fbpx

‘Patrick libero’: a Bologna scendono in piazza in migliaia

patrick zaky bologna

Hanno partecipato in migliaia al corteo organizzato a Bologna dell’Alma Mater per chiedere la liberazione di Patrick Zaky. Al grido di ‘Patrick libero’ la manifestazione è aperta dal Consiglio degli studenti dell’Ateneo. Dietro lo striscione di testa ci sono il rettore Francesco Ubertini e il sindaco Virginio Merola, insieme ad altri esponenti dell’Università e delle istituzioni cittadine

“QUESTA È LA VOCE DI BOLOGNA”

“Questa è la voce di Bologna”: così il sindaco Virginio Merola sottolinea la grande partecipazione al corteo. “Questo è il nostro grande abbraccio a Patrick– dice il rettore Ubertini- per stringerci a lui e chiedere con forza di riaverlo nelle nostre aule a Bologna. È una bellissima risposta”. Questa “è la voce di Bologna- aggiunge il sindaco- qui l’Università è nata prima del Comune e gli studenti da sempre sono cittadini, non ospiti. Siamo una città forte, con relazioni col mondo.

Non resteremo passivi. Il popolo egiziano è orgoglioso, ma anche noi lo siamo”. Merola prosegue: “La prima condizione della libertà è farsi sentire contro soprusi e oppressione. Bologna è allenata in questo”. Il sindaco rilancia poi l’appello al Governo italiano e alla Ue di muoversi per la liberazione di Patrick. “È importante fare pressione insieme- afferma Merola- perché il nazionalismo non riesca a dividere. È il momento per l’Europa di farsi sentire, come stanno facendo le città e gli Atenei”. In coda al corteo, dietro ai gonfaloni di Comune e Università, si sono uniti alla manifestazione anche i collettivi, che nel pomeriggio si erano radunati in piazza Verdi e che chiedono all’Alma Mater di interrompere i rapporti con l’Egitto. “Noi non abbiamo rapporti con il Governo egiziano- precisa in risposta il rettore- abbiamo progetti di sviluppo e di ricerca con gli atenei egiziani. Sono ponti che non crediamo di dover interrompere, in un momento in cui servono semmai più ponti”, sostiene Ubertini.

fonte: AgenziaDIRE.it

Condividi:
  • 2
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

© 2012-2020 virgoletteblog.it creato da Filippo Piccini

Log in with your credentials

Forgot your details?