fbpx

Il Legame // Domenico Emanuele de Feudis

il legame film poster

Amo il cinema, profondamente. E anche se nel tempo mi sono trasformata in una creatura onnivora, continuo a essere una “devota” del genere horror!

E una come la sottoscritta poteva forse perdersi la nuova uscita targata Netflix… ovvero Il Legame? A rendermi poi ancora più curiosa, o forse morbosa, il fatto che questo horror è tutto italiano! Dietro la macchina da presa troviamo infatti Domenico Emanuele de Feudis, al suo esordio come regista. Nel cast invece sbuca fuori un nome alquanto improbabile, ovvero quello di Riccardo Scamarcio.

Se state pensando di mollare qui la recensione… beh non fatelo.

Il Legame è sì un film con delle pecche, ma anche una sorta di rivalsa verso chi non crede che in Italia sia possibile nutrire e portare allo scoperto il folto sottobosco di idee e progetti soprattutto orrorifici. Lo sfondo del film è la splendida Puglia, ma vista dal suo dark side. Quello che infatti emerge prepotentemente è il profondo folklore del Sud Italia, con le sue credenze, i suoi rituali e i suoi demoni.

Il film avrebbe potuto sicuramente premere di più l’acceleratore sulle dinamiche intestine della famiglia… avrebbe anche potuto portare lo spettatore a infilare il naso in quel mondo oscuro legato alle credenze popolari del nostro Mezzogiorno ma si è forse preferito giocare sul sicuro, puntando sul modus operandi americano.

Nonostante questo, resta il fatto che Il Legame è un film che sceglie di puntare su qualcosa di inusuale per il nostro cinema odierno, che sceglie di raccontare una storia di possessioni, fascinazione e malvagità.

Oltre a Scamarcio, nel cast troviamo anche Mia Maestro, Mariella Lo Sardo e Giulia Patrignani.

In definitiva… lasciate da parte le antipatie, sventolatevi via da sotto il naso quella puzza e date un’opportunità a qualcosa che prova a essere diverso… il cambiamento siete voi!

Buona Visione

Serena Aronica

Condividi:
  • 46
  •  
  • 4
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

© 2012-2020 virgoletteblog.it creato da Filippo Piccini

Log in with your credentials

Forgot your details?