto un ruolo in alcune proteste. Ma come teorie unificanti, nessuna sta davvero in piedi. L’economia mondiale deve affrontare molti problemi, ma non si avvicinano alla gravità di coloro che hanno vissuto un decennio fa quando il mondo era sull’orlo della depressione e la disoccupazione è salita alle stelle, eppure molte meno persone sono scese in strada. Le proteste tendono ad essere dominate dai giovani. Ma una caratteristica sorprendente di molte manifestazioni – dalle marce “Bremain” a Londra alle proteste anti-cinesi a Hong Kong – è anche il numero di persone di mezza età e anziani che sono venute fuori. E per quanto riguarda le ingerenze straniere, nessuno, tranne forse quelli annidiati nelle frange più selvagge di Internet, crede davvero che una mente globale stia tirando le corde in tutto il mondo.

Quindi forse la ricerca di una teoria unificante è inutile. Dopotutto, quando guardi più da vicino le ondate precedenti, l’impressione di coerenza sembra illusoria. Anche loro erano più variegati di quanto si pensi spesso. Gli sconvolgimenti globali della fine degli anni ’60 andarono dalle guardie rosse in Cina, perseguendo un culto millenario inventato da Mao Zedong per aiutarlo a vincere una lotta di potere all’interno del partito, ai giovani occidentali benestanti che si erano imbattuti nelle gioie di capelli lunghi, droghe psichedeliche e promiscuità sessuale. Nel mezzo c’erano manifestanti contro la guerra del Vietnam, il dominio sovietico dell’Europa orientale e la noiosa insistenza nel frequentare le lezioni nelle università. Anche le rivoluzioni del potere popolare di 20 anni dopo furono segnate dalle loro differenze quanto dalle loro somiglianze. Uomini forti di destra come Ferdinand Marcos delle Filippine o Chun Doo-hwan della Corea del Sud erano molto lontani dai criminali dell’Europa orientale come Nicolae Ceaușescu e Wojciech Jaruzelski.

Forse la risposta è tornare ai primi principi e chiedere: che cosa fa giungere le persone a portare le proprie rimostranze per le strade? Raramente vengono menzionati due motivi: che, nonostante tutti i suoi pericoli legali e fisici, la protesta può essere più eccitante e persino più divertente della fatica della vita quotidiana; e che quando tutti lo fanno, la solidarietà diventa la moda. Ogni ondata di proteste ha il suo elemento copione. L’ubiquità dello smartphone, tuttavia, ha trasformato l’organizzazione, la diffusione e la propagazione delle proteste. Le app di messaggistica crittografate come Telegram consentono ai manifestanti di stare un passo avanti rispetto alle autorità. Nuovi simboli e tecniche possono diffondersi come un incendio. Non appena un “inno” appositamente scritto per i manifestanti di Hong Kong è andato online, i centri commerciali sono stati fermati da apparizioni di massa apparentemente spontanee.

La terza ovvia ragione a dimostrazione di ciò è che l’uso dei canali politici convenzionali sembra inutile. Nelle proteste della fine degli anni ’80, gli obiettivi erano di solito governi autocratici che consentivano nel migliore dei casi elezioni fasulle. In assenza dell’urna elettorale, la strada era l’unico modo per dimostrare il “potere popolare”. Alcune delle proteste di quest’anno – contro Abdelaziz Bouteflika in Algeria, diciamo, o Omar al-Bashir in Sudan – sono state analoghe. Ma anche le democrazie apparentemente ben funzionanti sono state colpite.

Per una serie di ragioni, le persone possono sentirsi insolitamente impotenti in questi tempi, credendo che il loro voto non abbia importanza. Una ragione è la crescente attenzione rivolta alle questioni ambientali, in particolare i cambiamenti climatici (anche se alcune proteste sono state provocate da tasse ambientali, progettate, ad esempio, per contenere il consumo di carburante). Le emissioni di carbonio richiedono soluzioni globali oltre la portata di un governo, figuriamoci un voto. Una seconda ragione, ancora una volta, è l’influenza dei social media, con la sua tendenza ad amplificare quelle voci che concordano con te e silenziano gli altri, e quindi rendono più acuta la sensazione dei poteri che “non ascoltano”. Una terza ragione è una crescita forse correlata dell’intolleranza, una rottura nel cuore della democrazia in stile occidentale – che i perdenti, che spesso possono rappresentare la maggioranza del voto popolare, acconsentiranno di accettare le regole dei vincitori fino alle elezioni successive.

Questa, tuttavia, non è una conclusione particolarmente utile o speranzosa. Pochi indizi suggeriscono che queste tendenze stiano per retrocedere. In questo caso, questa terza ondata di protesta potrebbe non essere il presagio di una rivoluzione globale, ma semplicemente il nuovo status quo.

link all’articolo originale: TheEconomist.com

Condividi:
  • 7
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

© 2012-2019 virgoletteblog.it ideato e realizzato da Filippo Piccini

Log in with your credentials

Forgot your details?