Il Congresso approva un umbizioso piano da $1.9 trilioni, assicurando la prima grande vittoria a Biden

nacny pelosi approvazione

Mercoledì il Congresso ha dato l’approvazione finale all’ampio pacchetto di stimoli da quasi 1,9 trilioni di dollari del presidente Biden, mentre i Democratici hanno agito contro l’opposizione repubblicana unificata per far passare un piano di aiuto pandemico di emergenza che porta ad una vasta espansione della rete di sicurezza sociale del paese.

Con un voto di 220 contro 211, la Camera ha inviato il provvedimento al signor Biden per la sua firma, consolidando una delle più grandi iniezioni di aiuti federali dalla Grande Depressione. Fornirebbe un altro giro di pagamenti diretti per gli americani, un’estensione dei sussidi federali di disoccupazione e miliardi di dollari per distribuire vaccini contro il coronavirus e fornire sollievo a scuole, stati, governi tribali e piccole imprese che lottano durante la pandemia.

“Questa legislazione mira a dare alla spina dorsale di questa nazione – i lavoratori essenziali, i lavoratori che hanno costruito questo paese, le persone che mantengono questo paese – una possibilità di combattere”, ha detto Biden in una dichiarazione. Ha detto che non vede l’ora di firmare quello che ha definito un “atto legislativo storico” venerdì alla Casa Bianca.

Il voto ha coronato una rapida spinta da parte di Biden e dei Democratici, di recente al controllo di entrambe le camere del Congresso e della Casa Bianca, per affrontare il bilancio della pandemia di coronavirus e iniziare a mettere in atto la loro più ampia agenda economica. Si stima che il disegno di legge taglierà la povertà di un terzo quest’anno e potenzialmente ridurrà la povertà infantile della metà, con espansioni di crediti d’imposta, aiuti alimentari, affitti e mutui.

Mentre i Repubblicani sostenevano che il piano, il cui costo finale era stimato in $ 1.856 trilioni, era gonfio e insostenibile, un sondaggio del Pew Research Center pubblicato questa settimana ha dimostrato avere un ampio consenso tra la popolazione, con il 70% degli americani a favore.

Biden e il Congresso Democrats hanno pianificato uno sforzo elaborato per promuoverlo in tutto il paese, cercando di evidenziare una serie di misure tra cui crediti d’imposta per i bambini e maggiori aiuti alla disoccupazione durante la Festa del Lavoro. Lo sforzo inizierà giovedì con un discorso in prima serata di Biden, e i Democratici al Congresso hanno già aperto a ventaglio decine di eventi nei loro stati e distretti per prendersi il merito della legislazione.

La campagna ha lo scopo di costruire il sostegno per le disposizioni che sperano di rendere permanenti negli anni a venire e di punire politicamente i repubblicani per non averlo sostenuto.

Il passaggio finale è avvenuto meno di due mesi dopo che Biden è entrato in carica e circa un anno dopo che le città e gli stati hanno iniziato a chiudersi per arginare la diffusione del coronavirus, stimolando una serie di progetti di legge che hanno attirato il sostegno bipartisan e sono stati firmati dal presidente Donald J. Trump.

Ma invece di contrattare con i repubblicani che volevano ridimensionare il pacchetto, i democratici hanno accelerato la propria misura attraverso la Camera e il Senato senza fermarsi a corteggiare il sostegno dell’opposizione. Sono rimasti notevolmente uniti nel farlo, con un solo democratico, il rappresentante Jared Golden del Maine, che ha votato contro la misura finale.

“Questa è la legislazione più significativa a cui molti di noi parteciperanno”, ha detto il presidente della California Nancy Pelosi in una conferenza stampa dopo l’approvazione del disegno di legge. “In questo giorno festeggiamo perché stiamo onorando una promessa fatta dal nostro presidente e ci uniamo a lui nel promettere che l’aiuto è in arrivo”.

In precedenza, aveva respinto la mancanza di sostegno repubblicano e aveva detto che gli oppositori non avrebbero esitato a rivendicare il merito per gli elementi popolari del piano, dicendo: “È tipico che votino no e poi prendano la pasta”.

Per far capire cosa intende, il senatore Roger Wicker, repubblicano del Mississippi, ha twittato con approvazione poche ore dopo che il disegno di legge veniva varato con i circa 28,6 miliardi di dollari inclusi in “aiuti mirati” per i ristoranti. Il suo post non menzionava che aveva votato no.

“Non voterò per 1,9 trilioni di dollari solo perché ha un paio di buone provviste”, ha poi detto ai giornalisti.

Il voto quasi in linea di partito rifletteva una scommessa sia per i Democratici che per i Repubblicani, radicata nel 2009, quando il Congresso corse per affrontare la Grande Recessione nei primi mesi dell’amministrazione Obama. All’epoca, i Democratici si sforzarono di ottenere almeno un po’ di sostegno repubblicano per quella che all’epoca era la più grande iniziativa di stimolo presa in considerazione dal Congresso, riducendo il pacchetto nel processo.

Gli economisti concordano ampiamente sul fatto che la legge sullo stimolo da 787 miliardi di dollari che ne derivò, che aveva comunque attirato uno scarso sostegno repubblicano, era troppo piccola per affrontare la crisi, e i Democratici persero la Camera nelle successive elezioni di medio termine.

Questa volta, i repubblicani scommettevano sul fatto che gli elettori sarebbero rimasti delusi dalla portata e dal prezzo del piano, nonché dal processo partigiano che lo ha prodotto, e avrebbero punito i democratici di conseguenza.

“Questo non è un piano di salvataggio. Non è un disegno di legge di soccorso”, ha detto il rappresentante Kevin McCarthy della California, il leader della minoranza. “È una lunga lista di priorità di sinistra che precedono la pandemia e non soddisfano i bisogni delle famiglie americane”.

Stavano anche indicando un aumento del deficit – che il Dipartimento del Tesoro ha riferito mercoledì era salito del 68% a $ 1 trilione negli ultimi cinque mesi – sostenendo che il pacchetto si aggiungerebbe ad un onere del debito già schiacciante.

I principali esponenti repubblicani hanno anche cercato preventivamente di negare ai democratici il credito per qualsiasi miglioramento economico che potrebbe seguire l’emanazione della misura.

“Il popolo americano avrebbero visto un ritorno americano quest’anno”, ha detto McCarthy, “ma non ci sarà a causa di questo disegno di legge liberal”.

I repubblicani hanno lottato per unirsi attorno a una critica specifica del piano, oltre a condannarlo come ultraprogressista, un’accusa che i democratici sono stati felici di accettare. Diverse disposizioni erano state precedentemente incluse nei pacchetti sostenuti dai repubblicani quando Trump era in carica, rendendo difficile per loro avviare una causa contro la maggior parte dei suoi componenti.

L’elevato costo della legislazione, il secondo più grande disegno di legge sugli aiuti pandemici dopo la legge sullo stimolo da $ 2,2 trilioni emanata poco meno di un anno fa, è stato possibile solo perché i Democratici detengono la maggioranza in entrambe le camere, anche se esigua. Con un margine di controllo di 10 voti alla Camera e un Senato da 50 a 50 in cui il vicepresidente Kamala Harris può rompere i legami, i democratici hanno avuto solo i voti sufficienti per far passare un piano che è più del triplo della più generosa proposta repubblicana.

“Voglio che tutti ripensino al 4 novembre – il giorno dopo le elezioni – quando non abbiamo ottenuto il risultato che volevamo alla Camera, non abbiamo ottenuto il risultato che volevamo al Senato”, ha detto il rappresentante John Yarmuth , il Democratico del Kentucky che guida il Comitato per il bilancio, martedì in una conferenza stampa celebrativa. “Non eravamo sicuri se avremmo avuto la presidenza. E qui solo pochi mesi dopo, stiamo per approvare uno degli atti legislativi più significativi della storia moderna”.

Biden aveva inizialmente parlato di bipartitismo, invitando un contingente di senatori repubblicani moderati alla Casa Bianca per discutere un potenziale accordo. Ma stavano cercando di ridurre notevolmente le dimensioni del piano di salvataggio e la Casa Bianca ha concluso che non c’era un accordo da concludere che soddisfacesse la necessità.

Invece di ridimensionare il pacchetto nel tentativo di conquistarli e raccogliere i 60 voti necessari per superare un’ostruzionismo al Senato, i Democratici si sono rivolti a un processo di bilancio noto come riconciliazione, che richiede solo una maggioranza per approvare importanti misure fiscali.

La misura fornirà 350 miliardi di dollari per i governi statali, locali e tribali; $ 10 miliardi per progetti di infrastrutture statali critiche; 14 miliardi di dollari per la distribuzione di vaccini; e 130 miliardi di dollari alle scuole primarie e secondarie. Il disegno di legge include anche 30 miliardi di dollari per le agenzie di transito; $ 45 miliardi in noleggio, servizi pubblici e assistenza ipotecaria; e miliardi in più per le piccole imprese e i luoghi di spettacoli dal vivo.

Fornisce un altro giro di pagamenti diretti ai contribuenti americani, inviando assegni fino a $ 1.400 a persone che guadagnano fino a $ 80.000, genitori single che guadagnano $ 120.000 o meno e coppie con redditi familiari non superiori a $ 160.000.

I pagamenti federali di disoccupazione di $ 300 a settimana saranno estesi fino al 6 settembre e fino a $ 10.200 di aiuti senza lavoro dello scorso anno saranno esentasse per le famiglie con redditi inferiori a $ 150.000. Il disegno di legge aumenta anche i crediti fiscali per i bambini, fornendo $ 300 per bambino di età pari o inferiore a 5 anni e $ 250 per bambino di età compresa tra 6 e 17 anni.

Le realtà pratiche e politiche che hanno plasmato la misura, comprese le rigide regole di riconciliazione e le magrissime maggioranze dei Democratici, hanno prodotto un disegno di legge più ristretto rispetto a quello inizialmente proposto da Biden e alcune disposizioni temporanee che il suo partito dovrà combattere per preservarle.

Uno è l’espansione del credito d’imposta sui figli. Le famiglie lo perderanno in un anno a meno che il Congresso non accetti di estenderlo o di renderlo permanente, ma i Democratici hanno affermato di ritenere che i Repubblicani non saranno disposti a togliere i benefici e far precipitare milioni di bambini nella povertà.

La legislazione contiene anche un’espansione sostanziale, sebbene temporanea, dei sussidi sanitari che potrebbe ridurre drasticamente i pagamenti assicurativi mensili per coloro che acquistano la copertura ai sensi dell’Affordable Care Act. E per sei mesi, dal 1 aprile al 30 settembre, la misura coprirà integralmente i costi della cosiddetta assicurazione sanitaria COBRA per le persone che hanno perso il lavoro, o hanno avuto una riduzione dell’orario di lavoro e acquistano la copertura dal loro ex datore di lavoro.

I democratici sono stati anche costretti a rimuovere un aumento del salario minimo federale, che andava in conflitto con le regole di bilancio, frustrando i progressisti. I democratici non avrebbero potuto tenere insieme i propri membri al Senato per cercare di rilanciare la misura, che avrebbe aumentato il salario a $ 15 entro il 2025.

Nei negoziati con i membri di tendenza conservatrice, i Democratici hanno anche ridotto l’ammissibilità ai pagamenti diretti e ridotto i pagamenti ai senza lavoro. Tuttavia, i legislatori progressisti si sono mobilitati attorno al pacchetto finale, anche se hanno giurato di continuare a lottare per adottare misure più ambiziose.

“Oggi ho sostenuto con orgoglio l’American Rescue Plan sul pavimento della Camera dei Rappresentanti, ma il nostro lavoro è incompiuto”, ha dichiarato in una dichiarazione la rappresentante Ayanna S. Pressley, democratica del Massachusetts. “Dobbiamo continuare a lottare per politiche che soddisfino la portata di questa crisi e ci mettano sulla strada per una ripresa giusta ed equa a lungo termine”.

link all’articolo originale: TheNewYorkTimes.com

Condividi:
  • 2
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

© 2012-2021 virgoletteblog.it creato da Filippo Piccini

Log in with your credentials

Forgot your details?