La crisi pandemica rallenta la migrazione nord-sud e incoraggia alcuni meridionali a fare ritorno

work from home

Nel 2014, come molti giovani italiani del Mezzogiorno italiano, Mario Mirabile è emigrato nel nord più ricco senza alcuna intenzione di tornare. Ma quando il 26enne siciliano ha avuto l’opportunità di trasferire il suo lavoro di consulente nella sua città natale, ha terminato il contratto di locazione, ha fatto le valigie e ha comprato un biglietto di sola andata da Bologna a Palermo.

Quando non è in una riunione digitale con i colleghi, la famiglia e gli amici per tutta la vita popolano la sua vita quotidiana, ha detto. Lo stile di vita siciliano non è più limitato alle vacanze e sta risparmiando molti soldi, ha aggiunto.

“Ciò che era impensabile un anno fa è ora realtà”, ha detto Mirabile. “Vedo crescere la mia sorellina, posso andare al mercato, parlare il dialetto e tornare alla mia scrivania e parlare subito inglese e spagnolo. Mantenere un focus internazionale a casa è un sogno che si avvera “.

Mirabile fa parte di un gruppo di professionisti dell’Italia meridionale che coglie la pandemia e cambia i paradigmi di lavoro per cercare di invertire la fuga di cervelli che da anni colpisce le province più povere del Paese. Dalla cittadina collinare di Castelbuono, a 90 minuti di auto a est di Palermo, il consulente ha co-fondato South Working, un’associazione che promuove il lavoro a distanza nelle aree rurali meridionali e che, spera, contribuirà a fermare una tendenza dannosa per la sua isola.

Si stima che nell’ultimo decennio più di 1 milione di persone si siano spostate dal Mezzogiorno – un termine per gli stati meridionali e le isole d’Italia – al nord. L’emigrazione straniera è un altro fattore di drenaggio: nei 10 anni fino al 2019, circa 900.000 italiani si sono trasferiti all’estero, secondo i dati del governo. Quell’anno, più di un terzo dei nuovi espatriati proveniva dalle regioni meridionali. Di conseguenza, la popolazione dell’Italia meridionale è diminuita di oltre il 3 per cento tra il 2014 e il 2020, mentre è rimasta stabile nel più ricco nord-est.

L’impatto economico è aggravato dal fatto che i migranti meridionali tendono ad essere più istruiti: nel 2019, più del 40% di coloro che hanno più di 25 anni e si stabiliscono nel nord possedeva almeno un diploma universitario, mentre questo era circa uno su tre dei Italiani che si trasferiscono all’estero.

La pandemia ha frenato questa tendenza decennale: tra marzo e dicembre 2020, quando erano in vigore la maggior parte delle restrizioni Covid-19, la migrazione netta sud-nord si è quasi dimezzata rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Nello stesso periodo, il numero degli italiani meridionali che lasciano il Paese è diminuito di oltre un terzo.

Luca Giustiniano, professore di Organizzazione aziendale presso l’Università LUISS di Roma, ha affermato che mentre è troppo presto per trarre conclusioni a lungo termine, la pandemia porterà a una profonda riorganizzazione delle abitudini di lavoro.

Le infrastrutture pubbliche devono essere migliorate nel sud per invertire davvero la fuga di cervelli: “Per abbracciare davvero il lavoro nel sud, il lavoro deve essere ripensato in profondità, con un’attenta pianificazione con le imprese”.

I fondi UE per la ripresa e un piano governativo per rilanciare l’economia dell’Italia meridionale offrono un’opportunità unica per correggere il divario nord-sud del paese, ha affermato Mara Carfagna, ministro per il Sud e la Coesione territoriale. Il Sud Italia assorbirà il 48 per cento degli investimenti nella banda ultralarga nell’ambito del piano di ripresa.

“Potrebbe diventare un’opportunità più solida e diffusa se le aziende confermassero la loro propensione allo smart working e se il sud riuscisse a ridurre rapidamente il gap nelle infrastrutture digitali che grava su molte realtà locali”, ha detto.

Tra i recenti rimpatriati ci sono Alessandra Ripa, una matematica di 38 anni che ha lavorato per varie multinazionali sviluppando servizi per l’online banking e l’analisi dei clienti, e che recentemente è entrata a far parte di un’importante azienda tecnologica come responsabile marketing. Dopo 10 anni a Milano è tornata nella nativa Lecce, una città barocca a pochi passi dal mare nella regione meridionale italiana della Puglia.

“Mi sentivo un po ‘insoddisfatta della mia vita per un po’ e stavo cominciando a sentire il bisogno di essere più vicina al mare e alla natura”, ha detto. “I primi mesi di isolamento trascorsi in 50 metri quadrati senza vedere nessuno a parte il mio gatto sono stati la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Ho fatto i bagagli di 10 anni di vita e sono venuto quaggiù. “

Ripa si è trasferita in una casa nel centro storico di Lecce, che aveva acquistato alcuni anni fa come investimento, ed era stata utilizzata come Airbnb fino all’inizio del 2020. “Mi sento ringiovanita”, ha detto. “La parola claustrofobia è scomparsa dal mio vocabolario.”

Nella cittadina medievale di Cagli, a nord del Mezzogiorno ma immersa nella regione rurale delle Marche, la 35enne Lucrezia Martufi pensa al suo futuro. Dopo 13 anni tra Germania e Spagna, durante la pandemia ha deciso di trasferirsi in una vecchia casa nel centro storico del paese che aveva ereditato dalla madre. Ora lavora in remoto come project manager per un’agenzia di traduzioni.

“Sono passata dall’essere bloccata in un appartamento con un elicottero che volava sopra la mia testa e controllare che nessuno stesse violando le restrizioni Covid al silenzio e alla pace delle montagne”, ha detto.

“Questo mi sta aiutando a realizzare ciò che è importante nella vita e, nonostante tutto ciò che le grandi città hanno da offrire quando funzionano correttamente, ho deciso di rimanere qui a tempo indeterminato, per un approccio alla vita più pacifico e sostenibile”, ha detto.

link all’articolo originale: FINANCIALTIMES.com

Condividi:
  • 2
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

© 2012-2021 virgoletteblog.it creato da Filippo Piccini

Log in with your credentials

Forgot your details?