La Cina stringe il blocco su Wuhan nella battaglia “da tempi di guerra” contro il Coronavirus

sanitari wuhan

Le autorità cinesi hanno fatto ricorso a misure sempre più estreme a Wuhan per cercare di fermare la diffusione del micidiale coronavirus, ordinando ricerche casa per casa, radunando i malati e immagazzinandoli in enormi centri di quarantena.

I passaggi urgenti, apparentemente improvvisati, arrivano in un peggioramento della crisi umanitaria a Wuhan, esasperata dalle tattiche che hanno lasciato questa città di 11 milioni di persone con un tasso di mortalità a causa del coronavirus del 4,1% – incredibilmente più alto del tasso del resto del paese.

Con i malati radunati nei campi di quarantena improvvisati, con cure mediche minime, un crescente senso di abbandono e paura ha preso piede a Wuhan, alimentando l’impressione che la città e la provincia circostante di Hubei vengano sacrificate per il bene più grande della Cina.

Le dure nuove mosse a Wuhan, epicentro dell’epidemia, hanno chiaramente segnalato l’allarme del Partito Comunista al potere che non era riuscito a ottenere il controllo dell’epidemia di coronavirus, che ha travolto il sistema sanitario del paese e minacciato di paralizzare la Cina, il paese più popoloso al mondo e la seconda economia più grande.

I passaggi sono stati annunciati dalla massima autorità che ha guidato la risposta del paese al virus, il vice premier Sun Chunlan, mentre visitava Wuhan giovedì. Hanno evocato immagini delle misure di emergenza adottate per combattere la pandemia di influenza spagnola del 1918 che ha ucciso decine di milioni di persone in tutto il mondo. Nonostante la severità delle nuove misure, tuttavia, non abbiano offerto garanzie di successo.

La città e il paese devono affrontare “condizioni di guerra”, ha detto la signora Sun. “Non ci devono essere disertori, o saranno inchiodati per sempre al pilastro della vergogna storica”.

L’applicazione delle nuove restrizioni ha assunto aspetti di una campagna militare mentre la signora Sun ordinava agli operatori sanitari di spostarsi in turni 24 ore su 24 per visitare ogni casa a Wuhan, controllare la temperatura di tutti i residenti e intervistare stretti contatti di eventuali pazienti infetti.

La notizia delle nuove restrizioni è arrivata quando la gente di Wuhan ha ricevuto un pugno emotivo dalla notizia che un medico che aveva avvertito dell’epidemia a dicembre – e che era stato messo a tacere dalla polizia per questo – era morto a causa dell’infezione da coronavirus. L’ospedale centrale della città di Wuhan ha dichiarato in un post sul suo account sui social media che i suoi sforzi per salvare il medico, Li Wenliang, sono falliti.

“Siamo profondamente dispiaciuti e piangiamo per questo”, ha concluso la signora Sun nel post.

Wuhan era già stato praticamente chiuso e isolato a causa del contagio iniziato più di un mese fa. Il blocco dei trasporti ha reso difficile il rifornimento delle forniture mediche in diminuzione per gli oltre 50 milioni di persone della provincia e ha aumentato la possibilità che presto si verifichino carenze alimentari.

Le nuove misure sono state annunciate due settimane dopo che la Cina ha vietato alle persone di lasciare Wuhan, quindi ha esteso le restrizioni alle città nella provincia centrale di Hubei e ora confina oltre 50 milioni di persone, un contenimento di portata quasi inimmaginabile.

Tuttavia, il numero di infezioni confermate è raddoppiato all’incirca ogni quattro giorni, affliggendo più città e paesi cinesi, e gli esperti si sono chiesti se le azioni del governo stiano imponendo inutili sofferenze alle persone mentre fanno poco per rallentare l’epidemia.

A partire da venerdì, i dati del governo hanno mostrato che il virus aveva ucciso almeno 636 persone e infettato almeno 31.161, e molti credono che tali statistiche ufficiali siano tutt’altro che complete. Il tasso di mortalità per l’intera provincia di Hubei è stato del 2,8 per cento a giovedì.

Le autorità hanno iniziato a dirigere i pazienti a Wuhan verso ospedali di fortuna – tra cui uno stadio sportivo, un centro espositivo e un complesso edilizio – destinati a ospitare migliaia di persone. Ispezionando uno dei centri, allestito nello stadio di Hongshan, la signora Sun ha affermato che chiunque necessiti di cure dovrebbe essere raggiunto, se necessario, e costretto alla quarantena.

“Deve essere tagliato fuori dalla fonte”, del virus, “Deve essere tenuto d’occhio. Da non perdere di vista”, ha dichiarato rivolgendosi ai funzionari della città al rifugio, secondo un comunicato cinese, Modern Express.

Non era chiaro in che modo le strutture già sovraccariche potessero gestire un afflusso sulla scala prevista, o se i nuovi rifugi fossero equipaggiati o dotati di personale per fornire anche cure di base ai pazienti e proteggersi dalla diffusione del virus.

Le foto scattate all’interno dello stadio mostravano strette file di letti semplici separati solo da banchi e sedie tipicamente usati nelle aule. Alcuni commenti sui social media cinesi hanno confrontato le scene con quelle della pandemia influenzale spagnola, la più mortale della storia moderna.

Lunedì il leader cinese, Xi Jinping, ha definito l’epidemia “un importante test del sistema e della capacità di governo della Cina”. Ma comparendo con il Primo Ministro Hun Sen della Cambogia due giorni dopo, il signor Xi ha affermato che gli sforzi del governo cinese “stanno raggiungendo risultati positivi”.

Il signor Xi non è apparso in pubblico giovedì, apparentemente delegando la responsabilità della crisi ai deputati, che tutti hanno adottato il tono militaristico stabilito dal People’s Daily questa settimana quando ha descritto la campagna per contenere l’epidemia come una “guerra popolare”. ”

Ciò nonostante, vi erano segnali crescenti che le restrizioni all’ingresso e all’uscita da Hubei stessero rallentando la fornitura di medicinali, maschere protettive e altre necessità, nonostante gli impegni di Pechino e di società private ed enti di beneficenza che il soccorso era in corso.

“Questo è quasi un disastro umanitario, perché non ci sono sufficienti forniture mediche”, ha dichiarato Willy Wo-Lap Lam, professore a contratto presso il Center for China Studies dell’Università cinese di Hong Kong. “Il popolo di Wuhan sembra essere lasciato in difficoltà da solo.”

Molti esperti medici ritengono che il numero di quelli infetti – e quelli che sono morti – sia superiore al conteggio ufficiale. Molti residenti di Wuhan che non si sentono bene, ma non sono sicuri che abbiano la malattia, sono stati costretti a spostarsi da un ospedale all’altro a piedi, per poi essere allontanati dal test per il virus, per non parlare del trattamento.

Altri vagavano con indumenti protettivi completi o con misure di sicurezza improvvisate, come sacchetti di plastica in testa. Molti hanno fatto ricorso all’auto-quarantena a casa, rischiando la diffusione del virus all’interno delle famiglie e dei quartieri.

Il dott. William Schaffner, specialista in malattie infettive presso il Vanderbilt University Medical Center di Nashville, nel Tennessee, ha affermato che le sfide affrontate dalle autorità sanitarie cinesi nella gestione della crisi a Wuhan sono enormi.

“Quando le risorse fisiche e umane per le cure mediche dirette saranno ridotte, si verificheranno alcuni eventi sfortunati e le persone moriranno”, ha detto. “Non è possibile gestire un’enorme ondata di pazienti per un lungo periodo di tempo.”

Ma il Dr. Schaffner ha anche sollevato domande sui nuovi passaggi, compresi i rischi sia per i pazienti affetti da coronavirus che per i loro caregiver in rifugi di quarantena improvvisati.

“Che cosa succede alle persone che sono malate?” Chiese. “Ricevono assistenza e a quale livello? E gli operatori sanitari, nelle circostanze di uno stadio o di un auditorium scolastico, possono fornire cure efficaci – e mantenersi al sicuro? “

Altri esperti esterni hanno affermato che concentrare un gran numero di malati insieme in strutture simili a dormitori ha creato le condizioni per la diffusione involontaria di una serie di malattie infettive.

“Molte di queste persone hanno già problemi di salute di base che devono essere curati”, ha dichiarato Thomas M. File Jr., presidente della Infectious Diseases Society of America. “Li metti tutti nelle immediate vicinanze e potrebbero essere esposti ad altre infezioni che si diffondono ancora più facilmente rispetto al coronavirus, come la tubercolosi, che è sospesa nell’aria, e le infezioni batteriche che possono diffondersi tra le popolazioni dense.”

L’epidemia ha portato gran parte della Cina ad un punto morto virtuale, anche lontano da Wuhan. Ogni giorno riporta notizie di più città effettivamente sigillate, eventi pubblici e raduni annullati fino a febbraio o oltre e scuole che si preparano a posticipare le riaperture post-lunari di Capodanno.

L’impatto si è anche diffuso oltre i confini della Cina, nonostante gli sforzi frenetici del governo per rispondere all’epidemia, rappresentandola pubblicamente come una crisi gestibile. Quasi 200 infezioni con il virus sono state confermate in circa due dozzine di altri paesi e territori e due dei pazienti fuori dalla Cina sono morti.

Altri paesi hanno intensificato i propri sforzi per mettere in quarantena i pazienti, compresi quelli su due navi da crociera. Le società globali che dipendono dall’enorme mercato e dalle catene di approvvigionamento della Cina si stanno arrampicando per far fronte alle interruzioni causate dal coronavirus, riconoscendo quanto sono arrivate a contare sull’economia cinese.

A Wuhan, la prima preoccupazione è la situazione umanitaria di una città che inizia la sua terza settimana in uno stato di assedio. La confusione causata da ampie richieste di intervento al vertice e una situazione caotica sul terreno indicavano che il governo cinese non aveva ancora compreso la crisi.

Wang Chen, un esperto respiratorio che è presidente dell’Accademia cinese delle scienze mediche, ha affermato che i nuovi siti di trattamento di fortuna sono stati progettati per contrastare le trasmissioni all’interno delle famiglie e dei quartieri.

“Se un gran numero di pazienti con sintomi lievi vive a casa o si sospetta che si aggirino nella comunità, diventeranno la principale fonte di diffusione del virus”, ha affermato Wang, secondo l’agenzia di stampa Xinhua.

Un post ampiamente condiviso su Weibo, un popolare sito di social media, ha detto giovedì che “le condizioni erano molto povere” nel centro espositivo di Wuhan che è stato convertito in una struttura di quarantena. Lo scrittore, che ha affermato di avere parenti nel rifugio, ha citato le interruzioni di corrente e i problemi di riscaldamento, dicendo che le persone dovevano “rabbrividire nel sonno”.

Il post ha detto che sembravano esserci carenze di personale e attrezzature. “Non è stato visto che medici e infermieri prendessero nota dei sintomi e distribuissero la medicina”, ha affermato, e i dispositivi per l’ossigeno erano “gravemente carenti”.

Con la rabbia pubblica in ebollizione, il Partito Comunista si è spostato per soffocare le organizzazioni di notizie e le piattaforme di social media in cui le critiche alla risposta iniziale del governo sono rimaste per un certo periodo senza censure online.

Il China Media Project, un gruppo di supervisione in collaborazione con l’Università di Hong Kong, ha pubblicato una direttiva della Cyberspace Administration of China, che sovrintende a Internet, accusando diverse società di social media di “impegnarsi illegalmente in servizi di informazione su Internet nei rapporti dell’epidemia.”

Ha detto che alcuni dei giganti del paese, tra cui Sina Weibo, Tencent e ByteDance, saranno posti sotto una supervisione speciale per garantire “un ambiente online favorevole per vincere la guerra per la prevenzione e il controllo dell’epidemia di coronavirus”.

link all’articolo originale: TheNewYorkTimes.com

Condividi:
  • 4
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

© 2012-2020 virgoletteblog.it creato da Filippo Piccini

Log in with your credentials

Forgot your details?