La pandemia ha trasformato per sempre l’utilità degli uffici?

office scanner

David Corns, amministratore delegato della California di R / GA, un’agenzia di pubblicità e marketing globale, doveva decidere se rinnovare il contratto di locazione per l’ufficio della società nel centro di San Francisco. Era la primavera del 2020 e il contratto di locazione sarebbe scaduto il 31 agosto. Prima della pandemia da covid-19, gli immobili commerciali erano più costosi a San Francisco che in qualsiasi altra parte del paese, inclusa New York, dove ha sede la R / GA. Da quando ha lasciato l’incarico il 13 marzo, le cento persone S.F. lo staff, i creativi, i designer, gli strateghi, gli account executive e i tecnologi che realizzano prodotti e servizi digitali per Slack, Reddit e Airbnb, tra molti altri marchi, insieme ai team di supporto, lavoravano da casa. “Abbiamo visto la produttività salire alle stelle”, mi ha detto Corns. Allora perché il personale richiedeva precedentemente così tanto (costoso) spazio in ufficio? Ne avevano davvero bisogno?

Negli ultimi tre decenni, una serie di silenziose rivoluzioni nel design ha cambiato il modo in cui vengono utilizzati gli uffici, cancellando le precedenti gerarchie di muri e cubicoli e incorporando le metodologie di lavoro del settore tecnologico in layout open space basati sul team. Allo stesso tempo, strumenti digitali come posta elettronica, Excel, Documenti Google, videoconferenze, lavagna virtuale e canali di chat come Slack hanno reso meno essenziale la presenza di un lavoratore in quegli uffici. La pandemia ha fatto collassare queste tendenze divergenti in una domanda esistenziale: a cosa serve un ufficio? È un posto dove i neofiti possono imparare da colleghi esperti? Un modo per i capi di sorvegliare gli scansafatiche? Una piattaforma per la collaborazione? Una fonte di amici e vita sociale? Una tregua dalla famiglia? Un motivo per uscire di casa? Si scopre così che il lavoro, che è quello per cui l’ufficio dovrebbe esistere, è possibile farlo da qualche altra parte.

La pandemia ha offerto a R / GA e ad innumerevoli altre grandi imprese un’opportunità senza precedenti di ripensare l’importanza della presenza, della vicinanza e del posto nella pianificazione dello spazio di lavoro. Il 27% della forza lavoro americana sarà remota nel 2021, secondo un recente sondaggio di Upwork, un mercato freelance. Circa venti milioni di lavoratori si sono trasferiti, molti dei quali fuori dalle principali città, o stanno progettando di farlo. I posti vacanti continuano a crescere: CBRE, la più grande società di servizi immobiliari commerciali del mondo, ha recentemente stimato un tasso di posti vacanti a San Francisco di oltre il 16%, il più alto mai registrato. Le principali società immobiliari come Boston Properties e Vornado Realty Trust, che, a causa di contratti di locazione commerciale a lungo termine, sono state tradizionalmente a prova di recessione, hanno perso più di un terzo del loro valore di borsa nell’ultimo anno. Dirigenti e lavoratori stanno lottando per capire come saranno i loro uffici post-pandemia e come bilanciare quello che sembra essere un passaggio duraturo verso il lavoro a distanza con i vantaggi del posto di lavoro fisico.

Prima della pandemia, gli spazi di lavoro fisici e virtuali spesso sembravano essere in disaccordo. Le risorse digitali che ora consentono a molti lavoratori di svolgere il proprio lavoro da casa avevano reso possibile entrare in ufficio e trascorrere l’intera giornata online. Sebbene questi strumenti pretendano di migliorare lo spazio di lavoro fisico migliorando la comunicazione, possono minare la cultura dell’ufficio riducendo gli incontri faccia a faccia che i layout open space pretendono di promuovere.

“La tecnologia digitale non dovrebbe sostituire la connessione umana”, mi ha detto Satya Nadella, C.E.O. di Microsoft. (A volte, ovviamente, viene utilizzato proprio per questo motivo negli uffici open space: non puoi concentrarti sul tuo lavoro se qualcuno accanto a te sta parlando e ci sono pochi spazi in cui parlare in privato con un collega.) “La tecnologia digitale dovrebbe aiutare la connessione umana quando ci sono vincoli di spazio e tempo”, ha aggiunto Nadella.

Corns ha discusso le opzioni con i dirigenti di R / GA a New York, tra cui Sean Lyons, il C.E.O .; Wes Harris, il direttore generale globale; e David Boehm, che sovrintende agli immobili e alle strutture dell’azienda. I dirigenti di New York dovevano anche decidere cosa fare della base di Manhattan di duecentomila piedi quadrati della società, un ufficio, al 450 West Thirty-third Street, progettato dal celebre studio di architettura britannico Foster + Partners. Il processo di progettazione è rappresentato nel documentario del 2016 di Gary Hustwit, “Workplace”, che traccia l’evoluzione dell’ufficio del ventunesimo secolo.

La sede di R / GA era una tappa dei tour di progettazione degli uffici all’avanguardia di New York City. Un altro luogo di lavoro imperdibile è stato l’ufficio di Campari America, realizzato da Gensler, la più grande azienda di design per ambienti di lavoro del mondo, e situato nel Grace Building, con vista su Bryant Park. Ma, mentre la pandemia si trascinava, un costoso ufficio espositivo a Manhattan, dove i costi di affitto in un grattacielo di Classe A possono ammontare a ventimila dollari per dipendente all’anno, iniziò a sembrare un albatro di spazio costoso e inutilizzato.

A San Francisco, la decisione di Corns è stata relativamente semplice: “Abbiamo detto: ‘Tiriamoci fuori da questo contratto di locazione, diventiamo completamente virtuali e trattiamo l’ufficio come tratteremmo qualsiasi progetto del cliente, partendo da una tabula rasa.'”

Durante i primi sei mesi della pandemia, il Talent Experience Team di R / GA ha condotto una serie di sondaggi e workshop con i seicento dipendenti dell’agenzia in tutto il mondo. Wes Harris mi ha detto: “Il primo era solo: sei in grado di portare a termine il lavoro? I tuoi clienti sono soddisfatti? Come ti senti?” I risultati sono stati positivi. Il lavoro a distanza stava funzionando, in generale. Il 30% dei supervisori ha affermato che i propri lavoratori erano più produttivi a casa; solo il sette per cento ha detto che le persone stavano ottenendo meno risultati. A due mesi dall’inizio della pandemia, sembrava probabile che lavorare da casa sarebbe stato un cambiamento permanente, piuttosto che un temporaneo tamponamento.

La serie successiva di sondaggi, condotta a giugno e luglio, ha chiesto, Harris ha detto: “Ora che stiamo lavorando con successo in un mondo virtuale, come dovrebbe essere il futuro ufficio post-covid e come si fondono il fisico e il digitale in questo nuovo paradigma? ” Tutti dicevano di non vedere di persona i colleghi, ma pochissimi lavoratori pensavano di tornare in ufficio cinque giorni a settimana. Da uno a tre giorni è stato più interessante.

“Le persone vogliono essere in grado di lavorare da qualsiasi luogo, ma a volte vogliono collaborare”, mi ha detto Harris. Invece di un grande ufficio centrale come 450 West Thirty-third Street, con posti a sedere per milleduecentocinquanta dipendenti e una sala conferenze da duecento persone, potrebbe essere meglio avere uffici satellite più piccoli più vicini alle case dei lavoratori. Sean Lyons ha fatto riferimento al “numero di Dunbar”, la teoria dell’antropologo britannico Robin Dunbar, derivata da studi sui villaggi e sulle tribù neolitiche, secondo cui gli esseri umani possono mantenere relazioni sociali stabili con non più di centocinquanta persone alla volta. R / GA stava progettando di aprire un ufficio centrale a Brooklyn, ha detto Lyons, perché molti dei loro abitanti di New York vivevano lì.

Sei mesi dopo, l’ultimo ciclo di sondaggi ha mostrato che i dipendenti, spinti dall’adrenalina e dall’ansia per il rendimento scarso, e poiché non c’era molto altro da fare mentre erano chiusi in casa, lavoravano tutto il tempo.

I sondaggi hanno evidenziato una serie di “punti deboli”, tra cui una mancanza di interazioni spontanee con i colleghi, difficoltà nell’integrazione remota dei nuovi assunti nella cultura aziendale, affaticamento da Zoom e posti a sedere ergonomicamente errati. Ma la cosa più dolorosa è stata provata dal personale di R / GA che aveva figli piccoli. Per un genitore stressato, Work From Home può trasformarsi rapidamente in What The Fuck!

Tuttavia, per molti dei dipendenti dell’azienda, le minori opportunità di collaborazione e l’erosione della cultura aziendale non erano svantaggi importanti. Un riepilogo dei risultati del sondaggio ha riportato che condurre riunioni su Zoom significava “ascoltare più voci e c’è un miglior metodo per le riunioni”. Un intervistato ha scritto: “Le persone tendono ad aspettare che gli altri finiscano i loro pensieri prima di parlare”. Un altro ha osservato: “Work From Home in realtà costringe tutto il nostro team a lavorare più da vicino”.

All’inizio della pandemia, Nadella di Microsoft ha suggerito in una conversazione con gli editori del Times che un’efficace collaborazione a distanza si basava in parte sul “capitale sociale”. Il concetto che le comunità nascono dalle interazioni personali è stato reso popolare nel best seller del 2000 di Robert Putnam, “Bowling Alone”. In un contesto lavorativo, il capitale sociale si accumula lavorando in presenza di altri e si esaurisce durante le interazioni virtuali. Nadella ha detto al Times di essere preoccupato che “forse stiamo bruciando parte del capitale sociale che abbiamo costruito in questa fase in cui lavoriamo tutti a distanza. Qual è la misura per questo? “

Ma quando ho parlato con Nadella ha permesso che quando vedi persone nelle loro case, con i loro bambini rumorosi e animali domestici importuni, che lottano per rimanere concentrati e ottimisti, “hai un diverso tipo di empatia per i tuoi colleghi”.

In R / GA, il sondaggio ha anche rivelato che, senza la sede centrale dell’azienda a New York, le persone che lavoravano in altre città e paesi si sentivano molto più coinvolte. Un lavoratore ha scritto: “New York ha smesso di comportarsi come se fosse New York e tutti gli altri”.

Infine, l’indagine ha chiesto allo staff di immaginare l’ufficio del futuro: “Più spazi per la collaborazione. Meno spazio sulla scrivania individuale ”; “Mi piacerebbe vedere spazi più orientati al team come un tavolo, uno schermo e una privacy parziale che un team può utilizzare e avere riunioni informali invece di tutto ciò che richiede una sala conferenze”; “L’ufficio può essere molto opprimente e molto difficile per concentrarsi, questa è stata la parte migliore del lavorare da casa, essere in grado di concentrarsi”; “Sono molto diffidente nei confronti dei grandi spazi open space, che hanno sempre reso facile il viaggio di insetti e virus”.

In tutto, R / GA ha raccolto cinquecentocinquanta commenti da settecentocinquanta lavoratori. Harris e i suoi colleghi hanno incorporato questi risultati in brief che avrebbero condiviso con architetti e designer mentre la società realizzava i suoi piani post-pandemia, a cominciare dall’ufficio di San Francisco. David Boehm mi ha detto che sperava che il progetto risultante sarebbe servito da prototipo per l’ufficio R / GA del futuro.

Ad agosto, Corns ha stipulato un contratto di locazione per un nuovo spazio più piccolo in un grattacielo di Fremont Street, nel quartiere finanziario di San Francisco, a un canone molto più basso. “Avevamo parlato di ottenere tre spazi più piccoli – a South Bay, Oakland, San Francisco – per ridurre i tempi di percorrenza delle persone”, mi ha detto. “Pensavo che avremmo effettivamente seguito quella strada, ma la gente ha detto: ‘Vogliamo stare insieme'”.

Corns ha quindi cercato un designer per creare uno spazio di lavoro. Dopo una breve ricerca, ha scelto Primo Orpilla, uno dei principali e co-fondatore di Studio O + A, un premiato studio di architettura e design con sede a San Francisco con tre decenni di esperienza nella creazione di spazi di lavoro per aziende come Facebook, Uber e Yelp, alcuni di loro sono anche clienti di R / GA.

Se sei entrato nella vita d’ufficio negli anni Ottanta, come ho fatto io, la gerarchia era ovunque guardassi. Boss e altri pezzi grossi avevano uffici murati con vista, mentre i piccoli avannotti lavoravano faticosamente nelle barriere coralline dei cubicoli, inondati di luce fluorescente. L’ambiente industriale open-office in cui CC Baxter lavora nel film di Billy Wilder del 1960, “The Apartment”, una specie di fabbrica di colletti bianchi, ha lasciato il posto alla fattoria dei cubi dove Lester Burnham siede in “American Beauty”, del 1999. La conformità ancora regnava nell’era dei cubicoli, ma almeno un ‘babbeo’ da ufficio aveva una privacy visiva parziale su tre lati. (Per una sana privacy, avevi bisogno di un ufficio.) Sebbene ora vengano derisi, i cubicoli mantennero il loro fascino; ho incontrato e corteggiato mia moglie in uno. Tuttavia, come Bud Baxter, il mio sogno era di avere una porta con il mio nome sopra.

Il cubicolo si è evoluto da nozioni utopiche di flessibilità e flusso dell’ufficio promosse negli anni Sessanta da Robert Propst, il capo della ricerca per l’azienda Herman Miller. Propst comprese che il lavoro d’ufficio era fondamentalmente diverso dal lavoro in fabbrica. Nikil Saval, nel suo libro del 2014, “Cubed: A Secret History of the Workplace” (2014), scrive: “Propst è stato tra i primi designer a sostenere che il lavoro d’ufficio era un lavoro mentale e che lo sforzo mentale era legato al miglioramento ambientale delle proprie proprietà fisiche.” Propst credeva che, in particolare, i lavoratori della conoscenza – un termine coniato da Peter Drucker nel 1959 – avrebbero beneficiato di quello che chiamava uno “spazio vitale orientato alla mente”. Ha cercato di integrare un concetto più dinamico di lavoro in un programma di partizioni a cerniera e scrivanie in piedi. L’Action Office, come lo chiamava Propst, debuttò nel 1964. Ma a metà degli anni Ottanta si era evoluto nel cubicolo inerte, e Propst fu accusato di averlo generato. Quello che è successo?

I progetti orientati all’azione di Propst possono o meno avere aumentato la produttività e la collaborazione, ma hanno migliorato i profitti, consentendo ai responsabili dell’ufficio di aggiungere più dipendenti senza doversi spostare in uno spazio più grande. Con l’aumentare della densità, le partizioni crollarono nell’ingombro più piccolo possibile: il cubo in continua contrazione. Due anni prima della morte di Propst, nel 2000, disse a un intervistatore: “Il lato oscuro di questo è che non tutte le organizzazioni sono intelligenti e progressiste. Molti sono gestiti da persone grossolane che possono prendere lo stesso tipo di attrezzatura e creare buchi infernali. Fanno piccoli cubicoli e li riempiono di persone. Aride tane per topi. “

Non molto tempo dopo essere stato promosso a un ufficio privato – era più simile a quello di Jonathan Pryce in “Brazil” (1985) che a quello di Tom Hanks in “Big” (1988) – uno spirito di design democratizzante iniziò ad emergere dalla Silicon Valley, ribaltando indicatori stabiliti di status e rimescolamento dello spazio personale e collaborativo secondo una filosofia più comune del lavoro di squadra. Gli uffici perimetrali si sono spostati all’interno, in modo che tutto lo spazio avesse luce naturale; il capo, almeno, era più accessibile. Le pareti del cubicolo sono scese da sessantacinque pollici a quarantotto, poi a trentasei, e poi sono scomparse del tutto, sostituite da scrivanie contigue, che era il mio spazio assegnato all’ufficio del New Yorker quando la pandemia ha colpito.

Come molti lavoratori anziani che una volta avevano degli uffici, speravo che la pandemia potesse invertire la tendenza dell’open plan; secondo uno studio danese del 2011, le persone che lavorano in uffici aperti prendono il 62% in più di assenze per malattia. Come avrei scoperto, la pandemia, lungi dall’ invertire il declino dello spazio personale in ufficio, sembra destinata ad accelerarne la fine.

Cresciuto nella Bay Area negli anni Settanta e Ottanta, Primo Orpilla ha avuto modo di vedere in prima persona una nuova estetica del design democratico che spuntava dalla scena tecnologica californiana. All’inizio degli anni Ottanta, gli uffici della maggior parte delle grandi società tecnologiche erano ancora ciò che Orpilla chiama Dilbertvilles, dal nome dell’ingegnere cubicolo del fumetto di Scott Adams. “Erano strutture gerarchiche pesanti”, mi ha detto, come quelle di Initech, la compagnia della satira del 1999 di Mike Judge, “Office Space”. “Cubicoli, uffici, sale riunioni: tutto qui. Non avevamo ancora avuto una stanza di brainstorming: la collaborazione non era nemmeno nella conversazione. Sei appena passato da una riunione all’altra. “

Orpilla ha studiato design di interni alla San Jose State University e, a metà degli anni Ottanta, ha svolto un tirocinio presso un’azienda di lavoro a Sunnyvale, dove ha pianificato lo spazio per l’appaltatore della difesa Lockheed Martin, che aveva sede nelle vicinanze. “Ho avuto modo di osservare gli ingegneri e come viene realizzata la tecnologia”, ha detto. “Ci sarebbe stato un ingegnere superstar che era il chief tech officer e il ragazzo più intelligente nella stanza, e poi un gruppo di altri ingegneri che avevano bisogno di una guida si sarebbero formati intorno a lui.” Ha notato come gli ingegneri utilizzerebbero le lavagne mobili per creare proprie stanze di brainstorming ad hoc. A differenza dei team di progettazione hardware, che tendevano a essere stabili ea perseguire progetti dall’inizio alla fine, i team software si formavano, si dissolvevano e si riconfiguravano man mano che il lavoro procedeva e si presentavano nuovi problemi imprevisti.

Gli ingegneri erano la “fiducia della mente” dell’azienda, ha detto Orpilla. Ma “sono stati trattati come cittadini di seconda classe. Hanno preso i cubi al centro del magazzino senza finestre. Se eri un grande venditore, avevi un ufficio. Riguardava i ragazzi che vendevano il prodotto “.

Verso la fine degli anni Ottanta, i responsabili degli uffici hanno iniziato a chiedere ai designer di facilitare questo nuovo stile di lavoro orientato al team. “Tutto è diventato: come ci prendiamo cura delle persone che creano questo prodotto?” Ha detto Orpilla. “Hanno bisogno di essere ispirati, hanno bisogno di essere nutriti e noi dobbiamo dare loro gli spazi per fare il loro lavoro”. Cibo gratuito e altri servizi tenevano gli ingegneri in ufficio, a programmare fino a notte fonda. “Lavorano per molte ore, tendono a lavorare al buio”, ha continuato Orpilla. “A loro piace passare così il tempo per lunghi periodi.”

Il boom di Internet degli anni Novanta, guidato in parte da ingegneri imprenditoriali, ha svolto un ruolo nella diffusione della metodologia basata sul team ad altre forme di lavoro della conoscenza. La creazione di un prodotto digitale di successo come Ad Words di Google, un’invenzione che ha contribuito a trasformare la società di ricerca che perde denaro in un colosso guidato dalla pubblicità, spesso coinvolge team interdisciplinari di ingegneri, professionisti del marketing e responsabili di prodotto. Quando il software è diventato il motore della crescita nell’industria tecnologica e nell’economia nel suo complesso, le barriere intricate tra divisioni di lavoratori precedentemente separate hanno continuato a dissolversi.

Orpilla e il suo partner di progettazione, Verda Alexander, hanno fondato Studio O + A nel 1991. Nel corso degli anni, i servizi forniti sono diventati sempre più lussuosi. “Abbiamo realizzato rampe da skateboard con giradischi DJ, molte sale giochi con biliardo e tavoli da ping-pong; abbiamo realizzato sale da musica e caffetterie con bar sofisticati e spillatori di birra “, ha scritto Alexander nel 2019, in un saggio per Fast Company. I luoghi di lavoro avevano un servizio di lavanderia, stanze per i sonnellini e palestre, ulteriori incentivi per impedire ai dipendenti di lasciare l’ufficio.

Alla fine degli anni Novanta, alcune aziende al di fuori dell’ambito tecnologico cercarono di seminare un’innovazione interdipartimentale simile attraverso la progettazione a pianta aperta. Tra le prime c’era l’agenzia pubblicitaria Chiat Day, il cui co-fondatore Jay Chiat, dopo aver assunto Frank Gehry per costruire l’edificio con la facciata del binocolo dell’azienda a Venice, Los Angeles, si è sbarazzato degli uffici privati, cubicoli e scrivanie, rendendo possibile lavorare da qualsiasi punto dell’ufficio. Il posto di lavoro del Chiat Day era come l’Azione di Propst dopo un triplo espresso.

Con la tecnologia mobile di oggi e la velocità della banda larga, il piano avrebbe potuto funzionare, ma Chiat, morto nel 2002, era di due decenni in anticipo sui tempi. Dopo che l’azienda si è trasferita dal proprio spazio, l’autopsia di Wired del 1999 ha notato che l’ufficio di Venice era diventato “inghiottito da piccole guerre, sotterfugi di tipo asilo nido, lagnanze incessanti, bullismo da parte dei dirigenti, insurrezioni dei dipendenti, caos interno e produttività in calo. Peggio ancora, non c’era nessun posto dove sedersi. “

I progettisti hanno affrontato le lamentele sul rumore e le distrazioni incorporando elementi di “lavoro basato sull’attività”, un termine coniato, nel 1994, dal consulente di design olandese Erik Veldhoen. I layout presentavano una combinazione di aree aperte per il lavoro di squadra, “soggiorni” e “spazi di incontro” pensati per promuovere incontri casuali e lavoro mirato. Il design basato sulle attività ha anche contribuito a introdurre “hot desking” (posti a sedere non assegnati, primo arrivato, primo servito) e “hoteling” (scrivanie prenotabili).

Studio O + A offre ai potenziali clienti un menu di diverse “tipologie”: tipologie di camere semi-modulari, basate sulle attività, che possono essere inserite in qualsiasi open space. Questi includono il Think Tank (“Una serra concettuale in cui vengono coltivati ​​i primi germogli di progetti”), la Biblioteca (“Un luogo di tregua”) e vari Santuari e rifugi simili a yurte (“Questa antica struttura dalle steppe di La Mongolia è un’amenità moderna popolare”).

Orpilla mi ha detto che O + A voleva “creare un kit di tipologie di camere che suggerissero un certo tipo di comportamento”. Era ciò che rendeva il suo lavoro così interessante: “Stai cambiando comportamento. Questo è davvero ciò che riguarda il design del posto di lavoro “.

Negli ultimi anni, il design basato sulle attività è diventato un potente strumento negli sforzi di branding e reclutamento di molte aziende. Gensler si è specializzato nella creazione di questo tipo di spazio e, con il progetto della sede centrale di Campari America, inaugurato a marzo 2019, l’azienda ha raggiunto l’apice dell’ufficio come stile di vita. Il posto è destinato ai lavoratori che “vivono il marchio ogni giorno”, mi ha detto Stefanie Shunk, lead designer di Gensler nel progetto, mentre mi mostrava il luogo di lavoro deserto all’inizio di agosto. I banchi sono primo arrivato, primo servito, anche se Ugo Fiorenzo, il capo di Campari America, ammette di avere un “angolo preferito”. Gli oggetti personali sono conservati negli armadietti; tutto ciò che viene lasciato su una scrivania alla fine della giornata finisce su un “tavolo della vergogna”. Fiorenzo ha descritto l’obiettivo del progetto come “collaborazione e collisione”. Ci sono cinque diversi spazi bar sparsi per i due piani, incluso uno speakeasy, il Boulevardier, nascosto sotto le scale interne. Shunk ha utilizzato la metafora del cocktail perfetto per descrivere l’estetica degli interni: “Chiarezza, colore, aroma, sapore e finitura”. I profili di degustazione di particolari liquori (l’azienda possiede anche Wild Turkey, Skyy Vodka e Grand Marnier, tra gli altri marchi) informano le tavolozze dei colori nelle sale riunioni di marca.

Shunk e io siamo stati raggiunti da Jaime Celebron, direttore senior delle risorse umane di Campari, alla reception, progettata per assomigliare a un espresso bar milanese. Normalmente, “saresti un po ‘a pancia in giù al bar”, ha detto Celebron, indicando il bancone in marmo bianco a forma di C. Siamo stati attenti a non toccarlo.

Celebron era la prima volta che tornava dalla seconda settimana di marzo. “Vorrei che tu potessi vederlo con le persone”, disse, sembrando colpita.

Abbiamo seguito il tour che ricevevano i nuovi assunti, finendo nell’intimo Boulevardier. Non siamo rimasti a lungo. Con la pandemia, il bar sembrava un covid cocktail. Vivere il marchio era una cosa; ammalarsi era un altro.

Nei mesi successivi alla chiusura di marzo, Gensler, O + A e molti altri progettisti del posto di lavoro si sono affrettati a mettere insieme protocolli di sicurezza per i clienti che, come Campari, stavano valutando un rapido ritorno in ufficio. I luoghi di lavoro che avevano la premessa di avvicinare team di persone ora dovevano tenerli separati.

“I clienti ci cercano risposte”, mi ha detto Amanda Carroll, preside di Gensler. Il posto di lavoro dei colletti bianchi non è mai stato regolamentato come la produzione, l’edilizia e l’assistenza sanitaria, settori in cui l’Amministrazione per la sicurezza e la salute sul lavoro stabilisce regole di salute e sicurezza. Con la pandemia, rischi potenzialmente fatali sono entrati nell’ufficio, così come possibili problemi di responsabilità per i datori di lavoro, ma osha ha rifiutato di rivedere i suoi standard. David Michaels, che era a capo di osha durante l’amministrazione Obama, ha dichiarato al Washington Post, a giugno, “Migliaia di lavoratori si sono lamentati con osha e osha ha detto loro che sono soli”. L’amministrazione Trump si è concentrata sull’abbattimento delle normative che disciplinano le imprese, non sulla creazione di altre.

Alcuni stati hanno emesso protocolli di ritorno al lavoro, ma in molti casi è lasciato a designer come Carroll e i suoi colleghi sviluppare le migliori pratiche in materia di distanziamento sociale, pulizia delle superfici e qualità dell’aria e trasmetterle ai propri clienti come procedure suggerite. Carroll mi ha detto: “Siamo abituati agli standard del settore in materia di inclusività e diversità, ma questa nuova responsabilità sociale intorno alla salute e al benessere la porta in un’altra dimensione. Inoltre, è altamente personale per le persone: qual è il loro livello di sicurezza percepito “.

The Great Fomite Freakout, un termine coniato da Dylan Morris, ricercatore presso l’U.C.L.A., era in pieno svolgimento all’inizio dell’estate, quando ho iniziato a partecipare alle chiamate Zoom con i designer di O + A, Gensler e Arup, una società globale di ingegneria e design. All’inizio, quando si pensava che il virus fosse veicolato principalmente in goccioline di umidità, si credeva che le superfici fossero un mezzo di trasmissione primario. (Un fomite è un oggetto inanimato che può trasportare contagi.) Tutto ciò che i lavoratori toccavano regolarmente – ringhiere, pulsanti dell’ascensore, rubinetti, il banco della reception, la caffettiera, il refrigeratore d’acqua – era un possibile punto caldo. Carroll e i suoi colleghi hanno raccolto informazioni sulle proprietà antimicrobiche del rame rispetto a plastica e cartone. I progettisti hanno sviluppato “protezioni per lo starnuto” e barriere trasparenti attorno alle postazioni di lavoro a pianta aperta, rendendole, in effetti, cubicoli trasparenti e portando a una grave carenza di plexiglass.

Si è quindi scoperto che, sebbene il virus possa persistere su alcune superfici per giorni, è estremamente improbabile che una persona possa prenderlo toccando quelle superfici. All’inizio di agosto, il consenso scientifico era che la trasmissione per via aerea potrebbe essere una minaccia maggiore rispetto ai fomiti. La possibilità che il virus potesse circolare nel sistema di riscaldamento e condizionamento dell’aria dell’ufficio significava che i progettisti dovevano aggiungere informazioni sull’H.V.A.C. dei clienti. sistemi ai loro portafogli di considerazioni relative a covid. Significava anche che le barriere da sole non avrebbero impedito al virus di diffondersi.

Gli incontri virtuali a cui ho partecipato erano carichi di un senso di alto scopo, poiché i designer in prima linea hanno usato le loro capacità per salvare vite umane. La segnaletica era fondamentale; Il 2020 si è rivelato un periodo d’oro per i grafici. La segnaletica di sicurezza proposta nei luoghi di lavoro dei colletti bianchi è stata notevolmente ampliata per trasmettere informazioni su come mantenere le distanze sociali, lavarsi le mani, indossare la maschera e il flusso unidirezionale in ascensori, atri e corridoi “curati”. Alcuni segni utilizzavano umorismo e fantasia: “abbraccia quello starnuto”, “lavati le zampe”. Altri hanno cercato di suscitare empatia per i colleghi.

Ma, nonostante tutte le ricerche e gli interventi consigliati, la maggior parte degli uffici è rimasta quasi vuota; molti dei segnali non sono mai stati utilizzati. Entro la fine di novembre, secondo il Partenariato per New York City, solo il dieci per cento dei colletti bianchi a Manhattan era tornato ai loro uffici, e anche se le persone vengono vaccinate sembra improbabile che molti datori di lavoro riportino il personale prima l’estate del 2021; Google ha recentemente spostato la data di ritorno a settembre 2021.

Alcune procedure di igiene e pulizia migliorate possono sopravvivere alla pandemia, ma è probabile che vengano assorbite nel sistema di classificazione volontario per “edifici sani” amministrato da Fitwel, l’ente di certificazione del settore immobiliare e gestito dal Center for Active Design. Fitwel assegna valutazioni sia agli edifici che ai singoli luoghi di lavoro in base a fattori come l’accesso alla luce naturale e la promozione dell’attività fisica. Molte best practice relative a covid sono già state incorporate nel modulo di risposta virale scaricabile di Fitwel.

quando la pandemia colpì, gli uffici open space erano diventati ancora più odiati delle fattorie cubiche. Le aziende benestanti potrebbero essere disposte a spendere soldi per tipologie basate sull’attività che offrono tregua dalle distrazioni open space, ma, quando i tempi sono duri e i budget degli uffici sono ridotti, la yurta e lo spazio extra per le riunioni sono spesso le prime cose da fare . Dopo la crisi finanziaria del 2008, l’open space è caduto vittima di alcune delle stesse forze sinistre che hanno ridotto i sogni di Propst sul posto di lavoro. Un layout a pianta aperta era ancora più facile da densificare rispetto a una fattoria di cubicoli. Nel 2010, il datore di lavoro medio nordamericano ha assegnato duecento piedi quadrati a ciascun lavoratore; entro il 2017, quel numero si era ridotto a circa centotrenta piedi quadrati.

I lavoratori hanno risposto a questa costante erosione dello spazio personale costruendo cubicoli di suoni con le cuffie. In poche parole, puoi sentirti come un re dello spazio ufficio infinito, purché non guardi in alto dallo schermo. Poiché la maggior parte del lavoro d’ufficio si svolge comunque su desktop virtuali, è stato facile, pre-pandemia, eseguire quello che era essenzialmente un lavoro a distanza mentre si occupava la costosa proprietà immobiliare del datore di lavoro.

In “The Truth About Open Offices”, un articolo pubblicato sull’Harvard Business Review nel dicembre 2019, Ethan Bernstein e Ben Waber, il presidente di Humanyze, una società di analisi dei dati sul posto di lavoro, hanno utilizzato smartphone e sensori per monitorare faccia a faccia e le interazioni digitali presso due società Fortune 500 prima e dopo il trasferimento delle società dai cubicoli agli uffici aperti. Gli autori hanno scritto: “Abbiamo scoperto che le interazioni faccia a faccia sono diminuite di circa il 70% dopo che le aziende sono passate agli uffici aperti, mentre le interazioni elettroniche sono aumentate per compensare”. Il posto di lavoro virtuale, invece di completare quello fisico, era diventato un rifugio da esso.

L’industria tecnologica ha dato vita all’ufficio moderno e quindi ha creato gli strumenti per farne a meno. Questo paradosso aiuta a spiegare la tortuosa storia della tecnologia con il lavoro a distanza. Nel 2009, il quaranta per cento della forza lavoro di I.B.M. era remota. L’IBM Smarter Workforce Institute ha promosso il “telelavoro” ai clienti come il futuro, sostenendo che i lavoratori remoti “erano molto coinvolti, più propensi a considerare i loro luoghi di lavoro come innovativi, più soddisfatti delle loro prospettive di lavoro e meno stressati rispetto ai loro colleghi più tradizionali, legati all’ufficio.”

Ma nel 2017, con gli utili in calo, l’azienda ha lanciato un ultimatum: tutti devono tornare in ufficio o lasciare l’azienda. Allo stesso modo, Marissa Mayer, poco dopo essere diventata la C.E.O. di Yahoo, nel 2012, ha emesso un editto ai suoi dodicimila dipendenti che vietavano W.F.H. Entrambe le società hanno citato la diminuzione della collaborazione come motivo. (Mayer, una neomamma all’epoca, ha costruito una “stanza della madre” accanto al suo ufficio in modo da poter portare il bambino a lavorare.) Nel 2016, circa un terzo della forza lavoro di Yahoo se n’era andato. Nel 2017, la stessa Mayer ha lasciato l’azienda, con duecentosessanta milioni di dollari.

Con l’inizio della pandemia, le aziende tecnologiche sono tornate ad essere paladine del lavoro a distanza, ampliando al contempo i loro portafogli immobiliari. Facebook ha detto che si aspetta che metà della sua forza lavoro sarà remota entro il 2030. Twitter ha detto ai suoi dipendenti che non dovranno mai tornare in ufficio. Microsoft prevede di tenere lontani tutti i lavoratori tranne quelli essenziali fino a questa estate, ma sta anche procedendo con un rinnovamento multimiliardario del suo campus di Redmond, Washington, di cinquecento acri. Ad agosto, R.E.I., il rivenditore di attrezzature e abbigliamento per attività all’aperto, ha annunciato che non si sarebbe trasferito nella sua sede di quattrocentomila piedi quadrati a Bellevue, Washington. Facebook ha acquistato il complesso a settembre per trecentosessantotto milioni di dollari. Per Facebook, che conta cinquantaseimila dipendenti – più di quattromila aggiunti nel corso del 2020 – in ottanta sedi in tutto il mondo, l’ex R.E.I. Il sito rappresenta una frazione del suo futuro fabbisogno di spazio, anche se la metà dei suoi lavoratori sono lontani in dieci anni.

Microsoft ha tradizionalmente avuto di più una cultura del muro e del cubicolo rispetto alle aziende tecnologiche più giovani. I siti ristrutturati di Redmond avranno meno uffici privati ​​e più spazio basato sul team. L’azienda prevede di iniziare a trasferirsi entro il 2023.

Tuttavia, la pandemia ha notevolmente accelerato gli sforzi di Microsoft per creare un ufficio virtuale per il futuro. Jared Spataro, vicepresidente dell’azienda per il lavoro moderno, mi ha illustrato i suoi piani, che saranno progettati attorno a Teams, il suo software di conferenza.

La rivoluzione del PC “ha digitalizzato i documenti”, ha detto Spataro. Invece di pagine e cartelle fisiche su una scrivania, gli impiegati avevano documenti e file digitali su un desktop virtuale all’interno di un computer. Ma questi desktop digitali non si trovavano all’interno di un ufficio virtuale, uno in cui ci si poteva facilmente muovere tra gli altri desktop e incontrarsi nelle sale conferenze o nelle aree comuni. Non c’era un refrigeratore d’acqua virtuale per facilitare gli incontri fortuiti.

La pandemia, ha proseguito Spataro, sta accelerando una “seconda trasformazione digitale”: la creazione di un ufficio virtuale basato su cloud che collega i desktop, dove i dipendenti andranno a lavorare, siano essi presenti nell’ufficio fisico o lavorando da remoto. Sembra la versione digitale della rivoluzione dell’ufficio open space: i muri attorno al desktop virtuale dell’individuo stanno crollando. E, ancora una volta, gli ingegneri del software stanno aprendo la strada.

“Pensiamo che ogni azienda avrà bisogno di investire in uno spazio di lavoro digitale per ogni dipendente”, ha detto Spataro. Ha aggiunto che stava già ascoltando le aziende che vogliono utilizzare i soldi risparmiati riducendo il loro ingombro fisico per costruire un ufficio personalizzato nel cloud, carico di strumenti di lavagna digitale e di videoconferenza proprietari, che trascenderanno lo spazio e il tempo. Se vuoi sapere cosa è successo nell’ufficio virtuale martedì scorso, puoi tornare indietro e rivedere le riunioni.

“Quegli spazi diventeranno molto rapidamente il centro di gravità per il lavoro”, ha continuato. “Li useremo in cucina, li useremo durante il transito al nostro lavoro. Anche quando torneremo nel settore immobiliare, non torneremo al cento per cento. Verrai in ufficio, farai il tuo lavoro, poi arrotolerai il tuo spazio di lavoro e lo porterai con te “.

Le implicazioni sulla privacy dell’ufficio virtuale fanno sembrare pittoresca la mancanza di spazio personale nell’ufficio open space. Ogni battitura in un ufficio virtuale è tracciabile. A metà degli anni novanta, i lavoratori hanno iniziato a ricevere le chiavi magnetiche, il che significava che l’azienda poteva sapere quando eri nell’edificio e quando no. In uno spazio di lavoro virtuale, saprebbe quasi tutto ciò che fai al lavoro.

Spataro ha convenuto che avremo bisogno di una sorta di carta dei diritti dei lavoratori, che specifichi quali informazioni personali possiede il tuo datore di lavoro. Ma, ha aggiunto, non è compito di Microsoft: “Questo è il dominio del governo”.

Verso la fine di ottobre, Orpilla e il suo staff hanno convocato una riunione Zoom con Corns e i suoi colleghi per presentare il piano di O + A per l’ufficio di San Francisco di R / GA. Tutti lavoravano da casa, tranne David Boehm, che accedeva dalla Trentatreesima Strada Ovest 450, dove stava supervisionando la ristrutturazione del quartier generale ridimensionato.

Dani Gelfand, senior designer di O + A, ha guidato il gruppo in un tour virtuale del progetto proposto, a cominciare dalla reception. Questo spazio dovrebbe “segnalare una sensazione di sicurezza”, ha detto. Comprendeva porte d’ingresso senza contatto, stazioni di sanificazione, un punto di controllo della temperatura a infrarossi e una stanza di isolamento per le persone che registrano la febbre. (Almeno lì avranno un po ‘di privacy.)

Usando il suo cursore, Gelfand ci guidò attraverso la sala per vestirsi / spogliarsi, notando gli armadietti per gli oggetti personali. Ha continuato attraverso una dispensa comune “che impiega attrezzature senza contatto ove possibile” – una macchina da caffè senza contatto, un distributore di utensili senza contatto, un refrigeratore d’acqua a pedale – fino a una sala benessere generale, che, ha detto, sarebbe stata principalmente per le madri ma anche per “preghiera e decompressione”. Abbiamo seguito Gelfand nello spazio di lavoro comune principale, che comprendeva postazioni di lavoro per ventiquattro persone, con scrivanie individuali non assegnate ma prenotabili disposte a girandola e barriere tra le superfici delle scrivanie che offrivano un minimo di privacy visiva.

Questa parte dell’ufficio post-pandemia assomigliava molto al layout open space pre-pandemia, solo di più. Corns, rilevando la somiglianza, ha detto: “Niente deve sembrare un ufficio prima. Quindi queste postazioni di lavoro non hanno bisogno di essere scrivanie, di per sé. “

“Forse abbiamo solo mobili da salotto e un posto per collegarsi”, ha suggerito Gelfand.

Il tour virtuale è poi proseguito attraverso un’area con diversi “focus pod” che assomigliavano a cabine di ristoranti a tre lati. “I baccelli potrebbero essere più alti, quindi sono più simili a un’esperienza in uno stand chiuso”, ha osservato Gelfand. Sembrava un cubicolo, la tipologia che non osa pronunciare il suo nome.

Il resto dell’ufficio è stato occupato da uno studio per la fotografia e il lavoro artistico digitale e una serie di sale conferenze semichiuse con grandi schermi video e un suono migliore per il collegamento con il personale che lavora da remoto. Gelfand ha paragonato questo aspetto del piano a un “ufficio sul campo delle comunicazioni”.

Boehm ha detto che sembrava che ci sarebbe stato molto traffico attraverso le aree di interesse per arrivare alla dispensa e allo studio. Ad aggravare queste potenziali distrazioni sarebbe il suono delle persone che conducono riunioni virtuali nelle aree A / V. “La gestione del suono in ufficio sarà fondamentale mentre andiamo avanti”, ha detto.

Tutti nella riunione virtuale fissavano la pianta dell’ufficio sullo schermo, cercando di immaginare come sarebbe stato essere fisicamente sul pavimento mentre alcuni colleghi erano lì virtualmente. Il vero ufficio del futuro, mi sembrava, si trovava da qualche parte tra lo spazio fisico che O + A aveva progettato e lo spazio virtuale da cui lo stavamo osservando.

Infine, Gelfand ha notato che ci sarebbero stati due uffici privati, come specificato nel brief: uno per le risorse umane, per le riunioni che richiedono privacy e l’altro per lo stesso amministratore delegato Corns.

un giorno di dicembre, ho deciso di tornare nell’ufficio del New Yorker, al ventitreesimo piano del One World Trade Center, a Lower Manhattan, che il personale aveva bruscamente lasciato a marzo. Era un pomeriggio grigio e ventoso. I marciapiedi del centro, normalmente vivaci all’ora di pranzo, erano deserti, fatta eccezione per i lavoratori edili, che erano impegnati ad aggiungere uffici e spazi residenziali a un mercato sazio. Come una superpetroliera, la nave che è l’immobile commerciale di New York è difficile da girare. Continua ad arare, anche se ha raggiunto i confini del mondo conosciuto.

L’atrio silenzioso era vuoto tranne che per la sicurezza mascherata. Un albero di Natale scintillava in fondo. Mi è venuta in mente la scena della festa in ufficio in “The Apartment”. Il lavoro da remoto può aumentare l’efficienza e la produttività, ma una festa di vacanza in ufficio virtuale è una cosa completamente diversa. Stare seduti a casa, guardare colleghi ubriachi che si innamorano su uno schermo potrebbe mandare in bancarotta il proprio capitale sociale.

L’apertura del film muto di King Vidor “The Crowd”, del 1928, ci mostra il trafficato porto di New York, seguito dalle strade e dai marciapiedi del centro, brulicanti di gente e traffico. Quindi la telecamera entra in picchiata da un’alta finestra e scivola su un mare di scrivanie identiche in un vasto ufficio aperto in stile fabbrica, finché non si ferma davanti a un’unica scrivania con un nome inciso su una piccola placca di Eroe Everyman. Nella novantaduesima sequenza, la città affollata si è ridotta di scala, diventando grande quanto un uomo alla sua scrivania.

Per quanto ne sapevo, ero l’unica anima nel nostro ufficio progettato da Gensler. I promemoria dei post-it di marzo erano arricciati ai bordi. Il silenzio era opprimente.

Seguendo la nuova segnaletica direzionale unidirezionale, alla fine sono arrivato alla mia scrivania. Ho avviato il mio desktop virtuale, pensando che avrei potuto sfruttare la tranquillità e la privacy rare per svolgere effettivamente un po’ di lavoro in ufficio. Ma non riuscivo a concentrarmi. Mi mancavano i miei colleghi. Che sia recintato, aperto o basato su cloud, un ufficio riguarda le persone che ci lavorano. Senza le persone, l’ufficio è un guscio vuoto.

link all’articolo originale: THENEWYORKER.com

Condividi:
  • 2
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

© 2012-2021 virgoletteblog.it creato da Filippo Piccini

Log in with your credentials

Forgot your details?