fbpx

Coronavirus in Germania: sistema sanitario sotto pressione

covid germania

Michael Kegler non si aspettava di diventare virale per i suoi tweet sul coronavirus. Lunedì, il traduttore di 53 anni che vive vicino a Francoforte ha pubblicato un tweet che da allora è stato condiviso più di 2.000 volte.

“Attualmente sto sperimentando in prima persona quanto [lo stato di] Assia stia prendendo seriamente il coronavirus: ieri ho scoperto dai media portoghesi che un autore con cui ho lavorato a Povoa de Varzim è stato infettato da COVID-19”, ha scritto.

Quello che segue è un racconto che descrive l’odissea di Kegler con le autorità sanitarie tedesche: dal chiamare la hotline per il coronavirus istituita dal Ministero per gli affari sociali e l’integrazione dell’Assia, alla hotline nazionale tedesca per l’assistenza fuori orario, seguita dal Francoforte University Hospital, il suo dipartimento sanitario locale, il medico suggeritogli e il suo medico di famiglia; tutti contattati nel tentativo di riuscire a sottoporsi al test per il virus.

La saga è andata avanti per giorni fino a quando il suo dipartimento di salute locale lo ha contattato e dopo tutto ciò è stato sottoposto a test. Come chiunque dovesse entrare in contatto con un paziente confermato affetto da coronavirus, Kegler ha dichiarato a DW che si aspettava di venire precettato immediatamente per essere sottoposto a test.

“Alla fine, sono rimasto scioccato e stupito che non sia stato facile come pensavo”, ha detto.

‘Non mi sentivo affatto ben informato’

Kai Clemens ha anche un’esperienza diretta con gli sforzi della Germania per reprimere la diffusione di COVID-19 – oltre 500 persone si sono dimostrate positive nel paese. Clemens, che ha circa 30 anni e vive nello stato sud-occidentale del Baden-Württemberg, ha recentemente trascorso diversi giorni in quarantena in un ospedale. Ha condiviso la sua esperienza con il nome utente “Coronavirus Influenza”.

Da allora Clemens è stato rilasciato ed è stato messo sotto una quarantena di 14 giorni a casa. La situazione è iniziata dopo che la sua ragazza ha mostrato sintomi simil-influenzali a seguito di un viaggio d’affari. In seguito ha scoperto di essere stata in contatto con una persona infetta dal coronavirus.

La hotline nazionale per le cure fuori orario ha inviato i due in un ospedale dove sono stati poi separati. Clemens è risultato negativo per il virus tre volte, mentre la sua ragazza è risultata positiva. Clemens ritiene che i medici e il dipartimento sanitario locale abbiano fatto del loro meglio, ma che comunque “non si sentiva affatto ben informato”.

“Questo è ancora un grosso problema. I dottori, ad esempio, hanno detto: Non abbiamo davvero bisogno di tenerti qui per motivi di salute. La quarantena a casa protegge anche gli altri dalle infezioni, ma ora sei qui e noi abbiamo criteri poco chiari, dichiarazioni contraddittorie o nessuna chiara istruzione su quando e come possiamo lasciarti andare “, ha detto a DW.

Il dipartimento della sanità locale è sembrato sopraffatto dal telefono quando è stato contattato, ha detto Clemens. Ha aggiunto che è ancora “abbastanza poco chiaro” il motivo per cui il governo tedesco non ha istituito una hotline centrale specificamente dedicata alla gestione dei problemi da coronavirus – uno che sarebbe in grado di rispondere alle chiamate e dare consigli tutto il giorno a persone che manifestano sintomi lievi e potrebbe quindi indirizzare casi sospetti ai dipartimenti sanitari locali.

Un sistema, più giocatori

La hotline nazionale per l’assistenza fuori orario (che può essere raggiunta con il numero 116117) sta attualmente fungendo da hotline centrale per il coronavirus. Il call center è disponibile tutto il giorno con una rete di medici di guardia e spera di alleviare la pressione sui medici di famiglia e sui medici di medicina generale.

La hotline, tuttavia, è ancora responsabile della messa in campo di una vasta gamma di altri problemi medici – dal vomito e la diarrea al mal di schiena acuto. Un portavoce ha dichiarato a DW che la hotline ha ricevuto oltre 140.000 chiamate lo scorso fine settimana. Il servizio può attualmente tenere il passo con la domanda, ha detto il portavoce, ma i chiamanti possono anche affrontare gli eventuali tempi di attesa.

La complessità del sistema sanitario decentralizzato della Germania è diventata palesemente evidente durante l’epidemia di COVID-19.

Il ministero della sanità federale tedesco e i suoi 16 stati hanno anche hotline telefoniche per rispondere alle domande sul virus, sebbene i numeri siano disponibili solo in determinati periodi.

Accanto al piano d’azione nazionale sulla pandemia, ciascuno degli stati tedeschi ha sviluppato i propri piani e processi. Sia i governi federali e statali che gli amministratori locali e il Robert Koch Institute (che è responsabile della risposta della Germania all’epidemia) sono in costante contatto tra loro.

I principali attori sul campo sono i medici di medicina generale, gli ospedali e i dipartimenti sanitari locali. Questi ultimi sono responsabili del controllo delle malattie e ricevono istruzioni dai governi statali e seguono le raccomandazioni emesse dal Robert Koch Institute.

Ma sia i medici che le autorità sanitarie locali possono talvolta discostarsi da queste raccomandazioni, portando a diverse procedure in tutta la Germania per trattare i pazienti con coronavirus.

“Non tutte le procedure sono ancora in atto”

Solo poche telefonate ed e-mail rivelano esattamente quanto siano sopraffatte le autorità sanitarie locali al momento. Quattro dipartimenti contattati da DW hanno dichiarato di non poter trovare il tempo per un’intervista. Un portavoce della città occidentale di Bonn ha scritto in un’e-mail che attualmente tutto il personale sta lavorando al problema.

I colleghi sono stati portati da altri dipartimenti per le chiamate sul campo della hotline del servizio pubblico di Bonn, che attualmente riceve circa 100 chiamate al giorno – solo recentemente ci sono state 700 chiamate.

Nello stato occidentale del Nord Reno-Westfalia, dove si trova la maggior parte dei casi tedeschi COVID-19, numerose posizioni per i medici rimangono non occupate, secondo un rapporto dell’emittente pubblica locale WDR.

“Tutti i [funzionari e medici] sono attualmente sottoposti a forti pressioni nelle regioni colpite”, ha dichiarato il ministro della Salute Jens Spahn, aggiungendo: “Naturalmente non tutte le procedure sono ancora in atto”.

Secondo Veit Wambach, vicedirettore dell’Associazione tedesca dei medici praticanti (NAV-Virchow-Bund), c’è un motivo per cui le procedure non sono ancora state stabilite: la situazione è in continua evoluzione.

“All’inizio, ci è stato detto che qualsiasi caso sospetto sarebbe dovuto essere prima tenuto in terapia ambulatoriale. Ora ci viene detto che dobbiamo riservare lo spazio dell’ospedale per coloro che ne hanno bisogno dal punto di vista medico”, ha detto Wambach a DW. “Tali aggiustamenti sono sempre necessari quando la situazione sta cambiando – e sta davvero cambiando continuamente”.

Progressi nei test

Come in altre aree del mondo, la Germania deve affrontare notevoli problemi con l’acquisizione di indumenti protettivi come maschere respiratorie e tute protettive per tutto il corpo. Il team di gestione delle crisi del coronavirus del governo tedesco ora vuole procurarsi centralmente l’equipaggiamento protettivo.

Il capo della Federazione ospedaliera tedesca, Georg Baum, ha affermato che gli ospedali sono “nella migliore posizione possibile” per affrontare il virus e che si stanno già preparando per un numero maggiore di pazienti.

Sono stati inoltre compiuti progressi per quanto riguarda i test del coronavirus. Attualmente vengono effettuati in cliniche universitarie, laboratori privati, studi medici, grandi ospedali e altre istituzioni.

Lo stato meridionale della Baviera offre già un servizio di guardia in cui i medici verranno a casa di un paziente e li tamponeranno prima di portare il test in un laboratorio. Secondo l’Associazione nazionale dei medici dell’assicurazione sanitaria obbligatoria, attualmente esiste la capacità di eseguire 12.000 test al giorno a livello nazionale.

Polemiche sulla chiusura delle scuole

Il virologo Alexander Kekule nel frattempo ha chiesto l’adozione di misure molto più severe in Germania. Al fine di arrestare la diffusione del virus, Kekule ha esortato a chiudere tutti gli asili e le scuole a livello nazionale per 14 giorni. Grandi eventi dovrebbero anche essere annullati, ha detto.

L’associazione degli insegnanti di tedesco e il ministro della sanità Spahn, tuttavia, hanno respinto le richieste di chiusura delle scuole tedesche.

Per Kai Clemens, la sua quarantena di coronavirus terminerà questo fine settimana.

“Non vedo l’ora di poter ridere di questa folle esperienza con i miei amici e la mia famiglia – e soprattutto la mia ragazza quando sarà completamente guarita”, ha detto.

Michael Kegler, d’altra parte, è già stato dato il via libera. Alla fine è risultato negativo al virus dopo aver atteso 54 ore per i risultati.

link all’articolo originale: DeutscheWelle.com

Condividi:
  • 3
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

© 2012-2020 virgoletteblog.it creato da Filippo Piccini

Log in with your credentials

Forgot your details?