fbpx

Richard Wolff: Il capitalismo potrebbe non sopravvivere alla crisi globale del 2020, che arriverà più in profondità e durerà più a lungo di quanto molti prevedono

capytalism crisis

L’attuale crisi globale innescata dal Covid-19 è il terzo crollo capitalista in questo secolo. E l’incapacità dei governi di prendere in considerazione soluzioni non capitaliste minaccia di continuare ad approfondire questa crisi fino allo scenario peggiore per il capitalismo.

La prima crisi è stata all’inizio del 2000. Poiché è stata innescata dai prezzi assurdamente alti delle azioni delle dot-com, è stata chiamata “crisi delle dotcom”. Nel 2008, il fattore scatenante è stato il diffuso default dei mutui subprime negli Stati Uniti e il crollo è stato molto più grave, uno dei peggiori nella storia del capitalismo, secondo solo al crollo degli anni ’30. E ora, nel 2020, il fattore scatenante è stato una pandemia virale, su cui abbiamo un crollo molto più profondo rispetto al 2008.

Poiché le periodiche flessioni del capitalismo (crolli, recessioni, depressioni, crisi, cicli economici, crolli, ecc.) si verificano in media ogni 4-7 anni, attribuire ciascuna di esse al suo diverso fattore scatenante ha l’effetto di distogliere l’attenzione dall’instabilità intrinseca del sistema. Distrae anche da altri problemi fondamentali che il capitalismo globale non ha mai risolto. Questi sono ora esplosi insieme, convergendo su questa recessione capitalista per renderla estrema.

Cinque crisi
Ecco le cinque crisi convergenti. Ogni paese proverà la propria miscela di alcuni o tutti. Gli Stati Uniti ne soffrono tutti, e questo in parte è il motivo per cui il loro crollo economico e la pandemia di coronavirus sono così estremi.

Il primo è il cambiamento climatico (aumento della temperatura dell’aria e dell’acqua, inondazioni, siccità, incendi, ecc.), che sconvolge l’economia mondiale in diversi modi.

Il secondo è la disuguaglianza. Come hanno dimostrato l’economista francese Thomas Piketty e innumerevoli altri, il capitalismo peggiora continuamente la disuguaglianza di ricchezza e reddito a meno che e fino a quando la massa degli impoveriti si ribella o minaccia di farlo.

Il terzo è il razzismo. Molte società capitaliste dividono la loro gente in porzioni tenute relativamente al sicuro dai ricorrenti crolli del capitalismo e parti obbligate ad assorbirle e le loro terribili conseguenze di povertà, disoccupazione, baraccopoli, scarsa istruzione, cure mediche inadeguate e così via. È semplicemente troppo pericoloso per la riproduzione del capitalismo nel tempo minacciare la sua intera classe lavoratrice con disoccupazione, povertà, ecc. casuali e periodiche. Negli Stati Uniti, gli afroamericani hanno svolto il ruolo di ammortizzatori di crisi nel corso della storia della nazione. In altri paesi, le minoranze religiose o etniche o gli immigrati svolgono questo ruolo.

Il quarto è l’instabilità, gli incidenti periodici che accelerano la disuguaglianza e rinforzano il razzismo.

E il quinto è la pandemia virale. I calcoli del profitto privato portano le società private quasi ovunque a NON produrre e accumulare i mezzi per contenere le pandemie virali. Poiché i governi sono favorevoli all’idea che i capitalisti privati ​​che massimizzano il profitto siano esempi di “efficienza”, per lo più non sono riusciti a compensare il fallimento dei capitalisti privati. Quindi la pandemia è stata preparata in modo inadeguato e contenuta in modo inadeguato. Più ogni governo era impegnato nel capitalismo del laissez-faire, meno compensava la mancanza di preparazione del capitalismo privato a virus pericolosi e peggio è la pandemia di coronavirus. Gli Stati Uniti e il Brasile sono gli esempi lampanti di oggi.

Quale sarebbe stata la risposta logica
Le cinque crisi convergenti mi convincono che la crisi globale di oggi arriverà più in profondità e durerà più a lungo di quanto la maggior parte delle persone attualmente stia prevedendo.

La risposta logica alla crisi del 2020 sarebbe stata quella di mantenere tutti i lavoratori impiegati a fare tutto ciò che era necessario per contenere la pandemia. Ciò significa, ad esempio, che il governo assuma nuovamente coloro che sono stati licenziati da datori di lavoro privati, addestrandoli in modo massiccio per testare intere popolazioni, prendersi cura dei malati e costruire altrimenti ciò di cui la società ha bisogno (infrastrutture, istruzione, alloggi, ecc.) in condizioni di pandemia di allontanamento sociale, maschere, guanti, ecc.

Questa non è la politica adottata negli Stati Uniti dove, invece, era consentita una massiccia disoccupazione di decine di milioni. Quel quarto della forza lavoro ha subìto enormi perdite economiche, ora è tormentato dalla disponibilità dei loro vecchi posti di lavoro e a quali salari e condizioni. La massiccia disoccupazione invita ogni datore di lavoro a recuperare le perdite tagliando i salari, i sussidi, la sicurezza del lavoro, ecc. Ciò è già ben avviato negli Stati Uniti. La sofferenza è maggiore per i più poveri, esacerbando la già estrema disuguaglianza e aggravando le tendenze razziste a livelli socialmente esplosivi.

In molti paesi la povertà di massa per molto tempo ha minato la salute, la dieta, l’alloggio, l’istruzione e le relative condizioni di enormi popolazioni. Di conseguenza soffrono più della media sia di pandemie virali che di crolli economici. Anche i grandi pacchetti di stimolo di emergenza non possono compensare o superare le carenze e le esclusioni sociali accumulate storicamente. Sarebbero necessari molti più soldi e la volontà di intraprendere importanti cambiamenti strutturali se la risposta odierna alla crisi fosse quella di proteggere meglio le società dalle crisi ripetute in futuro.

Come accade nella maggior parte delle società capitaliste, più grande è l’impresa, maggiori sono le sue risorse per coltivare amici politici. La crisi attuale trova le piccole e medie imprese più vulnerabili e con meno risorse per consentire la sopravvivenza rispetto a quelle di solito possedute dalle grandi aziende. Questo è il motivo per cui, nonostante le dichiarazioni del Forum economico mondiale e di molti governi sull’importanza di mantenere e sostenere le piccole e medie imprese, e nonostante i programmi di stimolo rivolti a loro, la concorrenza sistemicamente ineguale tra le grandi imprese e le altre imprese dominerà la situazione. Pertanto i salvataggi e i programmi di stimolo avvantaggiano le grandi aziende a scapito delle medie e piccole imprese ovunque. Concentrazione e centralizzazione dell’aumento di capitale. I crescenti fallimenti delle piccole e medie imprese peggiorano quindi la disoccupazione e la disuguaglianza. Le varie crisi convergenti si aggravano a vicenda.

La principale arma governativa è stata l’aumento massiccio dello stimolo monetario. Ciò non è riuscito a far rivivere le economie in termini di occupazione e produzione. Al contrario, ha alimentato l’inflazione del mercato azionario / delle attività che aggrava la già estrema disuguaglianza e affronta anche la sofferenza di massa con un rapido accumulo di ricchezza dei già estremamente ricchi. Quasi nessuno crede nella sostenibilità a lungo termine di questa grave divergenza tra il mercato azionario e l’economia sottostante.

Tremendo sbaglio
La strada da percorrere presenta una netta scelta sociale. Il capitalismo si è mostrato scarsamente preparato per l’arrivo della pandemia, scarsamente preparato a contenerla e chiaramente incapace di prevenire la collisione massicciamente distruttiva tra la recessione del ciclo economico e la pandemia virale. Ora si sta dimostrando scarsamente adattato alla gestione della recessione capitalista globale. Finora, troppe risposte private e governative hanno mirato a “tornare alla normalità”. Con questo si intendono approssimativamente le condizioni prima di febbraio / marzo 2020, quando è arrivata la pandemia e il crollo capitalista. Tuttavia, c’è un enorme errore. Quella normalità conteneva tutti i semi e i processi che poi ci hanno portato alla situazione attuale.

Una diversa tabella di marcia per il mondo post-pandemico deve affrontare la necessità di NON tornare alla “normalità” pre-pandemica. Invece, devono essere decisi e attuati importanti cambiamenti strutturali nelle economie nazionali, nel commercio mondiale e nella finanza. Primo fra questi è una distribuzione globale molto meno diseguale della ricchezza e del reddito. Inoltre, questo deve includere cambiamenti nell’organizzazione aziendale in modo che la tendenza del capitalismo moderno ad approfondire le disuguaglianze di ricchezza e reddito non possa riprendere le sue funzioni socialmente divisive. Allo stesso modo, deve esserci un movimento globale molto più coordinato per ottenere tali cambiamenti. Altrimenti le varianti nazionali delle cinque crisi convergenti negli Stati Uniti menzionate all’inizio di questo saggio saranno il nostro futuro globale.

Troppi governi che i capitalisti ancora controllano sembrano congelati nella loro incapacità di trovare soluzioni non capitaliste. Rifuggono o non riescono a immaginare politiche che forniscano lavoro e reddito e assicurino la salute pubblica senza dare priorità ai profitti, senza rimettersi alla proprietà esistente e alla struttura operativa delle imprese private. Quell’incapacità minaccia di continuare ad approfondire questa crisi fino al peggio del capitalismo. Solleva anche la domanda fondamentale di questo momento: il capitalismo può sopravvivere?

Di Richard D. Wolff, Professore Emerito di Economia, Università del Massachusetts, Amherst, e Visiting Professor presso il Graduate Program in International Affairs della New School University, NYC. Il programma settimanale di Wolff, Economic Update, è distribuito da oltre 100 stazioni radio e arriva a 55 milioni di ricevitori TV tramite Free Speech TV e i suoi due libri recenti con Democracy at Work are Understanding Marxism and Understanding Socialism entrambi disponibili su Democracyatwork.info.

link all’articolo originale: RT.com

Condividi:
  • 1
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

© 2012-2020 virgoletteblog.it creato da Filippo Piccini

Log in with your credentials

Forgot your details?