fbpx

Pandemia generazionale: i giovani indiani affrontano un futuro senza lavoro

giovane lavoratore india

Dopo sei mesi di lavoro nel turno del cimitero in un call center nella città di Pune, a tre ore di auto dalla capitale finanziaria indiana Mumbai, Rohit Mhatre ne aveva avuto abbastanza. Il 23enne si è dimesso a marzo, sperando di ottenere un altro lavoro che gli avrebbe permesso di avere una vita sociale.

Il suo tempismo non sarebbe potuto essere peggiore.

Settimane dopo, l’India è entrata in un rigoroso blocco a livello nazionale per fermare la diffusione dell’epidemia di coronavirus. I pochi lavori aperti a quelli con poca esperienza e appena usciti dal college si sono prosciugati. Anche la bancarella del padre di Mhatre che vendeva la colazione ai pendolari della città ha dovuto chiudere. Improvvisamente, la famiglia è rimasta senza reddito.

“Non c’è proprio lavoro là fuori. È difficile sapere cosa fare”, ha detto ad Al Jazeera per telefono, dal suo villaggio ancestrale nel Maharashtra, dove lui e la sua famiglia si sono trasferiti per evitare i costosi costi di vita della città. “Molti dei miei amici sono nella stessa barca. Passiamo tutto il giorno a scorrere i siti di lavoro online”.

La situazione di Mhatre mette in luce uno dei maggiori problemi economici dell’India: i giovani che hanno investito nell’istruzione superiore trovano sempre più difficile trovare lavoro, influenzando le loro prospettive future e potenzialmente quelle delle generazioni future. La pandemia sta rendendo questo problema ancora più acuto.

A livello globale, i giovani lavoratori tendono ad occupare posizioni scarsamente qualificate e di livello base. Le imprese hanno investito relativamente poco nella loro formazione. Di conseguenza, i datori di lavoro trovano spesso abbastanza facile sacrificare questi lavori quando i tempi sono difficili.

I giovani sono anche sovrarappresentati in settori come la vendita al dettaglio, l’ospitalità e il turismo, che sono stati gravemente colpiti da politiche che attuano il distanziamento sociale, secondo il think tank del Consiglio Atlantico.

A maggio, l’Organizzazione internazionale del lavoro (OIL) ha avvertito che la ricaduta economica di COVID-19 potrebbe “lasciare indietro molti giovani”, escludendoli permanentemente dal mercato del lavoro. L’eredità del virus potrebbe essere con noi “per decenni”, ha detto.

L’ILO afferma anche che “la gioventù è colpita in modo sproporzionato dalla pandemia”. Nel suo ultimo rapporto, stima che più di uno su sei giovani – circa il 17% – hanno perso il lavoro da quando è iniziata.

In India, la percentuale di giovani lavoratori colpiti dalla crisi sembra essere ancora più elevata.

Circa il 41 percento delle persone di età compresa tra i 15 e i 29 anni era senza lavoro a maggio, secondo i dati raccolti dal Center for Monitoring the Indian Economy (CMIE). Questo è aumentato dal 17,3 per cento del 2018-19.

Circa 27 milioni di persone di età compresa tra 20 e 30 anni hanno perso il lavoro in aprile, afferma il CMIE.

“L’impatto a lungo termine della pandemia sarà molto grave e richiederà molto tempo per essere risolto”, ha detto ad Al Jazeera Mahesh Vyas, amministratore delegato del CMIE. “I giovani non saranno in grado di risparmiare per il futuro e ciò influirà anche sulla prossima generazione”.

La contrazione del mercato del lavoro in India significa che sarà sempre più difficile trovarlo per gli 1,3 milioni di indiani che si uniscono alla forza lavoro ogni mese, secondo le stime della Banca mondiale.

Fondamentalmente, la pandemia ha anche messo a repentaglio la capacità dell’India di capitalizzare un’opportunità unica; ha la popolazione giovanile più grande del mondo.

Fino al 2040, la percentuale di persone in età lavorativa in India dovrebbe superare il numero dei loro dipendenti (bambini e anziani), un fenomeno che gli economisti chiamano “dividendo demografico”. Ma con la pandemia che causa enormi danni economici, gli analisti avvertono che è probabile che l’India perda questo beneficio.

“L’economia stava già rallentando gravemente e ora il blocco ha peggiorato tutto”, afferma Vyas del CMIE. “Se alle giovani generazioni non viene dato lavoro, il dividendo demografico diventerà un demone demografico”.

Bloccato in lavori senza uscita, scelte limitate

Anche prima della pandemia, l’India era uno dei posti più difficili in cui cercare un lavoro per un giovane. Sebbene la popolazione in età lavorativa del paese stia crescendo, la percentuale di giovani lavoratori attivi nel mercato del lavoro sta diminuendo, secondo la Reserve Bank of India.

Gli analisti affermano che l’eccedenza di lavoro creata dalla pandemia peggiorerà le loro prospettive di lavoro già desolate.

“I giovani saranno più disposti ad accettare meno retribuzioni e condizioni di lavoro sfavorevoli, solo perché sono così disperati per guadagnarsi da vivere”, ha detto Sabina Dewan, direttrice esecutiva e collega senior del Center for Policy Research di New Delhi Al Jazeera. Accettando qualsiasi lavoro possano ottenere e non necessariamente uno che si adatti alla loro istruzione o abilità, il loro potenziale rimane inutilizzato, ha aggiunto. “Questo ci riporta indietro enormemente in termini di realizzazione di qualsiasi porzione del dividendo demografico”, ha detto Dewan.

Mhatre, che ha trascorso tre anni a studiare per una laurea in Commercio, sta già abbassando le sue aspettative. Mentre è ancora alla ricerca di un lavoro di marketing o IT “rispettabile”, ammette che avrebbe preso qualsiasi cosa in questo momento se ciò significasse guadagnare un po’ di soldi. “Prima mi ero concentrato su come acquisire esperienza e sviluppare il mio CV, ma ora abbiamo bisogno di entrate per sopravvivere.”

Dice che molti dei suoi ex colleghi del call center erano laureati in ingegneria civile o in economia aziendale. Mhatre è grato di non aver sprecato più soldi su un altro grado.

“Se tutti finiscono per competere per lo stesso tipo di lavoro, a che serve studiare di più?” Egli ha detto.

Al 12,7 per cento, il tasso di disoccupazione per i laureati indiani era più del doppio della cifra complessiva del 6 per cento nel 2018, un sintomo del fallimento dell’India nel creare sufficienti posti di lavoro non agricoli di alta qualità. Le economie in via di sviluppo in genere aumentano il tenore di vita aumentando l’occupazione nella produzione e nell’edilizia. Ma la mancanza di investimenti in questi settori ha significato che questo processo si è bloccato in India dal 2012, secondo un rapporto dell’Università Azim Premji.

Gli analisti temono anche che molti giovani potrebbero finire per guadagnare poco più della generazione dei loro genitori, nonostante trascorrano più tempo e denaro a scuola. Le ricerche condotte dagli Stati Uniti mostrano che maggiore è il tempo trascorso senza lavoro o con un lavoro a basso reddito, maggiore è l’impatto al potenziale di guadagno futuro.

Ciò vale anche per l’India e la sua attuale crisi, afferma Dewan della rete JustJobs. “Abbiamo già un’economia che non prevede molta mobilità economica per i giovani”, ha detto, riferendosi al ruolo fuori misura che genere, casta e religione possono svolgere nel garantire determinati lavori. “Temo che ora i giovani saranno arretrati ancora di più; rinchiusi in lavori che non offrono loro una progressione verso l’alto”.

Risolvere i problemi esistenti

Con i casi di COVID-19 ancora in aumento, è difficile prevedere la durata e la gravità dell’attuale crisi. Mentre alcuni sperano in un’economia in ripresa una volta che il virus è sotto controllo, altri avvertono che i progressi sul fronte dell’occupazione saranno limitati se i problemi strutturali che guidano il rallentamento economico che ha preceduto l’epidemia vengono ignorati.

“Dal 2016 siamo rimasti più o meno bloccati in circa 405 milioni di posti di lavoro”, afferma Vyas del CMIE. “Quattro shock politici in quattro anni”, tra cui l’eliminazione di una grande percentuale di banconote nel 2016 e una crisi nel settore finanziario non bancario, hanno ostacolato la creazione di posti di lavoro e hanno colpito gli spiriti animali dell’economia, ha aggiunto. “Le aziende non hanno avuto spazio per investire in nuove capacità. Se non ci sono investimenti, non ci sono nuovi posti di lavoro e questo problema continua.”

Il sentimento delle imprese è sceso al minimo di 10 anni a giugno 2019, secondo un sondaggio della società di ricerca IHS Markit. Il governo ha tentato di rilanciare la fiducia del settore privato attraverso misure come la riduzione delle imposte sulle società e l’aumento della liquidità nel settore bancario, ma i critici affermano che deve fare di più, come realizzare le riforme economiche necessarie.

Durante la pandemia, diversi governi statali hanno sospeso alcune normative sul lavoro nel tentativo di rilanciare l’attività industriale. Ma questo è esattamente l’opposto di ciò che le autorità dovrebbero fare, afferma Dewan di JustJobs Network. “L’idea che ciò aiuterebbe le aziende ad avere successo, quando non lo erano prima, è strana”, ha detto. “Dobbiamo abbandonare l’incoraggiamento del lavoro a basso reddito e bassa produttività e concentrarci sui modi per migliorare l’occupazione e l’economia nel suo insieme”.

Mentre Nuova Delhi non ha annunciato misure specifiche per i giovani senza lavoro, ha iniettato $ 5,3 miliardi nel suo regime di occupazione rurale come parte di un pacchetto di incentivi COVID-19. Spera che ciò fornisca entrate per i milioni di lavoratori senza lavoro che hanno lasciato le città indiane e che per ora sono riluttanti a lasciare i loro villaggi. Distribuendo fondi per prestiti a micro, piccole e medie imprese – la spina dorsale dell’economia – il governo prevede anche di creare posti di lavoro.

Quelli che fissano un futuro incerto sperano che non passerà troppo tempo prima che la vita torni a girare. Il tempo passa più lentamente nel villaggio e Mhatre dice che è disperato di tornare a Pune, “girovagando” con gli amici e frequentando i suoi posti preferiti per mangiare. “Questo blocco è stato come una prigione”, ha detto. “Ci sentiamo bloccati e totalmente impotenti.”

link all’articolo originale: ALJAZEERA.com

Condividi:
  • 4
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

© 2012-2020 virgoletteblog.it creato da Filippo Piccini

Log in with your credentials

Forgot your details?